Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Danimarca

Geist

Ai tempi in cui la Nuova Cucina Nordica era religione gastronomica di Stato, Copenhagen era la sede del papato e le eresie venivano per lo più represse, gli chef che mettevano un pomodoro in tavola scherzavano sull'arrivo imminente dell'Inquisizione danese. Le tavole della legge le conosciamo: ingredienti solo scandinavi (alla faccia del km 0), amaro e acido come gusti principali della palette, la fermentazione come tecnica feticcio (potremmo quasi dire: la fermentazione come nuova sferificazione). Bo Bech - chef, gastronomo, fotografo e celebrità - al suo Geist propone da anni una terza via, né radicalmente altra né ortodossa: un ristorante molto bello e poco nordico - pavimenti in cemento, divanetti di velluto e un bar molto movimentato - collocato proprio a Kongens Nytorv, nel pieno centro cittadino.

Dal canone New Nordic Bech ha assorbito il culto dell'ingrediente, evidente in piatti simbolo come i Wafer di avocado e caviale, composti con una precisione formale che ricorda l'ikebana; o il Carpaccio di aragosta norvegese con yuzu e ibisco, alto come le profondità marine da cui arrivano i crostacei serviti a queste latitudini. Per il resto, qui c'è grande libertà formale nelle tecniche di cucina e la concentrazione del sapore sembra essere la sola bussola che orienta ogni scelta.

L'azione si concentra nella sala da pranzo disposta tutt'intorno alla cucina a vista, che predilige cotture espresse in padelle sfrigolanti. Dal piccolo menu - 30 piatti, solo à la carte - si ordina liberamente - e poi in genere si ordina ancora, viste le porzioni da assaggio di molte proposte.

Chef

Bo Bech

Contatti

+4533133713

Kongens Nytorv, 8
1050 - Copenaghen
restaurantgeist.dk
mail@restaurantgeist.dk
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
variabili
Menu degustazione
250 corone danesi

Perché fermarsi
nel centro di Copenhagen, un ristorante gioioso e mondano che piacerà agli agnostici della Nuova Cucina Nordica
Sara Porro
Sara Porro

scrive di cibo, viaggi e costume per Amica, La Repubblica, SportWeek