Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Lombardia

Il Cantinone dello Sport Hotel Alpina

Sebbene distratto dall’estate americana – ogni anno Il Cantinone trasloca armi e bagagli alla Vittorio Sattui di St Helena, un centinaio di chilometri a nord di San Francisco –, il cuoco Stefano Masanti continua a fare a Madesimo quello che ha fatto negli ultimi 28 inverni: condurre in silenzio uno dei migliori ristoranti dell’intero arco alpino.

Sotto lo stesso tetto del Cantinone, apparecchia con la molgie Raffaella i 16 coperti del ristorante fine dining e i 25 del Cantinone bistrot. In quest’ultimo sono serviti i piatti più gettonati dell’ultimo decennio, come i pizzoccheri nella versione di Gordona, sorta di strozzapreti corti che si distinguono dagli ‘gnocchetti’ della versione di Chiavenna. O la Crema di castagne con uovo morbido, caramello di aceto di vino sforzato e spuma di bitto.

Ma è dall’insegna con stella Michelin che nascono le vere gioie palatali, scaturite dai piatti di selvaggina (che gli dona papà Franco, sindaco-cacciatore) e d’acqua dolce, un sincretismo particolarmente riuscito nei Gamberi di fiume con rognone di coniglio e tartufo nero, figlio di un’abitudine a mescolare carne e pesce rafforzata allo Slanted Doors, insegna vietnamita ammirata a San Francisco. E poi c’è un magnifico dessert alla zucca, un dolce non dolce che esplora l’ortaggio in tre consistenze: flan, crema semi tostati e miscelati a caramello croccante, un vezzo mono-ingrediente che esprime anche un certo retaggio ferran-adrianesco.

Chef

Stefano Masanti

Sous-chef

Stefano Ciabarri

Ai dolci

Filippo Bertalli

In sala

Raffaella Mazzina

In cantina

Raffaella Mazzina

Contatti

+39 0343 56120

via Antonio de Giacomi, 39
23024 - Madesimo (Sondrio)
ristorantecantinone.com
info@sporthotelalpina.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
8 aprile-5 dicembre
Prezzo medio vino escluso
70 euro
Menu degustazione
70 e 90 euro

Ristorante con camere

Lo chef consiglia
di acquistare la sua "brisaola", una bontà filologica che ridicolizza ogni inautentica bresaola

+

Perché fermarsi
perché Masanti è un cuoco di montagna coi fiocchi
Gabriele Zanatta
Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso diverse scuole e università. twitter @gabrielezanatt instagram @gabrielezanatt