Giorgio Servetto

ph OnStageStudio

ph OnStageStudio

Nove a Villa della Pergola

via Privata Montagu, 9
17021 - Alassio (Savona)
+390182646140

LEGGI LA SCHEDA SULLA GUIDA 2020

Troviamo sorprendente, quasi unica, e certamente encomiabile, l'opera che Giorgio Servetto sta portando avanti nella riscoperta, nello sdoganamento e nella valorizzazione della cucina della sua regione, la Liguria, al ristorante Nove di Villa Della Pergola, ad Alassio. Ripetiamo: sorprendente, unica, encomiabile. Spieghiamo.

Sorprendente, per iniziare, in virtù dell'adesione profonda e consapevole dello chef a quest'impresa. I piatti che propone sono focalizzati in questo senso, ognuno di essi fa riferimento a ricette tradizionali liguri, a prodotti di nicchia, a lavorazioni spesso dimenticate. Non c'è mai banalità, scorciatoia; mai Servetto desiste dallo scandagliare un'eredità gastronomica che lui ha come obiettivo di portare alla contemporaneità, con foggia attualizzata, ma senza mai tradirne lo spirito originario.

Sorprendente, ancora, perché - a fronte di un progetto sì ponderoso - sta uno chef, Servetto, che non vanta un curriculum da superstar, non è figlio di chissà quale scuola, di chissà quale maestro. Classe 1975, nato a Savona, inizia ad approcciarsi alla cucina fin da piccolo, in quella cascina a Palo dove scopre i sapori autentici e genuini della sua terra, lembo ligure a due passi dalle località piemontesi. Frequenta l’alberghiero e muove i primi passi nel mondo della ristorazione, scalando pian piano la strada del successo grazie alla sua dedizione al lavoro. Negli anni ’90 sono diversi i corsi di cucina che segue, che gli aprono nuove prospettive di sperimentazione fra tendenze gourmet e tradizioni francesi. Le esperienze continuano nel suo primo ristorante, ‘U sciarattü ad Alassio, e ai fornelli de La Locanda dell’Asino. Un approccio più moderno gli viene impartito nelle settimane trascorse al Devero insieme a Bartolini. Da marzo 2016 è executive chef del ristorante Nove.

Tolto Enrico Bartolini (ma solo poche settimane...) nessun grande nome. Eppure, che bravo Servetto, e che bravi i patron del Nove - la famiglia Ricci - a selezionarlo per la loro avventura...

a cura di

Carlo Passera

classe 1974, milanese orgoglioso di esserlo, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta su viaggi e buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it
Instagram: carlopassera