Karime Lopez

Foto Brambilla-Serrani

Foto Brambilla-Serrani

Gucci Osteria da Massimo Bottura

piazza della Signoria, 10
50122 - Firenze
+39 055 75927038
gucciosteria.mb@gucci.com

LEGGI LA SCHEDA SULLA GUIDA 2020

"La giovane cuoca messicana ha saputo mettere in pratica con grande abilità gli insegnamenti del suo maestro Massimo Bottura: applicare tecniche e idee da tutto il mondo a un orizzonte storicamente italiano, l’osteria". Con questa motivazione la Guida Identità Golose 2019 ha premiato Karime Lopez come Miglior chef donna: una decisione brillante, perché questa ragazza classe 1982, nata a Città del Messico, per curriculum, scelte di vita e successiva formazione rappresenta bene l’idea di un’Italia forte delle proprie radici, ma aperta all’esterno.

La Lopez è un gioiello reso più brillante dalle tante esperienze fatte prima di giungere nel nostro Paese. A soli 19 anni, terminato il liceo, è a Parigi e sta studiando arte quando decide di partire per la Spagna: «Nella capitale francese, quando ho visto i ristoranti, le pasticcerie, ho scoperto che anche la cucina poteva essere una forma d’arte. Così ho deciso di cambiare percorso». Da quel giorno non si è più fermata. L'importante trascorso da sous chef per 5 anni al Central di Lima, in Perù, con Virgilio Martinez, è stato solo l'ultima di una serie di tappe: Can Fabes in Catalogna - dove è avvenuta la sua formazione da chef - poi Mugaritz a San Sebastian, Noma in Danimarca, Pujol a Città del Messico, RyuGin di Tokio. Infine, appunto, l'Osteria Francescana, dove è giunta anche perché nel frattempo si era sposata con Takahiko Kondo, sous chef di Bottura.

Così il 9 gennaio 2018, quando i fornelli di Gucci Osteria da Massimo Bottura a Firenze sono stati accesi la prima volta, a governarli era proprio lei: «Ciò che apprezzo di più in Bottura? Sa dare fiducia ai suoi collaboratori. È bello sentirsi dire: "Mi fido di te" da uno chef così importante».

Utilizza ingredienti italiani unendoli alle influenze da tutto il mondo: « È un viaggio divertente, dove si sommano gli insegnamenti di Massimo, le esperienze che tutti i componenti del team hanno fatto all’estero, i sapori garantiti da eccellenti prodotti del Belpaese». E a dicembre 2019 arriva la prima stella Michelin, seconda donna messicana di sempre dopo Daniela Soto-Innes

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Carlo Passera

classe 1974, milanese orgoglioso di esserlo, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta su viaggi e buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it
Instagram: carlopassera