Cresce un Tiglio sui Monti Sibillini

Nel cuore delle Marche, per scoprire il ristorante dello chef autodidatta Enrico Mazzaroni

28-05-2014
Enrico Mazzaroni ha coronato il suo sogno: fare ar

Enrico Mazzaroni ha coronato il suo sogno: fare arrivare l'alta cucina a Montemonaco, piccolo comune della provincia di Ascoli Piceno, e farla incontrare con le tradizioni montane della sua regione. Il Tiglio, tel. +39.0736.856441, prende il nome dall'albero monumentale, di un'età stimata intorno a 400 anni, che si trova davanti alla struttura

A mille metri d’altezza, sulle pendici dei Monti Sibillini, vent’anni fa un giovane ricercatore universitario ha sognato di diventare chef e di portare fin quassù l’alta cucina. Anni di studio sui testi sacri della cucina, di applicazione costante, al fianco della madre, ai fornelli del ristorante di famiglia, di rallentamenti e di grandi slanci creativi e oggi quel sogno prende finalmente forma: lui è Enrico Mazzaroni, Il Tiglio il suo ristorante, un elegante rifugio in pietra immerso nel silenzio di una piccola frazione di Montemonaco.

La preparazione di un piatto: il menu del Tiglio si articola in sei assaggi con tre antipasti, due primi ed un secondo

La preparazione di un piatto: il menu del Tiglio si articola in sei assaggi con tre antipasti, due primi ed un secondo

La sua è una cucina con un'unica grande ispirazione: l’amore. L’amore che lo chef ha per la sua terra natale – che lo ha spinto a lasciare la carriera universitaria nella dotta Bologna per tornare nelle Marche – l’amore per la sua famiglia ma soprattutto per il suo lavoro: «Io capisco che mentre sto stendendo la pasta per i nostri tortelli mi perdo nell'amore di questi gesti e questa è la più grande fortuna che un cuoco possa avere. È impensabile intraprendere un percorso difficile come quello della cucina senza amore; non si possono trascorrere anni per perfezionare la cottura di un maialino o per aspettare un’idea che non arriva mai limpida come vorresti, se non si ama completamente il proprio lavoro. La cucina mi regala una vita davvero felice».

Cuoco autodidatta, con un approccio scientifico (eredità delle sue tre lauree e della cattedra in diritto), Enrico affonda le radici della sua ispirazione nella tradizione montana marchigiana per arrivare a piatti del tutto originali, costruiti su equilibri di sapori complessi e non sempre immediati. Parliamo, ad esempio, del suo Fegato all’italiana che, dai tre elementi tradizionali (fegato, cipolla e marsala), si trasforma in una piacevole paté impreziosito da biscottini e polvere di prezzemolo, cipolla dei Sibillini bruciata in salsa di soia e un gelato al tamarindo per restituire equilibrio al palato.

Il maialino di Enrico Mazzaroni

Il maialino di Enrico Mazzaroni

«La cucina deve colpire sensibilità diverse in modo diverso regalando emozioni effimere irripetibili… per questo mi sento come un artigiano che ogni giorno prende le misure del gusto dei propri clienti e cerca di strappar loro quel mamma mia che buono che riempie di gioia qualunque chef».

Al Tiglio ognuno può scegliere di percorrere il proprio sentiero del gusto, dalla golosa Sfera di parmigiano con cuore liquido alla carota vegana, al Piccione con foie gras e visciole, alla deliziosa Torta al cioccolato frutto di anni di sperimentazione; il tutto coccolati da un servizio attento (coordinato dal sorridente Gian Luigi Silvestri) e rassicurati da menu degustazione a prova di crisi.

Il Tiglio
Località Isola di San Biagio
Montemonaco (AP)
+39.0736.856441
ristorante@iltiglioagriturismo.it
Dal 1 ottobre al 31 maggio chiuso lunedì, martedì, mercoledì, giovedì
Dal 1 giugno al 30 settembre sempre aperto
Prezzi menu degustazione: 33, 35, 45 euro
Prezzi medi à la carte: antipasti 12 primi 15 secondi 18 euro


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose