Al Quarto potere

Al Continental di Cremona, la cuoca Maura Grosio è abile a rinverdire i fasti della Piazzetta di Ferno

09-05-2012
Petto d'anatra scaloppato con cocco, mandorle e co

Petto d'anatra scaloppato con cocco, mandorle e confettura di prugne, piatto in carta al ristorante Al Quarto dell'Hotel Continental di Cremona, telefono +39.0372.080953, chef Maura Grosio, in sala e cantina il compagno Andrea Corradi (foto Augusto Colombo)

Cucina: femminile, singolare. Anzi, singolarissima. Perché Maura Gosio è una chef creativa (ma con juicio, à la Manzoni) e la sua filosofia quando sta ai fornelli è quella di partire dai ”sapori di casa” (così li chiama lei stessa) e di reinterpretarli in modo personale, mantenendo intatti gusti e profumi e restituendo loro un appeal che forse si era perduto nel tempo. Orgogliosamente autodidatta, l’avventura tra fuochi&fiamme della nostra lady chef inizia tra le mura di casa, poi il gran salto con l’apertura de La Piazzetta a Ferno (Varese), gli stage all’estero (memorabile quello in Costa Azzurra con Roger Vergé), la consacrazione ufficiale con la conquista dell’ambita stella Michelin. Dopo 12 anni, la storia de La Piazzetta è terminata ma il trasferimento (insieme al compagno di vita e di avventure Andrea Corradi) dalle rive del Ticino agli argini del Po, nella città delle 3T non ha cambiato il Gosio-pensiero.

La cuoca Maura Grosio, già firma stellata della Piazzetta di Ferno, Varese

La cuoca Maura Grosio, già firma stellata della Piazzetta di Ferno, Varese

La migliore tradizione gastronomica italiana, dalle Alpi a Capo Passero, in una virtuale e reale unificazione d’Italia, è sempre la protagonista indiscussa della “carte” di Maura e viene ripresentata e (re)interpretata con garbata sapienza. Accanto alla preparazione di piatti decisamente “nordici” (come la storica Bourguignonne fredda di Fassone), la nostra si cimenta anche in specialità mediterranee con grande impiego di pesce, l’uso di materie prime che provengono dal Mezzogiorno (la ricotta di bufala entra nel ripieno dei Ravioli serviti con una passatina di piselli e scampi), la riproposizione talentuosa di piatti regionali (il Risotto al limone con burrata, scampi e polvere di capperi). “Ma adesso che mi trovo a lavorare nella patria di mostarde e salumi, marubini e torroni, le mie preparazioni – aggiunge convinta la patronne – si basano anche sugli ingredienti e sulle specialità del territorio, che io ovviamente reinvento, magari proponendo inedite variazioni di ravioli di zucca o presentazioni insolite dei buoni salumi locali, come ho fatto nella realizzazione del Cotechino servito con crema di cipolle e carbone o cimentadomi con un semifreddo al torrone” (assolutamente da favola!).

Sarà questo mix tra Nord e Sud, tra padano e mediterraneo, tra nuovo e classico ad aver conquistato una volta di più i palati dei critici della rossa Michelin? Difficile a dirsi. Resta il fatto che da quando Maura è approdata a Cremona, la mitica stella ha cominciato a brillare sui tetti in cotto della città, sopra la terrazza de Al Quarto. Che merita senza dubbio due parole. La salle à manger del ristorante si sviluppa tra attico e roof garden al quarto piano dell’Hotel Continental, storico albergo cittadino riveduto&corretto con una ristrutturazione ecologically correct, all’insegna del design più raffinato e sciccoso.

I tavoli all'esterno del ristorante

I tavoli all'esterno del ristorante

I plus de “Al Quarto”, oltre alla cucina di Maura, ovviamente? Poche sedute, mise en place inappuntabile, terrazza con vista impagabile sul profilo medievale della città: il Torrazzo, tanto per capirci, da qui non ha segreti. Ma c’è qualcosa di più. Sotto lo sguardo vigile e attento di Maura e Andrea ricade anche l’organizzazione del bistrot, al piano terra del Continental: light lunch e colazioni di lavoro, qui, sono d’obbligo e la carta gioca con le emergenze del territorio proponendo scelte di salumi locali e preparazioni easy ma impeccabili. La sera, poi, il Bistrot diventa la location di aperitivi musicali: culatello e bollicine (scelte con amore e passione da Andrea) e si sposano a microconcerti live di livello. Ma anche al quarto piano non si scherza: per la domenica sera (quando il ristorante è chiuso) sono in programma aperitivi lunghi per godersi il panorama, degustare piccole preparazioni golose, centellinare calici di Champagne titolati o di etichette nobili.

Al Quarto
piazza della Libertà, 26
Cremona
+39.0372.080953
Prezzi medi: antipasti 18, primi 20, secondi 30, dolci 15 euro
Menu degustazione: 75 e 85 euro
Chiuso: domenica sera e lunedì


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose