Longino & Cardenal, ricerca continua

L'AD Riccardo Uleri ci racconta le novità 2019 per l'azienda che importa e distribuisce in Italia cibi rari e preziosi

14-02-2019 | 12:00
Riccardo Uleri

Riccardo Uleri

Eccellenze dal mondo, "cibi rari e preziosi". Questa sono l’origine e la mission della Longino & Cardenal, questa la realtà che tuttora rappresenta la società di importazione e distribuzione di prodotti alimentari con sede a Pogliano Milanese, che continua a svilupparsi e crescere dopo oltre trent’anni di storia, rappresentando un punto di riferimento importante per l'alta ristorazione e non solo.

Se infatti i ristoranti stellati sono una parte importante del parco clienti dell'azienda, l'attenzione per la qualità e per la ricerca di prodotti particolari si sta diffondendo sempre di più in tutto il mondo della ristorazione. Ce lo conferma anche Riccardo Uleri, AD di Longino & Cardenal, incontrato alla presentazione ufficiale dei nuovi prodotti per il 2019. 

«Da quando è iniziata la nostra storia - raccona Uleri - il mondo della ristorazione è sicuramente cambiato molto. Oggi si ricerca la qualità ovunque, non soltanto nei ristoranti di fascia più alta, per questo troviamo maggiore apertura e comprensione da parte dei nostri potenziali clienti. È più facile spiegare quello che facciamo. Quello che non è cambiato, e non cambierà, è il nostro approccio alla ricerca, che è rimasto il medesimo da 30 anni. A noi non interessa importare semplicemente dei prodotti: cerchiamo passione, cerchiamo le storie che stanno dietro i prodotti, le andiamo a scoprire e approfondire sul posto, per conoscere le famiglie, le persone che con il loro lavoro fanno la qualità di un prodotto».

Cloudy Bay Clams

Cloudy Bay Clams

Ecco allora che dando uno sguardo allle novità presentate da Longino & Cardenal per il 2019, si trovano prodotti e storie molto diverse tra loro. Che portano, ad esempio, in Nuova Zelanda, a scoprire le vongole di Cloudy Bay, le Cloudy Bay Clams. Una definizione che raccoglie quattro specie di vongole selvagge: Diamond Shell, Storm Shell, Tua Tua e Moon Shell. Tutte specie uniche, native e autoctone della “Surf Zone”, una specifica area della Nuova Zelanda caratterizzata da acque costiere incontaminate. Molluschi di dimensioni più grandi rispetto alle vongole a cui siamo abituati, dal sapore intenso e distintivo. Le nuove tecnologie applicate dall'azienda che le raccoglie e prepara, hanno permesso di ottenere il certificato Friend of The Sea, un riconoscimento di ecosostenibilità di livello internazionale.

Bottarga Trikalinos

Bottarga Trikalinos

Oppure una speciale bottarga di muggine che arriva dalla Grecia, prodotta dall'azienda Trikalinos, con oltre 150 di storia. Zaferis Trikalinos, quarta generazione alla guida dell'azienda, ha reinventato i metodi di produzione della bottarga tramite l’applicazione di diverse innovazioni e creatività nei processi di trasformazione che coinvolgono prevalentemente le fasi di salatura ed essicatura, le più critiche nella fase
di trasformazione. Ottenendo un prodotto che si distingue in particolare per la delicatezza degli aromi. 

Pollo di Bresse Miéral

Pollo di Bresse Miéral

Sono solo due esempi che rappresentano il tipo di ricerca condotta da Longino: «E' bello sapere che ancora oggi nel mondo esistono tanti prodotti da scoprire - continua Uleri - soprattutto specialità che non sono conosciute in Italia: da sempre una delle nostre caratteristiche è offrire una grande varietà di materie prime e ingredienti. Così facendo raccontiamo realtà molto diverse tra loro, come quella del Pollo di Bresse Miéral, 100 anni di storia e di eccellenza assoluta, o del cioccolato dell’Hacienda San José in Ecuador. Una piantagione che ha altrettanto 100 anni di storia, ma rappresenta una nuova sfida legata al cioccolato, proponendo un approccio simile a quello che sia in viticoltura e producendo il cioccolato direttamente nel luogo in cui si raccolgono le fave di cacao. In questo modo si contribuisce anche alla sostenibilità sociale di questa produzione».

Cioccolato Hacienda San Josè

Cioccolato Hacienda San Josè

Oltre 1800 prodotti importati e distribuiti: ce n'è qualcuno che traina il mercato di Longino? «In realtà no - spiega l'AD Uleri - il prodotto che vendiamo di più rappresenta il 5% del nostro fatturato, e in genere i prodotti di maggior successo arrivano al massimo all'1% del totale. Oggi i prodotti top seller per noi sono due: il baccalà di Giraldo, che lo è da circa sette anni, mentre il prosciutto iberico di Blasquez quest'anno potrebbe superarlo per la prima volta. Per il futuro crediamo invece che la tendenza ci porterà sempre di più a ricercare prodotti che siano non solo buoni, ma anche sostenibili, attenti all'ambiente, e sani, grazie a una filiera il più possibile trasparente e certificata».


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose