Cinque cene imperdibili a Identità Golose Milano

Una prestigiosa carrellata di straordinari ospiti, che animeranno la cucina di via Romagnosi da venerdì 6 marzo

04-03-2020

Quando abbiamo disegnato il programma dei prossimi giorni nell'Hub di via Romagnosi a Milano, avevamo in mente il Congresso di Identità Golose, arrivato con il 2020 alla XVI edizione. Come saprete (qui, se non l'aveste letto, l'articolo che racconta questa decisione) il Congresso è stato rinviato al periodo che va dal 3 al 5 luglio. 

Grazie alle opportunità offerte da Identità Golose Milano, nonostante il rinvio di questo appuntamento, possiamo ugualmente invitare il nostro pubblico di appassionati di cucina d'autore a cinque serate assolutamente uniche, da non perdere. Le cene speciali in programma ‪dal 6 al 10 marzo‬ diventano così un'occasione per incontrare, in anteprima, alcuni dei più affascinanti talenti della cucina, che saranno tra i protagonisti a luglio del nostro Congresso.

Ognuna di queste serate avrà un suo tema portante, e oggi ve le presentiamo una per una.

Venerdì 6 marzo - Identità di Gelato, dall’antipasto al dolce

Una serata tutta dedicata al gelato, un tema che sta molto a cuore a Identità Golose. Prova ne è la sezione interamente dedicata al Congresso, così come l’impegno per la realizzazione di un evento speciale a maggio a Senigallia (qui le prime informazioni a riguardo), e ancora la Newsletter che si concentra su questo argomento, realizzata in collaborazione con l’azienda MotorPower, che ha lanciato la Principessa, macchina all’avanguardia che sarà protagonista anche della cena di venerdì 6.

Con lei, tre chef di classe come Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore di Senigallia, uno dei precursori dell’utilizzo del gelato nella composizione di piatti salati di alta cucina, Antonio Guida del Seta del Mandarin Oriental di Milano, anch’egli particolarmente ispirato dall’uso del gelato nella ristorazione d’autore, e Andrea Ribaldone, chef dell’Osteria Arborina di La Morra, ma soprattutto coordinatore delle cucine dell’Hub. Con loro, uno dei gelatieri più apprezzati del nostro paese, ma soprattutto uno di quei gelatieri che stanno contribuendo, con un lavoro di straordinaria qualità e grande intelligenza, a cambiare la faccia del gelato italiano: Paolo Brunelli, della Gelateria e Cioccolateria Brunelli, a Senigallia.

Sabato 7 marzo - Grandi Identità di Pizza

Un’altra cena che parte da un argomento straordinariamente importante per Identità Golose: la pizza non sarà mai, per Paolo Marchi, uno “sport minore” nell’ambito della ristorazione italiana. E’, come peraltro il gelato, uno dei più inestimabili patrimoni del gusto italiano, uno dei motivi per cui l’Italia è un simbolo di bontà riconosciuto in tutto il mondo. E se per qualche tempo di queste ricchezze inestimabili non abbiamo avuto la cura necessaria, da qualche anno assistiamo allo sviluppo di un movimento davvero importante per la pizza italiana.

A dimostrarlo, nel nostro Hub ospiteremo, In una sola sera, tre dei più apprezzati pizzaioli italiani, tre degli artefici di questo movimento. Renato Bosco di Saporè (a San Martino Buon Albergo, a Verona, da poco anche a Milano…), Simone Padoan de I Tigli di San Bonifacio, e Franco Pepe di Pepe in Grani a Caiazzo. Ma non basta: sono tanti i talenti che sono emersi in questi anni, e per l’occasione sarà con noi una delle grandissime promesse che sono già realtà importanti della pizza italiana: Luca Pezzetta, dell'Osteria di Birra del Borgo a Roma, premiato come miglior pizzaiolo 2020 dalla Guida di Identità.

Domenica 8 marzo - Identità Donna

La Festa della Donna ci offre un motivo in più per replicare, in collaborazione con Veuve Cliquot, Identità Donna, il format già lanciato (in altre date) l’anno scorso in via Romagnosi: quattro illustri protagoniste della nostra cucina saranno invitate a dividersi la scena per un menu unico e irripetibile, che ci porterà su e giù per lo stivale celebrando la sensibilità e la creatività femminile.

Saranno con noi Antonia Klugmann (L’argine a Vencò, Dolegna del Collio), Aurora Mazzucchelli (Marconi, Sasso Marconi), Solaika Marrocco (Primo, Lecce), Isa Mazzocchi (La Palta, Borgonovo Val Tidone). La cena sarà composta da quattro portate più un’entrée, ogni commensale riceverà un calice di champagne Veuve Clicquot in omaggio, e il prezzo sarà di 90 euro vini esclusi.

Lunedì 9 marzo - Bowerman e Perdomo: dialogo sulla creatività

Per la serata di lunedì avremo la possibilità di offrire al pubblico milanese un incontro inedito, esclusivo, che promette di regalare magie e grandi soddisfazioni. A dialogare in cucina, con i loro piatti, ci saranno due grandi chef accomunati da una appassionata tensione all’originalità, all’invenzione, al superamento delle barriere.

Da una parte Cristina Bowerman, presidentessa dell'Associazione Ambasciatori del Gusto, autrice nella sua Glass Hostaria (una stella Michelin) di una cucina poliglotta, intensa e multiforme, influenzata dai suoi molti viaggi e dal suo sguardo sempre curioso e internazionale. Dall'altra Matias Perdomo, ormai una certezza del panorama gastronomico milanese, che con i suoi compagni di strada Simon Press e Thomas Piras guida con successo Contraste, insegna che riesce dalla sua inaugurazione a coniugare in scioltezza avanguardia immaginifica e semplice golosità, accompagnando il tutto con un servizio impeccabile. La cena sarà di sei portate e il prezzo sarà di 90 euro vini esclusi.

Martedì 10 marzo - I 50 anni di un’istituzione della cucina d’autore italiana

Per chiudere nel modo migliore questi cinque giorni ad altissimo tasso di golosità, ci sarà quella che possiamo davvero definire una serata di gala. E un’occasione di festa speciale e prestigiosa, per celebrare un compleanno importante e rotondo.

Essere un ristorante senza tempo, che continua a rinnovarsi all'interno di una identità chiarissima e di marmorea affidabilità: è questa la sfida che una realtà come quella del San Domenico di Imola, due stelle Michelin, affronta quotidianamente. Una storia divenuta possibile anche grazie all'impegno espresso in un ricambio generazionale che, sin da quando questa grande casa ha aperto i battenti, il 7 marzo del 1970, è sempre avvenuto. Sarà un onore per il nostro Hub poter ospitare lo storico chef del San Domenico Valentino Marcattili, insieme al nipote Massimiliano Mascia che oggi ha preso con passione e personalità la responsabilità di guidare la cucina di questa istituzione, per festeggiare con loro un compleanno così bello e importante. La cena sarà di sei portate e il prezzo sarà di 90 euro vini esclusi.

Per prenotare i vostri posti per queste cene speciali, vi rimandiamo come sempre al sito ufficiale dell’Hub, grazie alla collaborazione con il nostro partner TheFork.


Rubriche

Identità Golose Milano

Racconti, storie e immagini dal primo Hub Internazionale della Gastronomia, in via Romagnosi 3 a Milano