I migliori risotti di Milano? Fino a domenica all'Opera di San Francesco

Da oggi Oldani, Battisti, Leemann, Ribaldone e Berton sono in piazza Beltrami per celebrare i 60 anni della mensa

04-10-2019
Gli chef uniti per sostenere Opera San Francesco:

Gli chef uniti per sostenere Opera San Francesco: con Davide Oldani, Cesare Battisti e Pietro Leemann si riconoscono i cuochi dell'Opera: Francesco BonacciSalvatore Puddu e Fabrizio Bonfanti. L'appuntamento con i risotti benefici d'autore è in piazza Beltrami da oggi a domenica sera

Ha avuto inizio oggi un evento importante: i 60 anni di Opera San Francesco per i Poveri, una ricorrenza che l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto celebra con i risotti di Cesare Battisti, Pietro Leemann, Davide Oldani Andrea Berton e Andrea Ribaldone cioè "i Grandi cuochi per Opera”, a turno autori di un piatto caro alla città. I primi 3 erano presenti alla conferenza stampa di presentazione di avvio lavori di quest'oggi. Il luogo è l'ex Expo Gate in piazza Beltrami, un tendone bianco che svetta davanti alla popolatissima fontana del Castello Sforzesco.

Ha preso il microfono per primo Frate Marcello, responsabile di OSF:  "Il giorno in cui aprimmo c'erano 150 ospiti, oggi siamo arrivati a 2.000. Lavorano per loro 1.100 volontari e 60 dipendente". Milano col cuore in mano, anche nelle parole dell'assessore alle Politiche sociali del Comune Gabriele Rabaiotti, messaggero del sindaco Beppe Sala, per cui "La speranza che dona ogni giorno l'Opera San Francesco è uno dei più grandi vanti della nostra città. Basti pensare che nell'ultimo anno ha distribuito 712.300 pasti, 52.520 ingressi alle docce e 9.130 cambi d'abito. E' una vera impresa del bene che in questi giorni può giovarsi anche del vostro aiuto".

Claudio Ceroni di MagentaBureau: "Collaboriamo a questo evento con OSF dal 2012 collaboriamo. Di tutte le nostre iniziative in ambito gastronomico, questa è la più speciale, quella che ci ha regalato ricordi indelebili". Gli fa eco Paolo Marchi, co-fondatore di Identità Golose, ricorda un aneddoto sfizioso: "Il grande Aimo Moroni, quando arrivò poverissimo da Pescia a 15 anni, nel Dopoguerra, veniva qui all'Opera per sfamarsi. Grazie ai cuochi di quest'anno, che hanno deciso di partecipare anche quest'anno a titolo gratuito".

Una delle Mense di OSF

Una delle Mense di OSF

Fra Marcello Longhi

Fra Marcello Longhi

Domani e domenica, i cittadini milanesi e i turisti sono invitati ad assaggiare - a fronte di una donazione libera - un piatto di risotto preparato dai cinque maestri della cucina. In questo modo ogni commensale potrà garantire un pasto completo a pranzo e a cena a un ospite delle Mense di OSF che a Milano quotidianamente offrono in media più di 2.300 piatti caldi.

Il primo ad accendere i fornelli oggi dopo la conferenza stampa, nella tensostruttura allestita in piazza Beltrami a Milano, è stato Davide Oldani, chef del D’O di Cornaredo (Milano), autore del suo classicissimo Zafferano e Riso alla milanese, "Debuttai ad Expo con questo piatto simbolo", ha spiegato il cuoco di Cornaredo. Il testimone a cena passa a breve a Cesare BattistiRisotto al pomodoro con crumble di basilico e Grana Padano. "Milanesi", spronava in conferenza il cuoco e patron del Ratanà, "partecipate numerosi, mi raccomando. E' un momento importante, anche di riflessione per l'intera città".

Domani sarà il turno di Pietro Leemann, ristorante Joia: "Le persone povere perdono dignità, OSF le rimette in contatto le persone, anche dal punto di vista spirituale, che è importantissimo. Io sono solo una persona fortunata, che può aiutare e tendere la mano. Mi auguro che parteciperete in tanti". 

Programma e protagonisti

Programma e protagonisti

Zafferano e riso alla milanese di Davide Oldani

Zafferano e riso alla milanese di Davide Oldani

Sabato 5 ottobre, ore 12/15
Distribuzione del risotto a pranzo per tutto il week end. Sarà il momento di Pietro Leemann e del suo Ombelico del mondo, cioè risotto di zucca e porri con un pesto di sedano verde.

Sabato 5 ottobre, ore 19/21:30
A cucinare il risotto sarà Andrea Ribaldone, chef dell’Osteria Arborina di La Morra, in provincia di Cuneo, e coordinatore delle cucine di Identità Golose Milano. Prepara un Risotto alla Nino Bergese, con Grana Padano e fondo di vitello.

Domenica 6 ottobre, ore 12/15
Appuntamento con Andrea Berton, chef dell’omonimo ristorante di Milano. Dai pentoloni questa volta uscirà un Risotto al Grana Padano Riserva Ferrari 28 mesi e salsa al vino rosso.

“Grandi cuochi per Opera” è un appuntamento solidale organizzato in collaborazione con: il Comune di Milano, l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto - la realtà senza scopo di lucro espressione dell’eccellenza della ristorazione italiana e Identità Golose. A supporto di Opera San Francesco per i Poveri tanti sponsor: Amsa, Bennati, Consorzio Tutela Grana Padano, Pellegrini, Pregis e Riso Scotti. Plauso anche a Siticibo, il progetto di Banco Alimentare, che durante “Grandi cuochi per Opera” si occupa di ritirare e ridistribuire le eccedenze di cibo per destinarle ad altre realtà caritative cittadine.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola