Protagonisti al congresso: Dominga Cotarella

Con le cugine Enrica e Marta ha creato la scuola di formazione Intrecci. Parlerà a Identità di Sala, domenica 4 marzo

27-02-2018

Essere figli di è una benedizione e una maledizione in egual misura. Quando poi il tuo cognome è Cotarella, uno dei più celebri nel mondo del vino italiano, le aspettative degli altri vanno di pari passo con la tua paura di deluderle. Dominganon si è limitata a dribblarle, quelle aspettative, ma le ha superate aprendo nuovi capitoli nella storia di famiglia.

Figlia di Riccardo e Maria Teresa, ha mosso i primi passi lavorativi appena adolescente in Falesco, l’azienda di famiglia nella campagna umbra, e dopo la laurea in Scienze Agrarie si è occupata di pr e marketing in Antinori per poi tornare a Falesco e ricoprire la carica direttore commerciale.

Un percorso, il suo, che si snoda tra vigneti e cantine, in cui il vino Dominga non lo fa ma lo racconta, lo vende, lo celebra e lo promuove in tutto il mondo. Insieme a lei Marta ed Enrica, cugine sulla carta ma sorelle nel cuore, con cui è cresciuta condividendo un’eredità tanto bella quanto pesante: per loro la passione per il mondo enologico è stata casualità di natali prima e scelta consapevole poi, fino ad arrivare oggi ad essere, tutte e tre, alla guida dell’azienda.

Il loro nuovo progetto prende il nome dalle tre C del loro cognome, ma è anche un simbolo di “cultura”, “conoscenza”, “coraggio”, “classe” e “calore”. Tutte qualità indispensabili per gli studenti che frequentano Intrecci, la scuola di formazione di sala che hanno aperto nel 2017, con lo scopo di creare “professionisti e manager di altissimo livello nel mercato del lavoro e della ristorazione”. L’avventura delle Cotarella è appena iniziata.


LEGGI ANCHE:
I giusti Intrecci tra servizio e cucina di Carlo Passera
Intrecci, l'accoglienza ha la sua scuola di Paolo Marchi


Rubriche

Identità Milano

Tutto su contenuti e protagonisti del congresso internazionale di cucina e pasticceria d'autore