Di Crosta e altre belle storie

Olio, Serica, Pastamara, la nuova pizzeria di Simone Lombardi. Tutto sulle quattro new entry della Guida di Identità Golose

14-12-2018

Lo staff di Crosta progetto di pane e pizza aperto da qualche giorno a Milano da Simone Lombardi (primo a sinistra) e Giovanni Mineo (al centro). E' una delle quattro novità della Guida di Identità Golose

Dieci giorno dopo la presentazione della dodicesima edizione della Guida ai Ristoranti di Italia, Europa e Mondo di Identità Golose, pubblichiamo 4 nuove schede. Sono relative a 3 ristoranti in Italia e uno a Vienna, ma anch'esso firmato da un illustre cuoco italiano.

Crosta
(via Felice Bellotti 13, Milano, +39.02.82764866)
Nell’elettricità che sta percorrendo la cucina d’autore a Milano, con tante nuove aperture ogni mese, c’è anche un crescente effetto collaterale: le insegne che chiudono subito sono più di sempre. Non abbiamo il minimo dubbio sulla lungimiranza e solidità del progetto di Crosta, pizzeria e panificio aperto nell’autunno 2018 dal pizzaiolo padovano Simone Lombardi (praticamente, il ragazzo cui si deve buona parte del successo di Dry) e dal panificatore siciliano Giovanni Mineo (a lungo al fianco del Panificio Italiano di Giuseppe Zen). Leggi l'intera recensione di Gabriele Zanatta

Angelo Fusillo, primo a sinistra, e Michele Cobuzzi, primo a destra; sono rispettivamente patron e chef di Olio - Cucina Fresca, Milano

Angelo Fusillo, primo a sinistra, e Michele Cobuzzi, primo a destra; sono rispettivamente patron e chef di Olio - Cucina Fresca, Milano

Olio - Cucina fresca
(piazzale Lavater 1, Milano, +39 02 20520503)
Angelo Fusillo e Paola Totaro sono due ragazzi innamorati già tra loro, ma che condividono due ulteriori passioni: quella per la cucina e l'altra, per la Puglia, la loro regione di origine. Arrivati a Milano, hanno dunque pensato di dar vita nel settembre 2017 a un progetto nuovo in città, sviluppando un’idea fertile: che poi è quella di basarsi sull’eccellenza, per raccontare la loro terra non in modo caricaturale, bensì rispettoso di quello che sa dare al palato, e anche al cuore. È nato così Olio - Cucina fresca. I due hanno innanzitutto voluto legarsi in un accordo di collaborazione con Frantoio Muraglia, vale a dire una delle aziende olivicole top d’Italia: su ogni tavolo è posta una bottiglietta da 50ml di olio... Leggi l'intera recensione di Carlo Passera


Chang Liu e lo staff del Serica, Milano

Chang Liu e lo staff del Serica, Milano

Serica
(viale Bligny 19/A, Milano, +39 02 49782736)
Contaminare la cucina cinese e l'italiana, nella stessa logica che applica Yoji Tokuyoshi, ma con la coppia Giappone-Italia. È l'idea con la quale nell'ottobre 2018 è nato Serica, patron Mauro Yap, classe 1986, seconda generazione di famiglia "cinese" a Milano, i genitori sono stati protagonisti di insegne di successo come il Singapore di via Foppa, poi il Bussarakham, cucina thai, e il Dou di piazza Napoli. Fertile il suo incontro con lo chef Chang Liu, classe 1988 da Yangzhou, stage da Daniel Boulud a Pechino e al Noma, poi concorrente di Hell's Kitchen 2015, seconda edizione, con Carlo Cracco, nonché finalista cinese della S.Pellegrino Young Chef 2016. Ma soprattutto reduce da oltre tre anni con lo stesso Tokuyoshi. Leggi l'intera recensione di Carlo Passera

Ciccio Sultano e Nicola Zamperetti, Pastamara

Ciccio Sultano e Nicola Zamperetti, Pastamara

Pastamara del Ritz-Cartlon
(Schubertring 5-7, Vienna, Austria +43131188)
E finì che il ragusano Ciccio Sultano, già due stelle Michelin a Ragusa Ibla, prese in mano le redini dell’insegna più importante del Ritz-Carlton di Vienna. Questo “bar con cucina”, dirimpetto alla reception dell’hotel, aperto da colazione a mezzanotte, porta il nome dialettale siciliano della fava di cioccolato, «perché col pepe nero», illustra lo chef, «è la spezia che più ha girato il mondo». Come il cuoco, uno che ha sempre girato i 5 continenti, ma in silenzio. Questa volta c’è poco da nascondere tra le 90 sedute attorno a quel banco a pianta quadrata, disegnate dal team catalano di Tarruella Trenchs Studio, gli stessi designer del triangolo del Celler de Can Roca di Girona. Leggi l'intera recensione di Gabriele Zanatta


Rubriche

Guida alla Guida

Tutte le novità della Guida ai Ristoranti d'Italia, Europa e Mondo di Identità Golose