2021: i numeri da capogiro dell’hotellerie di lusso

In Italia nessun segmento cresce con questa forza. Una tendenza costante: dal 2013 a oggi hanno aperto più di 20 nuovi hotel ogni anno

16-07-2021
La facciata dell'Aman Venice

La facciata dell'Aman Venice

La Suite che fattura di più è quella dell’Aman Venice affacciata sul Canal Grande a Venezia, che totalizza 553mila euro all’anno. Numeri da capogiro, ma non c’è da stupirsi. Sembra infatti non conoscere crisi il segmento dell’ospitalità cinque stelle, come dimostrano i numeri dell’accurata ricerca fatta dal Gruppo Teamwork Hospitality presieduta da Mauro Santinato e Thrends, diretta da Giorgio Ribaudo: Thrends Tourism & Hospitality Analytics, un’analisi realizzata su un database di 650 hotel di alto livello.

Al contrario, dall’analisi emerge un’esaustiva vetrina che presenta al mondo l’esperienza alberghiera da vivere nel Belpaese, declinata in 609 alberghi 5 stelle, di cui 28 sono in apertura o hanno appena inaugurato quest’anno. Un segmento che vale 4,16 mld euro di fatturato (con una media di 106 k annui a camera). Distribuiti da Nord a Sud dello Stivale, sono in numero maggiore in Toscana, Campania, Lazio, Veneto e Trentino Alto Adige, mentre in dettaglio le città che totalizzano il più alto numero di cinque stelle sono Roma, Firenze, Milano, Venezia e Arzachena (Costa Smeralda).

La vista da una suite di Bauer Palazzo

La vista da una suite di Bauer Palazzo

Il dato più interessante riguarda la crescita dell’offerta: dopo la crisi del 2008 in Italia nessun segmento è cresciuto con tale vigore (+ 2,5% ogni anno), una crescita costante, che dal 2013 ad oggi ha visto l’apertura di circa 24 nuovi hotel ogni anno, quasi due ogni mese. Sicuramente una delle spinte maggiori allo sviluppo è stato determinato dal crescente interesse di brand ed investitori internazionali (come avevamo già raccontato qui) che hanno creduto nelle città d’arte come Venezia, un esempio su tutti è lo storico Bauer Palazzo di Venezia, 150 anni di ospitalità, (ne abbiamo scritto in questo articolo), acquistato dal gruppo immobiliare austriaco SIGNA Luxury Hotels.

La road map che guida nel Belpaese vede in prima linea anche gruppi come il canadese Four Seasons Hotels and Resort, (in questo articolo le novità 2021) che ha appena riaperto il Four Seasons di Milano, dopo un importante restyling e inaugurato il San Domenico Palace di Taormina, iconico hotel affacciato sul Mediterraneo, ma ha in cantiere anche una struttura a Ostuni.

Dopo Como e Milano, Mandarin Oriental guarda anche al Lazio e al Veneto, mentre Rocco Forte Hotels ha da poco riaperto le porte di Villa Igiea, lo storico palazzo Art Nouveau affacciato sul golfo di Palermo.

Four Seasons

Four Seasons

Se negli ultimi 8 anni i 5 stelle sono cresciuti quasi del 30%, la crescita dei 4 stelle è stata solo dell’11%, mentre i 3 stelle sono a -7% e in caduta libera gli hotel con 1 o 2 stelle, destinati a non esistere più nel giro di un decennio. In Italia un hotel su 5 aderisce ad un network internazionale, nello specifico è The Leading Hotels of The World il gruppo più presente con 50 alberghi affiliati, è invece Marriott International il primo gruppo alberghiero, che conta 24 hotel nel Belpaese, per un totale di 3.100 camere.

Le ultime novità confermano inoltre una forte tendenza a gestire anche luxury apartments a volte anche fuori dal perimetro immobiliare dell’hotel oppure ad offrire la possibilità di scegliere ville private e residenze all’interno della proprietà, come nel caso del Verdura Resort di Sciacca (ne abbiamo scritto qui), che quest’hanno ha inaugurato le Private Villas, venti residenze indipendenti all’interno della tenuta di 230 ettari, su una collina affacciata sulla baia della proprietà.

Guardando al futuro, nei prossimi tre anni apriranno almeno altri 50 alberghi di lusso, in gran parte progetti in essere prima del Covid, facendo una proiezione nel 2024 si arriverà a 630 hotel cinque stelle, al lordo di improbabili chiusure.

Verdura Resort di Sciacca

Verdura Resort di Sciacca

Protagoniste dei nuovi opening, in primis la Costa Smeralda, Roma, dove tra gli altri il gruppo Marriott aprirà in settembre una struttura del marchio W Hotels; Milano, dove non è più un segreto il progetto del Portrait Milano firmato Lungarno Collection di proprietà della famiglia Ferragamo, ma interessante anche la crescita della regione dei Laghi.

Per tornare ai numeri di occupazione dell’epoca pre-Covid, sarà fondamentale il ritorno del mercato straniero, soprattutto di matrice anglofona (UK e USA), ad oggi ancora poco presente, che in alcune destinazioni nostrane vale oltre l’85%, come nel caso di Firenze e oltre l’80%, pensando a Venezia, sono infatti state le città d’arte e d’affari a soffrire di più in questi due anni. In un periodo storico, pensando al 2019, in cui le presenze nell’alberghiero valevano 281 mln, mai così tante, con una media nei cinque stelle di 106 mila euro a camera all’anno in media, significa che benché le camere del segmento lusso rappresentino il 4,5%, di fatto costituiscono anche il 20%del fatturato totale del settore alberghiero.


Rubriche

Hôtellerie

Radiografia, notizie e curiosità sugli hotel e le locande più importanti in Italia e nel mondo.