Piatti da masticare

Teresa Buongiorno supera la ritrosia a parlare di sé, per raccontarci la storia della sua cucina

05-06-2014
La famiglia Buongiorno al completo: se negli anni

La famiglia Buongiorno al completo: se negli anni '50 l'osteria Sotto l'arco offriva vino e pochi semplici piatti, oggi, due generazioni dopo, Già sotto l'arco, telefono +39.0831.996286, è diventato un ristorante elegante all'interno di un palazzo settecentesco affacciato sulla piazza di Carovigno. Teresa Galeone, moglie di Teodosio Buongiorno, ci spiega la filosofia che anima le sue ricette

Ristorante, dicevamo. In realtà abbiamo voluto conservare nelle insegne le nostre origini e per questo Già sotto l’arco è nato come osteria, questo è il modo in cui, io e mio marito, abbiamo deciso di scolpire il passato, a cui dobbiamo tutto quello che siamo oggi, nell’insegna sulla facciata del palazzo settecentesco che è la nostra casa da sempre. È così che è cominciata. Dalla piccola (si fa per dire) osteria dei nonni di mio marito Teodosio Buongiorno, sotto l’arco nel cuore del borgo antico di Carovigno.

Filetti di triglia croccanti al pistacchio su crema di asparagi

Filetti di triglia croccanti al pistacchio su crema di asparagi

E’ qui che il piccolo Tosio (è questo il suo nome in famiglia e fra gli amici) trascorreva giornate e soprattutto sere, e solo lì potevo vederlo. Tempo libero? Una chimera da sempre, per tutti e due. Siamo cresciuti fra montagne di piatti caldi da servire a gente del Sud che lavorava sodo e che a mangiare fuori ci andava non per vezzo ma per fame, quella vera. Finito il lavoro degli altri insomma, cominciava il nostro, e andavamo avanti fino a notte fonda come non abbiamo mai smesso di fare.

Ad un certo punto, eravamo ragazzi davvero, ci siamo accorti che il lavoro ci stava divorando la vita e abbiamo deciso di dedicarci a tutt’altri commerci: fuga dalla cucina e dall’osteria, cambiato genere e vita. Ma non è durata. L’attività dei nonni e poi dei genitori di Teodosio ci ha richiamati a casa, giocoforza. La nostra storia è semplicemente questa. Quella di una famiglia del Sud unita al punto che sarebbe stato un delitto per noi non raccogliere l’eredità e i sacrifici di cui queste mura trasudano. Credo di avere poco da aggiungere.

Cestino di pasta fillo con gelato agli agrumi e crema di pistacchio

Cestino di pasta fillo con gelato agli agrumi e crema di pistacchio

Parlare di me, non ne ho mai fatto mistero, non mi piace. Non ho niente da esibire, se non i miei piatti e l’amore grande per la cucina dove ho imparato a muovermi con le mie forze, senza scuola e senza maestri. Studiando e lavorando senza tregua, e sbagliando anche, ovviamente, ma senza mai mollare l’osso. Con un tesoro di materie prime, le miracolose materie prime di questa terra, che garantisce a me e a tutti i cuochi di Puglia uno start di vantaggio, lo dico sempre.

Non c’è davvero nulla che non mi piaccia cucinare. Ma ho una particolare predilezione per le verdure, per il loro carattere deciso e delicato. Mi piace manipolare gli alimenti tanto quanto mangiare. Studio e viaggio quando e appena posso, a conoscere la cucina dei colleghi da cui ho sempre tanto da imparare.

Che altro dire? Che lo chef a mio personalissimo parere non deve essere molto mediatico e l’attenzione alla bellezza del piatto non deve sovrastare quella per il gusto: i miei piatti, innanzitutto, si masticano.

Testo raccolto da Sonia Gioia

Leggi anche
L'amore è una materia prima di Alba Esteve Ruiz
L'arte del non arrendersi di Deborah Corsi
Ristoratrici si diventa di Patrizia Maraviglia
Alla ricerca della passione di Anneke Van Sande
Mettersi in gioco in Norvegia di Lucia Tellone
Io voglio fare il pane
di Roberta Pezzella
Tanto giovane per tutto
di Rosanna Marziale
Rigore e allegria
di Serenella Medone
La cuoca di Napoli nord
di Marianna Vitale
In squadra con mia madre
di Serena D'Alesio
Uomini, che disastro
di Marzia Buzzanca
Vocazione totale
di Antonella Ricci
Una vita piena
di Maria De La Paz
Mente e cuore
di Marta Grassi
Il sorriso della fatica
di Nadia Moscardi
Nulla è impossibile
di Emanuela Tommolini
Esaltarsi nelle differenze di Viviana Varese
L'altra metà del piatto
di Elisa Arduini


Rubriche

Storie di cuoche

Donne che abbandonano per un attimo mestoli e padelle per raccontare le proprie esperienze e punti di vista