A tavola tra Garibaldi e l'Isola

12 (più uno) indirizzi golosi in cui cenare con gusto in un nuovo superquartiere milanese

27-07-2015
Il belllissimo dehors del Ratanà, nel cuore del q

Il belllissimo dehors del Ratanà, nel cuore del quartiere Isola, ci permette di introdure la nostra selezione dei migliori ristoranti di questo affascinante spicchio di Milano

Se la scorsa settimana ci siamo dedicati a mettere in fila alcuni dei migliori ristoranti di una delle zone più frequentate e popolari di Milano, i Navigli, in questa nuova uscita della nostra selezione del meglio della gastronomia meneghina ci siamo dati dei confini più elastici. La direttrice dell'esplorazione golosa parte dal centro, da Brera, corso Garibaldi e via Solferino. Seguendo queste vie supereremo poi la nuova piazza Gae Aulenti per esplorare anche il quartiere Isola, ormai da diversi anni una meta piuttosto comune sia per la vita notturna che per qualche buona cena. Pronti? Via!

- Anche Ristorante, via Carmagnola, 5 (+39.331.8224002)
Come si può intuire dal nome, in questo locale (cambiato recentemente, prima si chiamava Blu) non si viene solo per pranzare o cenare, ma anche. E' un caffè che apre presto alla mattina, un cocktail bar aperto fino a tardi alla sera. E una trattoria moderna in cui trovare riletture elegantemente creative di classici della cucina italiana. Prezzo medio 40€

- Casa Ramen, via Porro Lambertenghi, 25 (+39.02.39444560)
Piccolo ristorantino all'Isola che serve quello che molti considerano il migliore e più autentico Ramen della città, preparato con tagliolini freschi fatti a mano e servito in tre versioni: Soya, Miso e Veggie. Ambiente semplice e giovanile, pochi tavolini e un grande tavolo da condividere. Anche take away. Prezzo medio 20€

- Daniel, via Castelfidardo, 7 (+39.02.63793837)
Dopo essere cresciuto come pupillo di Gualtiero Marchesi, Daniel Canzian ha deciso di mettersi alla prova con questo locale elegante e minimal. Dalla bellissima cucina a vista escono sia piatti molto eclettici e creativi, che intramontabili classici eseguiti alla perfezione. Servizio impeccabile. Prezzo medio 80€ 

- Dry, via Solferino, 33 (tel. +39.02.63793414)
Locale trendy e sempre affollato (aperto dai soci di Pisacco, tra cui Andrea Berton), che ha imposto con successo il format pizza&cocktail. Entrambe le specialità della casa sono eseguite con maestria: la pizza ha un impasto morbido, fragrante e perfettamente digeribile, la lista dei cocktail è creativa e di classe. Prezzo medio 30€

Il Minestrone contemporaneo di Daniel Canzian

Il Minestrone contemporaneo di Daniel Canzian

- Fioraio Bianchi, via Montebello, 7 (+39.02.29014390)
Questo caffè e bistrot è nato una decina di anni fa negli spazi di uno storico negozio di fiori e in parte ha mantenuto anche questa attività, creando così un mix di grande charme. La cucina è di ispirazione francese e utilizza ottime materie prime, italiane e internazionali. Prezzo medio 60€

- La griglia di Varrone, via Alessio di Toqueville, 7 (+39.02.36798388)
Questo ristorante di Lucca ha aperto una sua sede anche a Milano. Le eccellenti carni italiane e d'importazione sono al centro della proposta gastronomica, sia per gli antipasti che per i secondi. Non sono previsti invece primi di nessun genere. Prezzo medio 60€  

- La Bottega del Vino, piazza Lega Lombarda, 1 (+39.02.34936128)
Il punto di forza di questo indirizzo è chiaramente una cantina fornita di oltre 500 etichette, gestita dal sommelier Alessandro Baldissera. Ma anche la proposta gastronomica è interessante, con un menu fatto di piatti semplici che mirano a esaltare gli ottimi ingredienti di partenza. Prezzo medio 50€

- La Libera, via Palermo, 21 (+39.02.8053603) 
Questo ristorante tra Brera e corso Garibaldi è un classico della vecchia Milano, come testimonia anche l'arredo giustamente retrò. La specialità della casa sono i piatti della tradizione lombarda e milanese, ma il menu è molto ampio e può soddisfare ogni esigenza. Prezzo medio 40€

Fioraio Bianchi

Fioraio Bianchi

- Latteria San Marco, via San Marco, 24 (+39.02.6597653)
Un altro pezzo di storia meneghina: questa vecchia latteria diventata trattoria offre pochi coperti, non prenotabili, per assaggiare la cucina di Arturo Maggi. Semplice, genuina, dal gusto casalingo così come ogni particolare in questo locale (ad eccezione forse del conto finale). Prezzo medio 40€

- Osteria Brunello, corso Garibaldi, 117 (+39.02.6592973)
Alla fine di corso Garibaldi, praticamente in piazza XXV Aprile, questa moderna ed elegante osteria offre piatti tutti radicati nella tradizione italiana, anche se riletti con attenzione contemporanea. Su tutti spicca un'ottima Cotoletta di vitello. Notevole anche la carta dei vini. Prezzo medio 45€

- Pisacco, via Solferino, 48 (+39.02.91765472) 
Questo bistrot è stato aperto da un gruppo di soci che coinvolge anche lo chef Andrea Berton, ed è arredato con gusto iper-contemporaneo senza però risultare freddo. Anche la cucina è sicuramente moderna,  internazionale, ma con solidi appigli nei classici dell'italianità. Prezzo medio 45€

Un dettaglio dela sala di Pisacco

Un dettaglio dela sala di Pisacco

- Ratanà, via de Castilla, 28 (+39.02.87128855)
Cesare Battisti è contemporaneamente uno chef assolutamente moderno, ma anche un oste d'altri tempi, e questo dualismo si ritrova anche nella cucina del Ratanà. La tradizione viene proposta con autenticità, grazie anche a una ricerca continua sulla materia prima, ma anche riletta con gusto ed eleganza. Prezzo medio 45€

Ospite speciale: Eataly Smeraldo, piazza XXV Aprile, 10 (+39.02.49497301)
Si è scritto tutto (e il suo contrario) su questo negozio della catena di Farinetti a Milano. Ha riempito uno storico teatro della città, dopo qualche triste anno di crisi e successivo abbandono, con un negozio che spazia dalla frutta e verdura al pesce (con uno dei banchi migliori della città), dalla pasta fresca alla carne, fino alla mozzarella prodotta sul luogo. Oltre allo stellato Alice, ospita anche diversi ristoranti tematici (pasta&pizza, pesce, carne, piadine, dolci...).


Rubriche

Fuori Expo

Racconti, consigli e assaggi dalla città dell'Esposizione Universale 2015


Olio Coppini