Premio Birra Moretti Grand Cru: intervista ad Alberto Francesco Wengert

Il 19 novembre la selezione: dieci semifinalisti, avanzeranno i cinque migliori. Oggi scopriamo il decimo chef under 35

16-11-2018
Alberto Francesco Wengert, sous-chef della Locand

Alberto Francesco Wengert, sous-chef della Locanda del Borgo di Telese Terme (Benevento)

Il Premio Birra Moretti Grand Cru, giunto alla sua ottava edizione e promosso dalla Fondazione Birra Moretti in collaborazione con Identità Golose, sta per entrare nel vivo. A metà settembre, una giuria composta da Paolo Marchi – ideatore di Identità Golose -, Viviana Varese - chef del ristorante Alice, Milano - e Nicola Dell’Agnolo – maitre e sommelier de Il Luogo di Aimo e Nadia di Milano - si è riunita per selezionare, da un novero di 129 concorrenti, gli autori delle 10 ricette più meritevoli di accedere alla fase successiva, che decreterà i primi cinque chef finalisti.

Questa seconda fase del premio si svolgerà il 19 novembre a Identità Golose Milano, l'Hub Internazionale della Gastronomia in via Romagnosi 3: sarà un momento molto importante per dieci giovani chef che si sono aggiudicati l’accesso alla semifinale. A giudicare questa volta ci saranno Alfredo Pratolongo, Presidente della Fondazione Birra Moretti, lo chef Giancarlo Morelli, il Presidente di Giuria Claudio SadlerNicola Dell'Agnolo e Paolo Marchi

Per i cinque eliminati, però, ci sarà ancora un'altra possibilità di rientrare in gara. Dalle ore 9 del 26 novembre alle ore 24 del 14 dicembre potranno contendersi l’ultimo posto per la finale, grazie al voto popolare. Sarà infatti possibile votare la video-ricetta preferita e quindi decidere chi sarà il sesto partecipante alla finalissima del Premio Birra Moretti Grand Cru, che si terrà durante l'edizione 2019 di Identità Golose Milano e che metterà in palio l'ambito premio del valore di diecimila euro.

Ma chi sono i dieci chef under 35 che si sono conquistati la partecipazione alla semifinale del 19 novembre? Li scopriremo insieme, uno a uno, rigorosamente in ordine alfabetico. Il decimo è dunque Alberto Francesco Wengert, sous-chef della Locanda del Borgo di Telese Terme (Benevento), che partecipa con Alici di Cetara affumicate, caviale di colatura, gelèe alla Birra Moretti e meringa di pane croccante. Ecco la nostra intervista con cui conoscerlo meglio.

Alici di Cetara affumicate, caviale di colatura, gelèe alla Birra Moretti e meringa di pane croccante

Alici di Cetara affumicate, caviale di colatura, gelèe alla Birra Moretti e meringa di pane croccante

Come è nata la tua passione per la cucina?
La mia passione per la cucina è nata già in giovane età, ed è in gran parte legata a ricordi familiari, quando ci si sedeva tutti intorno al tavolo della domenica per gustare il ragù della nonna.

Quali sono i tuoi maestri o comunque gli chef che ti hanno influenzato?
Sono stato fortunato ad aver conosciuto tanti chef, come si può leggere dal mio curriculum, i quali durante le mie esperienze lavorative hanno contribuito ad accrescere in me sempre di più la passione per la cucina e ad ampliare la conoscenza sulle materie prime e sulle diverse tecniche di lavorazione.

Quali sono il tuo signature dish e il tuo ingrediente prediletto?
Essendo di origini campane, prediligo la preparazione di portate a base di pesce, in particolare il pesce azzurro.

La birra utilizzata in questa ricetta è la Birra Moretti Ricetta Originale

La birra utilizzata in questa ricetta è la Birra Moretti Ricetta Originale

Qual è la filosofia del piatto che presenti? Puoi descriverlo in poche righe?
Questo è un piatto che racchiude alcuni dei prodotti tipici della costa campana, come le alici di Cetara, la provola affumicata di Agerola e la colatura di alici. Ho voluto abbinare questi ingredienti per sottolineare il mio legame al territorio ed esaltarne l’essenza.

Tu sei un giovane chef. Quale sarà a tuo giudizio la tendenza della cucina del futuro?
Per me la cucina del futuro dovrebbe privilegiare gli ingredienti semplici e genuini di una volta, quindi un ritorno al passato.

Ti piace la birra in cucina? Cosa ne pensi?
Penso che in cucina la birra sia un ingrediente particolare il cui uso presuppone la conoscenza delle varie tipologie, affinché l’abbinamento con altri ingredienti possa esaltarne il gusto.


Rubriche

A tutta birra

Le ricette e i migliori momenti della seconda edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru