Ferrari è di nuovo la cantina dell'anno

Terzo successo alle Olimpiadi delle bollicine. Con una soddisfazione in più: battute tutte le case di Champagne

14-07-2019
Matteo e Camilla Lunelli con Essi Avellan alla pre

Matteo e Camilla Lunelli con Essi Avellan alla premiazione dell'edizione 2017 del The Champagne & Sparkling Wine World Championships a Londra. L'appuntamento del 2019 è previsto per il 4 novembre, sempre nella capitale del Regno Unito, sempre con la famiglia Lunelli e le Cantine Ferrari al massimo. Foto di Charmaine Grieger

Giulio Ferrari lo aveva sempre detto quando Trento era ancora una tessera dell’impero austro-ungarico e tutti lo prendevano per il visionario che in fondo era: fare un vino pari, se non superiore, allo Champagne, in Trentino però. Il tutto a inizio del secolo scorso. Adesso ecco che chi ha raccolto la sua eredità, la famiglia Lunelli, festeggia una volta ancora, la terza dopo il 2015 e il 2017, l’essere stata nuovamente premiata come Sparkling Wine Producer of the year, ovviamente il 2019, al The Champagne & Sparkling Wine World Championships.

E il sogno del fondatore? Realizzato: per la prima volta dall’inizio della competizione, l’Italia ha superato la Francia per numero di medaglie. La Casa Trentina ne ha ricevute ben 15 d’oro per i suoi Trentodoc, tra cui il Ferrari Brut e il Ferrari Maximum, primeggiando sulla Maison de Champagne Louis Roederer per la nomina al trofeo più prestigioso, il titolo di Produttore dell’Anno. Ad annunciarlo lo stesso ideatore delle Olimpiadi della bollicine Tom Stevenson, che ha definito come “unbelievable”, ovvero incredibile, lo straordinario successo di Ferrari.

The Champagne and Sparkling Wine World Championships è la più importante competizione internazionale dedicata solo al settore delle bollicine, un primato ottenuto soprattutto grazie al prestigio dei suoi tre giudici, a iniziare dallo stesso Tom Stevenson, assieme con Essi Avellan e Tony Jordan, autoreità assolute nel mondo sparkling.

Il comunicato della cantina trentina ci ricorda come «oltre ad esser stato nominato Sparkling Wine Producer of the Year già nel 2015 e 2017, Ferrari si è aggiudicato il titolo di World Champion Sparkling Wine Outside Champagne con il Ferrari Perlé 2007 nel 2014 e, nel 2016, quello di Blanc de Blancs World Champion con il Ferrari Brut.

«Questi risultati non fanno che confermare il valore dell’intera gamma dei Trentodoc Ferrari, nonché regalano ulteriore prestigio internazionale alla Casa trentina, che si conferma tra i migliori produttori di bollicine a livello internazionale, in grado di primeggiare su Maison de Champagne e altre importanti cantine di tutto il mondo.

Vigneti Ferrari, un pezzo di paradiso naturale in terra

Vigneti Ferrari, un pezzo di paradiso naturale in terra

“Siamo molto orgogliosi di questo titolo – ha commentato Matteo Lunelli, presidente delle Cantine Ferrari – in quanto testimonia una volta di più come il Trentino, grazie alla sua viticoltura di montagna, sia un territorio con una vocazione unica e straordinaria per creare bollicine di eccellenza. Non a caso la Trentodoc è la denominazione con il maggior numero di medaglie in questa manifestazione. Dedico, anche a nome di tutta la mia famiglia, questo successo a tutte le donne e gli uomini delle Cantine Ferrari che ogni giorno, da oltre un secolo, portano avanti il sogno di Giulio Ferrari mirando sempre ai traguardi più ambiziosi”».

La cerimonia di premiazione per l’assegnazione delle medaglie e del titolo di Sparkling Wine Producer of the Year avverrà il 4 novembre a Londra. E la storia prosegue.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo