La mia cucina altoatesina, bontà dall'estremo Nord

Stefano Cavada, food influencer e conduttore tv, all'esordio in libreria con un volume che racconta i sapori della sua terra

20-10-2019
Un piatto (Spätzle di farro integrale alla panna

Un piatto (Spätzle di farro integrale alla panna e prosciutto) e la copertina del libro di Stefano Cavada, La mia cucina altoatesina, edito da Athesia, 144 pagine, 19,90 euro

È in libreria da qualche giorno La mia cucina altoatesina (sottotitolo "45 ricette per ogni occasione", casa editrice Athesia, pagine 144, euro 19,90, per acquistarlo clicca qui), il primo libro di Stefano Cavada. Altoatesino, ha 28 anni e ha coltivato fin da giovanissimo una grande passione per la cucina. Ha iniziato a farsi conoscere quando, pochi anni fa, ha preso a postare le sue originali ricette preparate con ingredienti tradizionali dell‘Alto Adige sul suo canale YouTube. In breve tempo ha raggiunto due milioni di visualizzazioni su Youtube e più di 45.000 follower su Instagram, ma ha anche creato, a Brescia, Essen Kitchen, la propria cucina studio, e ha condotto il programma di cucina SelfieFood – una foto, una ricetta (prima edizione nel 2018 sul canale televisivo La7d) e la trasmissione “Food (r)evolution” andata in onda nella primavera 2019 su Rai Alto Adige in collaborazione con la scuola alberghiera Cesare Ritz di Merano. Con la pubblicazione del suo libro Cavada aggiunge un significativo tassello alla sua carriera di cuoco per passione.

“Da quando ho deciso di dedicarmi alla mia passione per la cucina - ci racconta a riguardo-, dentro di me c’era sempre stato il grande desiderio di pubblicare un libro di ricette. Proprio perché ne sfoglio molti quando cerco ispirazione o quando semplicemente replico una ricetta nella mia cucina. È un progetto che ho seguito dall’inizio alla fine e un anno fa ho iniziato a lavorarci insieme alla mia casa editrice. Per me è stato entusiasmante avventurarmi nel mondo dell’editoria e capire come nasce un libro ed effettivamente quanto lavoro ci sia dietro. Vedere su carta stampata le mie ricette è un grandissimo traguardo per il mio lavoro e sono molto contento che le persone che negli anni mi hanno sempre seguito e supportato, abbiano apprezzato molto questo mio nuovo progetto. Ora vi lascio ad un estratto del mio libro".

La mia passione per la cucina negli anni passati mi ha posto dinanzi a molte scelte, facendo cambiare rotta parecchie volte alla mia vita. Quando partii per Londra, volevo ritrovare me stesso e capire se potessi farcela a vivere da solo, rimboccandomi le maniche e dandomi da fare per sopravvivere. È stata una grande lezione di vita che mi ha letteralmente cambiato: questo me lo racconto molto spesso, per non dimenticare quello che ho imparato in quel periodo.

Tuttavia la grande ispirazione non è arrivata a Londra, bensì durante una piccola parentesi a Parigi. Quando rientrai in Alto Adige, decisi di condividere le mie ricette e la mia passione tramite i canali social e un sito internet. Sono così felice di aver fatto quella scelta, perché dopo tante peripezie, delusioni e fatiche, mi ritrovo qui a scrivere, nero su bianco, il libro che tanto desideravo poter un giorno tenere in mano. Chi mi conosce bene e mi segue da molto sui canali social sa benissimo quanto io sia legato al mio territorio: l’Alto Adige.

Per me è il posto in cui mi sento sempre a casa e dove c’è un pezzo del mio cuore: “Heimat” è un termine tedesco che esprime proprio questo concetto e non c’è traduzione che possa spiegare bene il valore intrinseco di questa parola. La mia cucina, negli ultimi anni, propone ricette e ingredienti altoatesini che spesso rielaboro in chiave moderna o con grandi contaminazioni internazionali. I sapori, gli ingredienti e le ricette che la caratterizzano sono pieni di ricordi ed emozioni. Fin da piccolo il mio palato si è sviluppato con il burro dell’Alto Adige, che ha sempre quel buon sapore di panna fresca, con le varietà del tradizionale pane nero, con i canederli e gli Spätzle e con lo strudel, le torte e i biscotti di tradizione nordica.

Per questo motivo nel libro sono presenti ingredienti che ricorrono in molte ricette e che mi piace usare spesso in cucina. In questo libro ho voluto raccogliere e proporre piatti che cucino tutti i giorni e pietanze che preparo per le occasioni speciali. Si tratta di ricette accessibili a tutti, facili e spesso veloci da realizzare. Non voglio insegnarvi a cucinare, ma vorrei ispirarvi a mettervi in cucina, che sia soltanto per voi oppure anche per la famiglia o gli amici.

Canederli agli spinaci

Canederli agli spinaci

Il libro inizia con il capitolo sulla colazione, uno dei miei pasti preferiti. Tutte le mie giornate iniziano con la colazione che devo fare appena sceso dal letto, ancora prima di cambiarmi e uscire di casa: cosa c’è di più bello che cominciare la giornata con un dolce fatto in casa? Le ricette che troverete in questo capitolo accontentano veramente tutti i gusti, spaziando fra torte, biscotti, granola e plumcake. Il brunch – quella tarda colazione da weekend dove inviti a raccolta i tuoi amici – è un altro momento di convivialità che adoro.

Le ricette di questo capitolo si prestano bene a preparare anche un buffet dove ognuno può servirsi a piacere. Nel capitolo delle ricette della tradizione c’è una selezione dei primi che preferisco, non soltanto nella loro versione originale e tradizionale, ma anche con qualche modifica che ho apportato nel corso degli anni. Le ricette da condividere sono pensate per preparare dei piatti unici per svariate occasioni, perfetti per essere serviti in grandi vassoi alla portata di tutti.

I lievitati sono un’altra mia grande passione: fin da piccolino il venerdì sera impastavo la pizza con mio papà. In questo capitolo c’è la tanto amata ricetta della focaccia alla zucca, ma anche quella della pizza a lunga lievitazione in frigorifero e molte altre. Infine il capitolo delle tante dolci tentazioni: dallo strudel tradizionale, alle versioni in miniatura della Linzer e della Sacher, due fra le mie torte preferite. Insomma, con queste mie ricette voglio presentare la mia idea di cucina a trecentosessanta gradi e, soprattutto, ispirare i lettori a cimentarsi tra i fornelli con qualcosa di nuovo.

Ogni ricetta ha anche una breve introduzione, dove troverete qualche aneddoto inedito della mia vita oppure qualche piccola curiosità su come sia nata la ricetta. Così è nata La mia cucina altoatesina.


Rubriche

In libreria

Pubblicazioni e novità editoriali del pianeta gola