17-11-2023

La Liste 2024, Da Vittorio e Le Calandre a un soffio dal gotha del mondo

I ristoranti italiani di Brusaporto (Bergamo) e Rubano (Padova) sfiorano il vertice della classifica delle classifiche. In cima, 7 insegne: Le Bernardin, Guy Savoy, Sushi Saito, La Vague d’Or, L’Enclume, Schwarzwaldstube ie Lung King Heen

Sopra, la famiglia Cerea (Da Vittorio, Brusaporto,

Sopra, la famiglia Cerea (Da Vittorio, Brusaporto, Bergamo), sotto gli Alajmo (Le Calandre, Rubano, Padova)

Le Bernardin a New York, Guy Savoy a Parigi, Sushi Saito a Tokyo, La Vague d’Or a Saint-Tropez, L’Enclume a Grange-over-Sands in Inghilterra, Schwarzwaldstube in Germania, Lung King Heen a Hong Kong. Sono i 7 ristoranti che svettano in cima quest’anno a La Liste, classifica globale di ristoranti, pasticceri e hotel, un algoritmo che mette in fila i migliori mille ristoranti del mondo, incrociando i dati espressi da guide di fine dining, critici, blogger e siti di recensioni.

Appena dietro i magnifici 7 (che ottengono un punteggio di 99.50 centesimi), un altro plotone di grandi ristoranti tra cui gli italiani Da Vittorio, Le Calandre (99 centesimi). Appena dietro, per rimanere in Italia, Dal Pescatore e Piazza Duomo (98,5); La Pergola, Osteria Francescana e Reale (98).

I vincitori saranno premiati lunedì 20 novembre nel corso di una cena di gala.


News

a cura di

Davide Botta

Classe 1967, veneto, inizia il suo percorso in quella che era una vecchia osteria di paese, da lui rilevata così da farne la sua scuola per imparare il mestiere. Rimane in terra bresciana per oltre 20 anni, poi, nel settembre 2012, viene a conoscenza di una struttura disponibile a Isola della Scala (Verona). Se ne innamora e, con la sua compagna, ne fa un luogo di ristoro, dove oltre a una deliziosa cucina, offre anche la possibilità di fermarsi a dormire: è L’Artigliere, il suo ristorante con locanda.