Premi e recensioni: ecco la Guida alle Birre d'Italia di Slow Food

01-07-2020

È uscita l'1 luglio la pubblicazione curata da Luca Giaccone ed Eugenio Signoroni: 1866 birre e 387 birrifici segnalati

La Guida alle birre d’Italia di Slow Food Editore arriva in libreria in una rinnovata veste grafica più intuitiva e una nuova catalogazione dei riconoscimenti a birre e birrifici a servizio del lettore.

Giunta ormai alla sua settima edizione biennale e con un totale di 1866 birre e 387 birrifici segnalati, si conferma una guida originale e completa, in grado di offrire un’istantanea del mondo brassicolo italiano contemporaneo di eccellenza. I curatori Luca Giaccone ed Eugenio Signoroni hanno diretto un gruppo di 90 collaboratori su un lavoro minuzioso e preciso ma non inutilmente tecnico, con l’obiettivo di raggiungere un pubblico ampio oltre la stretta cerchia degli appassionati. Allo stesso tempo, la nuova edizione è stata redatta con una maggior selettività per offrire al lettore una lista che funga realmente da guida nel mondo della birra italiana.

Prodotti e produttori sono pari protagonisti della Guida. In questa edizione, i riconoscimenti sono stati ripensati e semplificati arrivando a quattro categorie, due per le birre e due per i birrifici. Ci sono infatti le Chiocciole, cioè birrifici eccellenti e slow riconosciuti per la qualità e la costanza delle birre, ma anche per il ruolo svolto nel settore birrario nazionale, per l’identità e per l’attenzione al territorio e all’ambiente. Le eccellenze sono invece un nuovo riconoscimento per i birrifici che esprimono un’elevata qualità media su tutta la produzione. In Guida sono presenti 73 eccellenze. 
Le birre slow che, oltre a essere eccellenti per valore organolettico, sono in grado di emozionare e raccontare un territorio. In Guida sono presenti 127 birre slow. 
Infine le birre imperdibili: ne sono state selezionate 358.

Ad arricchire questa edizione della guida, una sezione completamente nuova a chiudere ogni capitolo regionale dedicata ai locali che servono o vendono soprattutto birra artigianale italiana. Sono oltre 600 i pub, i beershop, le enoteche e i bar dove acquistare e bere segnalati.