Gente di Lago 2019: torna la manifestazione ideata da Marco Sacco

06-10-2019

Il 6 e 7 ottobre sull’Isola dei Pescatori, di fronte a Stresa: cucina d'autore, divulgazione e intrattenimento per tutelare le acque dolci

È a lato dei corsi d’acqua dolce che si sono sviluppate e sono progredite le più grandi civiltà della storia. Ancora oggi torrenti, fiumi e laghi costituiscono la base delle riserve idriche e, nella nostra penisola in particolar modo, la principale fonte di energia rinnovabile. Per portare all’attenzione nazionale questo inestimabile patrimonio, i prossimi 6 e 7 ottobre sull’Isola dei Pescatori del Lago Maggiore torna Gente di lago e di fiume, la manifestazione promossa dallo chef Marco Sacco e giunta quest’anno alla seconda edizione.

Dopo il successo dello scorso anno, Gente di lago e di fiume cresce nei numeri e negli appuntamenti, con un programma di iniziative che spazieranno da momenti di enogastronomia e divulgazione scientifica a performance artistiche e musicali, laboratori di pittura e artigianato, per far conoscere al grande pubblico i saperi e le tradizioni trasmesse da coloro che vivono a contatto con laghi e fiumi.

Domenica 6 ottobre un ricco panel di eventi, durante il corso di tutta la giornata, coinvolgerà i visitatori che giungeranno sull’Isola. Fra le novità più attese ci sarà la divertente caccia al tesoro che appassionerà grandi e piccoli nella ricerca degli indizi – enigmi, pezzi di un puzzle o semplici informazioni – che, caricati su una piattaforma multimediale, consentiranno di scoprire location inesplorate dell’Isola e curiosità sulle acque dolci, alla conquista del “tesoro” finale: una cena per due persone presso il ristorante Piccolo Lago di Marco Sacco. Sarà possibile scoprire la gastronomia di lago, facendo tappa nelle 11 postazioni dei ristoranti dell’isola, che proporranno ricette a base di pesce di lago firmate in collaborazione dagli chef resident con una vera e propria task force di chef “ospiti” di fama internazionale. 

Sarà possibile, poi, assistere alla dimostrazione di alcune delle attività tradizionali della vita dei pescatori, come la “calata” e la “tinteggiatura” delle reti, la “pesca con la bedina”, a cui si aggiunge la “sfilettatura del pesce” in un intrigante contest tra i pescatori del Lago Maggiore e quelli del Lago di Bolsena. Il potenziale dell’ecosistema lacustre o le criticità più urgenti a esso connesse saranno invece approfonditi nel corso di interessanti conferenze, tenute da esperti del settore, mentre gli “Acquari aperti” permetteranno di conoscere da vicino i principali pesci di lago.

La giornata di lunedì 7 ottobre, invece, sarà dedicata al dibattito e al confronto nazionale. Istituzioni, enti, rappresentanti del mondo scientifico e produttivo si ritroveranno accanto agli chef e ai professionisti dell’informazione e della comunicazione per parlare del futuro dei laghi e delle acque dolci, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche più attuali, come quelle ambientali, e per rilanciarne l’immenso potenziale culturale ed economico.

Marco Sacco

Marco Sacco

Tra i dibattiti in programma anche quello che vedrà coinvolti sette grandi chef in un incontro dal titolo “Dal lago al mare, le nostre acque si difendono anche con la cucina”. Interverranno Enrico Cerea, Cristina Bowerman, Gianfranco Pascucci, Luigi Taglienti, Marco Campanella, Cesare Battisti e Paolo Barrale, mentre il padrone di casa Marco Sacco racconterà i due anni di attività di Gente di Lago e di Fiume. La mattinata si concluderà con una risottata collettiva che coinvolgerà ben 16 “giacche bianche”.

La giornata di lunedì si chiuderà con l’attesa cena di gala firmata da sette chef in arrivo da 4 ristoranti stellati, affiancati da un mastro cioccolatiere e sotto la supervisione di Marco Sacco, che sarà servita nelle sale del Grand Hotel Des Iles Borromèes a Stresa. Il costo di partecipazione, 200 euro a testa, sarà un contributo al sostegno dei progetti futuri di Gente di lago e di fiume. L’evento è promosso dall'Associazione "Gente di lago e di fiume”, nata su impulso di Marco Sacco.