Motor Power/> <br><br></td>
                                        </tr>
                                        <tr>
                                            <td align=
Newsletter 3 del 05 agosto 2019

Gentile {{NOME}},

Un gran bell’evento a Roma, Gelato Live al Bar Antonini, e 12 consigli per un’estate esaltante in materia di gelati e gelatieri, ben sapendo che una dozzina di consigli lungo l’Italia intera sono puntini su una mappa costellata di eccellenze autentiche. Ma capita sempre quando si fanno delle scelte precise su una scala così vasta. E in futuro tanti altri suggerimenti ancora.

E guardando a dopo questa agosto vacanziero, è importante segnarsi la data di domenica 8 settembre quando, al Palazzetto Baviera a Senigallia, presenteremo nel pomeriggio Identità di Gelato, progetto proiettato sul 2020 grazie alla collaborazione con Stefano Grandi, titolare di Moterpower.  Saranno presenti Paolo Brunelli, Moreno Ceroni e Mauro Uliassi con tutti i loro sapori e le loro sapienze in materia di gelato.

Paolo Marchi

 

Gelato live, una Principessa protagonista a Roma

Dario Rossi, Renato Trabalza e Felipe Zuniga

Principessa è stata la protagonista di Gelato Live, l'evento firmato dallo storico Bar Antonini di Roma, con la complicità di tre grandi gelatieri: Felipe Zuniga, Dario Rossi di Greed Avidi di Gelato e Renato Trabalza della Trattoria Sora Lella a Roma. La storia di questo storico bar inizia nel 1927, quando Giuseppe Antonini aprì una latteria, all'epoca si vendevano latte, burro, caramelle e le paste della domenica. Vent'anni più tardi la bottega di famiglia passa nelle mani del figlio Giorgio, il quale arricchisce la proposta grazie ai suoi trascorsi da pasticcere per una struttura americana che si prendeva cura dei soldati feriti in guerra, in zona Foro Italico. Un'esperienza che gli valse anche una camionetta piena zeppa di farina, uova, latte in polvere, cacao, regalatagli da uno dei capi che lo prese in simpatia.

È proprio in questo periodo che Giorgio comincia a preparare il gelato, a cominciare dal famoso zabaione Antonini, azsime con il pasticciere di allora Mario Prosperi. La storia di famiglia continua con le figlie Luciana e Paola, e i rispettivi mariti, che portano il nome Antonini nell'Olimpo dei bar della Capitale, diventando un punto di riferimento per moltissimi romani e non solo. Di qui sono passati personaggi su personaggi compreso Lucio Dalla, che abitava a pochi metri e a cui le sorelle Antonini offrivano il cappuccino per pranzare, data la condizione di povertà in cui il cantautore si trovava agli inizi. E ancora, Nanni Moretti e Renato Zero.

Ma tornando al gelato, oltre al famoso zabaione, ha fatto la storia anche il torroncino, un gusto che piace molto, della stessa consistenza di un semi freddo e preparato con pan di Spagna sbriciolato all’interno. Un gelato genuino che ha fatto la storia e che Antonini ha voluto celebrare con la complicità della mantecatrice Principessa e di tre grandi come Zuniga, Rossi e Trabalza.

Felipe, il gelatiere ufficiale di Principessa, al pubblico ha presentato il gusto crema, mentre Dario Rossi ha rischiato con il gelato gastronomico e i gusti pollo e peperoni (davvero singolare!) e il fantastico gelato alla lattuga romana con riduzione di aceto balsamico e pane di Bonci. A stupire i presenti ci ha pensato anche Renato Trabalza, chef dell'altrettanto storica Trattoria Sora Lella di Roma, che si è avvicinato al mondo del gelato per puro amore verso questo prodotto. Ai fortunati ha preparato la crema di Renatino: un tuffo sensoriale nel passato e un inno alla merenda che gli preparava la mamma, il mitico uovo sbattuto. Bello vedere la preparazione in diretta grazie alla Principessa.


La favola della Gelateria Caffetteria Fioca a Melle

Gelateria Caffetteria Fioca a Melle (Lago di Como)

In dialetto piemontese Fioca significa “neve”, ed effettivamente questa è una gelateria di montagna, nata dall'incontro di due realtà e tre artigiani. Da una parte ci sono Enrico Ponza e Fabio Ferrua del birrificio Antagonisti, che ha sede proprio a Melle, dall'altra lo chef del rifugio Meira Garneri a Sampeyre, Juri Chiotti. I tre sono uniti dalla passione per la loro Valle Varaita in Piemonte, dalla quale provengono molti degli ingredienti utilizzati nel gelato, come more di gelso, pigne, ramasin (specie di susina locale), menta selvatica o castagne Bracalla. E le altre materie prime sono comunque principalmente piemontesi, pensiamo per esempio alle nocciole, alle Paste di meliga, alle albicocche di Costigliole. Insomma, se amate la montagna e siete da queste parti, Fioca è una tappa obbligata.
3 gusti da provare: il sorprendente fieno, fiordilatte, menta.

Gelateria Caffetetteria Fioca a Melle (Cuneo) - via Tre Martiri, 15, telefono +39.339.8612757


Cremeria Spinola, doppia insegna a Chiavari

Cremeria Spinola a Chiavari (Genova)

Due gelaterie, una sul lungomare e l'altra nel suggestivo centro storico di Chiavari, e una sola, sana abitudine: un gelato naturale messo appunto dal gelatiere Matteo. Al bando dunque semilavorati, grassi idrogenati o qualsivoglia prodotto chimico. È questo il segreto di Cremeria Spinola, diventata un punto di riferimento per tutta la città. Potete scegliere tra i grandi classici eseguiti alla perfezione oppure sbizzarrirvi con delle creazioni più ardite ma comunque centrate nel gusto, come per esempio lampone e Campari o crema cubana con ananas, cocco e rum. Ci sono anche i frappè e la brioscia col gelato. Un altro plus: usano solo energia elettrica da fonti rinnovabili.

Sono tre i gusti da provare: Grazie Mille (tuorlo, mascarpone e scaglie di cioccolato), cioccolato Cabosse e Caffè del Professore con crema di nocciole.

Cremeria Spinola a Chiavari, due indirizzi: in corso Valparaiso, 118, telefono +39.342.7582497, e in corso Enrico Millo, 28, telefono +39.342.7582497.


Paolo Brunelli a Senigallia, il numero uno

Crema spalmabile al passion fruit e cioccolato fondente, Paolo Brunelli (Gelateria Brunelli, Senigallia, Ancona)

Se dici Brunelli a Senigallia, tutti - ma proprio tutti! - sanno di che cosa si sta parlando, ovvero della gelateria-cioccolateria di Paolo Brunelli. Un locale con laboratorio a vista, in perfetta coerenza con la filosofia del mastro gelatiere per il quale il gelato deve essere “trasparente” e deve rimandare, senza trucchi né inganni, al gusto di una materia prima naturale e fresca: quando la semplicità non è affatto banale. Oltre ai gusti classici, il menu della nuova stagione è ispirato ai ricordi del gelato anni Ottanta. Malaga vi dice qualcosa? E insieme a questo gusto desueto potete assaggiare lo zabaione al vin cotto, il marsala, la zuppa inglese, l'amaretto o la spagnola. Da quest'anno, poi, tutti i materiali utilizzati, dalle coppette, ai cucchiaini, alle confezioni d'asporto, sono compostabili.

Questi i tre gusti da provare: Crema Brunelli (crema, nocciole caramellate, cioccolato e vaniglia di Mananara), qualsiasi variazione del cioccolato e zabaione al vin cotto.    

Brunelli gelateria e cioccolateria a Senigallia (Ancona) - via Carducci, 7, telefono +39.071.60422.


Che buona Crème Glacée a San Benedetto

CheescakeSorbetteria Crème Glacée a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno)

Il gelato di Fabio Bracciotti lo potete assaggiare sia a Porto d'Ascoli, però evitando il caos del lungomare - qui trovate parcheggio, per intenderci -, sia nel centro di San Benedetto del Tronto dove ha da poco aperto la sua seconda creatura. In ogni caso si cade in piedi perché la qualità del gelato è fuori discussione, merito della tecnica del gelatiere - che nel punto vendita storico si può ammirare grazie al laboratorio a vista - e della naturalità degli ingredienti utilizzati. I gusti variano in relazione alla stagionalità e alla creatività del gelatiere, ma ci sono sempre delle specialità territoriali come la Crema della mamma con peschette dolci all'alchermes (dolcetti tipici del piceno imbevuti nell'alchermes e farciti con crema o cioccolato) o il Caffè di babbo (con Anisetta Meletti).

Ecco i tre gusti da provare: Crema della nonna con noci e mandorle caramellate, cioccolato fondente e cheesecake ai frutti di bosco.

Sorbetteria Crème Glacée a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) in via Montebello, 17, telefono +39.353.3657092, e in località Porto d'Ascoli, via L. Gabrielli, 8, telefono +39.392.6406865.


Cremeria Gabriele, profumi a Vico Equense

Cremeria Gabriele a Vico Equense (Napoli)

Se siete a Vico Equense, sulla penisola sorrentina, non potete non fare una tappa in questo storico negozio, dove il protagonista è il latte fornito da piccoli produttori del territorio e tutto quello che ci gira attorno, dai formaggi alle trecce, dal fior di latte al mitico Provolone del Monaco. Ovviamente ci sono anche i gelati, buonissimi, fatti a regola d'arte e con materie prime eccellenti, il più delle volte locali, pensiamo per esempio alle fantastiche more di gelso del Vesuvio. I fratelli Cuomo non sono solo bravissimi gelatieri, anche la pasticceria qui arriva ad alti livelli, è da assaggiare assolutamente la delizia al limone.

Tre gusti da provare: Sinfonia (crema di mela Annurca con pellecchielle del Vesuvio e biscotto friabile alle nocciole), limone di Sorrento Igp e ricotta con i fichi caramellati.

Gelateria Gabriele a Vico Equense (Napoli) – corso Umberto I, 8, telefono +39.081.8798744.


Sal De Riso a Minori, orgoglio della Costiera

Freschezza d’estate all’ananas e melone, Pasticceria Sal De Riso a Minori (Salerno)

Ormai il nome di Sal De Riso, così lo chiamano tutti, ha varcato i confini regionali, grazie alla sua bravura, ovviamente, e ai punti vendita dislocati a livello nazionale e internazionale. Ma la casa-madre a Minori è la sosta che consigliamo vivamente di fare, anche perché alle prelibatezze dolci si potranno sommare le suggestioni e i panorami della Costiera Amalfitana. Qui trovate pure i gelati del maestro, in cui i profumi e i colori dei suoi dolci, tipo le sfogliatelle, il babà al rum o la ricotta e pere, diventano freschi gelati. Sono da provare anche le granite, specie quella di Nonno Antonio, e già che ci siete la delizia al limone.

Questi i tre gusti da provare: sfogliatella, fico d'india e torta delizia all'arancia di Sorrento.

Sal De Riso a Minori (Salerno) in via  via Roma, 80, telefono +39.089.877941.


Pina Gel a Peschici, tutto iniziò con la nonna

Gelateria Pina Gel, Peschici (Foggia)

Questa gelateria ha aperto a Peschici nel 1984 grazie a nonna Lucrezia che le ha dato il nome di sua figlia Giuseppina. Oggi, a tenere egregiamente le redini, c'è Iginio Ventura, orafo di mestiere e gelatiere per vocazione. Oltre ai grandi classici della storica gelateria, come la Crema degli Angeli che ancora viene fatta con la ricetta segretissima di nonna Lucrezia o il Gianduiotto, fanno capolino anche gusti studiati da Iginio. Di recente nella lista di specialità sono entrate le stracciatelle: di arancia amara del Gargano con scorzoni di arance candite bagnati nel cioccolato fondente fuso e la stracciatella di pistacchio. Il gelatiere, poi, porta il gelato in giro per il Gargano e la Puglia intera, a bordo della sua Ape Gelateria.

I gusti da provare, tre: stracciatella di pistacchio, gianduiotto, caffè bianco (il colore è dato dal latte in cui sono stati messi i chicchi di caffè a riposare).

Pina Gel a Peschici (Foggia), in corso Umberto Primo 7, telefono +39.338.407.0879.


Baldo Gelato, alta qualità a Lecce

Baldo Gelato, Lecce

“Fresco e naturale ogni mattina”. È il claim di questa gelateria a pochi passi dalla splendida Piazza Sant'Oronzo a Lecce. Ed effettivamente qui il gelato è sempre cremoso al punto giusto e realizzato con materie prime accuratamente selezionate. Il locale è piccolino e i gusti non sono tantissimi, ma sono tutti ottimi. Ci sono i classici, in varie declinazioni, specie per il cioccolato, i sorbetti alla frutta di stagione e i gusti più creativi. Meritano anche le granite, soprattutto quella al caffè con panna montata, un vero toccasana contro il caldo dell'estate.

I tre gusti da provare: zenzero e lime, sorbetto alle albicocche, zabaione e nocciola.  

Baldo Gelato a Lecce, in via Idomeneo 78, telefono +39.328.0710290.


Emilio a Maratea e il panettone di Tiri

Emilio Maratea Gelateria Yogurteria Caffè, Maratea (Potenza)

Nell'incantevole baia di Maratea, dal 2006 Emilio Panzardi conduce la sua gelateria, ma prima lavorava nella ristorazione, con passione e solerzia: per lui il gelato è, innanzitutto, espressione di grande tecnica e capacità sensoriali. Nelle carapine del suo banco si ritrovano non molti gusti, che non è affatto un difetto, ed eseguiti a regola d'arte con materie prime di alta qualità, dal mandarino tardivo di Ciaculli, alle noci pesche di Corbara, ai fichi del Cilento, alla mandorla di Noto. Emilio, poi, da vita a delle collaborazioni con altri artigiani del gusto, pensiamo per esempio al sorprendente gelato al panettone estivo con il bauletto di Vincenzo Tiri. Ci sono anche ottime granite e semifreddi.

I nostri tre gusti da provare: pistacchio, ricotta e fichi, cioccolato Domori.

Emilio a Maratea (Potenza) in via Racia 12, telefono +39.340,8351976.


Sikè Gelato a Milazzo, un inno al cioccolato

Stracciatella modicanaSiké Gelato, Milazzo (Messina)

Se siete amanti del cioccolato, la gelateria di Rosario Leone D'Angelo è il posto che fa al caso vostro. Il gelatiere ama infatti selezionare la materia prima personalmente in Sudamerica e in Africa per tenere sotto controllo la qualità delle fave e della filiera produttiva. Ma questa attenzione la dedica anche agli altri ingredienti, come per esempio alle nocciole che lui tosta, macina e raffina nel suo laboratorio. Nascono così gelati genuini che arrivano al palato in maniera netta. Molti i gusti tra cui scegliere: carruba con gruè di cacao, cioccolato bianco e bacche di ginepro, stracciatella modicana, ma anche ananas, pompelmo e zenzero, crema al limone con capperi caramellati o finocchietto marino con mirtilli rossi.

I tre gusti da provare: qualsiasi variazione del cioccolato, caramello salato, dulce de leche con nocciole caramellate.

Sikè Gelato a Milazzo (Messina) in via Francesco Crispi 81, telefono +39.328.5770022.


Caffè Sicilia a Noto, la perfezione di Assenza

Corrado Assenza a Identità Golose 2019 (foto Brambilla-Serrani)

A Corrado Assenza le categorie che separano i saperi non sono mai piaciute: non esiste il cuoco salato di qua e il pasticcere di là «perché la natura stessa non è dolce o sapida: queste sono categorie che applichiamo noi umani, in maniera del tutto arbitraria, alla cucina e all’ordine delle pietanze». E così non stupitevi se nella famosa pasticceria di Noto anche i gelati siano strabilianti. Merito della loro genuinità: niente aromi aggiunti, niente edulcoranti artificiali, solo una lavorazione artigianale (ma per davvero) e ingredienti scelti in maniera oculata. I gusti sono pochi, naturali e classici. Tassativamente da provare anche le granite, che Corrado propone ai fichi, al caffè, ai gelsi, alle albicocche o alla mandorla (una menzione speciale va a quest'ultima).

Tre gusti da provare: mandorla di Noto, pistacchio e limone, cassata.

Caffè Sicilia a Noto (Siracuisa) in corso Vittorio Emanuele 125, telefono +39.0931.835013.


I Fenu a Cagliari celebrano la migliore Sardegna

Pesca, origano e vanigliaI Fenu gelateria e pasticceria a Cagliari

Aperta a inizio dicembre 2018 da Fabrizio Fenu e Maurizia Bellu, I Fenu è l'ultima sfida della coppia, già perché il gelato di Fabrizio non è cosa nuova: prima le sue creazioni le si poteva assaggiare al Bar Centrale di Marrubiu, il locale di famiglia che col tempo è diventato anche pizzeria. A Cagliari il gelatiere propone gusti – sono circa una ventina le carapine - che caratterizzano l'intera isola sarda: ricotta, abbamele (derivato del miele, uno dei più antichi prodotti gastronomici della cultura rurale della Sardegna) e mandorle, pardula, Brebiblù, pecorino sardo erborinato, fico nero sardo... Fabrizio ama anche sperimentare e ultimamente sta proponendo alcuni gusti affumicati.

Qui i tre gusti da provare: pecorino fiore sardo, sorbetto al finocchietto selvatico (in generale tutti i sorbetti sono ottimi), crema Vernaccia.

I Fenu a Cagliari, in piazza Galileo Galilei 35, telefono +39. 070 .46 5045.