Il Giardino don Diego, +39.392.8141917, se me sta sulla spiaggia di Grottammare in provincia di Ascoli Piceno, concessione 25 come ricordato nel biglietto da visita. Riaperto, dopo due o tre anni di chiusura, da Michele e Zaccaria Alesiani, padre e figlio, è un po’ la versione on the beach del Pepe Nero, osteria nel borgo storico, e collinare, di Cupra Marittima. In entrambi i posti la sera menù degustazione a prezzo fisso, 35 euro. A pranzo invece, chiusi a Cupra e aperti al mare con una carta ragionata e gustosa.

Ne scrivo per un equivoco davvero singolare, io un milanese che non conosce ogni dettaglio della vita di San Benedetto del Tronto nonostante un amore, Luisa, nata e vissuta lì. E’ successo che, dopo due antipasti e due primi, ci sia venuta voglia di un gelato, ma i gusti? Uno solo e io a stupirmi per una macedonia “CON IL GELATO DI CANNELLA (ENNIO)”. La cannella non piace a tutti, non è un sapore universale e il fatto che il nome del dolce fosse scritto tutto maiuscolo mi ha portato proprio fuori strada.

Ennio Cannella è un maestro gelatiere di San Benedetto. Classe 1970, nato a Montalto Marche, a vent’anni inizia ad applicarsi al gelato con una attenzione e una perseveranza che lo hanno portato sempre più in alto. Il gusto proposto dal Don Diego è all’anice mischiato ai funghetti di Offida, biscotto tipico di questa cittadina a tutto vino, un impasto che deve contemplare anche semini di anice verde di Castignano. Mi è piaciuto? Moltissimo, e non amo anice e anisette anche se ho un ricordo netto e positivo di gamberoni all’anice gustati a Berna negli anni Ottanta.

Intanto prosegue il nostro viaggio nell'Italia più buona.

Paolo Marchi

‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ 

Apri nel browser

alt_text
alt_text
Motor Power style= 
alt_text

Newsletter 15 del 06 agosto 2021

Gentile {{NOME}},

Il Giardino don Diego, +39.392.8141917, se me sta sulla spiaggia di Grottammare in provincia di Ascoli Piceno, concessione 25 come ricordato nel biglietto da visita. Riaperto, dopo due o tre anni di chiusura, da Michele e Zaccaria Alesiani, padre e figlio, è un po’ la versione on the beach del Pepe Nero, osteria nel borgo storico, e collinare, di Cupra Marittima. In entrambi i posti la sera menù degustazione a prezzo fisso, 35 euro. A pranzo invece, chiusi a Cupra e aperti al mare con una carta ragionata e gustosa.

Ne scrivo per un equivoco davvero singolare, io un milanese che non conosce ogni dettaglio della vita di San Benedetto del Tronto nonostante un amore, Luisa, nata e vissuta lì. E’ successo che, dopo due antipasti e due primi, ci sia venuta voglia di un gelato, ma i gusti? Uno solo e io a stupirmi per una macedonia “CON IL GELATO DI CANNELLA (ENNIO)”. La cannella non piace a tutti, non è un sapore universale e il fatto che il nome del dolce fosse scritto tutto maiuscolo mi ha portato proprio fuori strada.

Ennio Cannella è un maestro gelatiere di San Benedetto. Classe 1970, nato a Montalto Marche, a vent’anni inizia ad applicarsi al gelato con una attenzione e una perseveranza che lo hanno portato sempre più in alto. Il gusto proposto dal Don Diego è all’anice mischiato ai funghetti di Offida, biscotto tipico di questa cittadina a tutto vino, un impasto che deve contemplare anche semini di anice verde di Castignano. Mi è piaciuto? Moltissimo, e non amo anice e anisette anche se ho un ricordo netto e positivo di gamberoni all’anice gustati a Berna negli anni Ottanta.

Intanto prosegue il nostro viaggio nell'Italia più buona.

Paolo Marchi

I gelati d'agosto - seconda parte

alt_text
alt_text

Come promesso, la Newsletter di Identità di Gelato - realizzata come sempre in collaborazione con Motor Power Company e la rivoluzionaria stazione di mantecazione Principessa - torna a parlarvi di estate e di vacanze. Pochi giorni fa vi abbiamo proposto otto tra le migliori gelaterie del Nord Italia, con cui riempire di bontà i prossimi giorni, per molti dedicati ai viaggi e al relax: trovate la nostra selezione a questo link.

Proseguiamo nella nostra esplorazione golosa con altri nove consigli, che questa volta celebrano le gelaterie del Centro e del Sud, senza dimenticare alcune delle isole più belle del nostro Paese. Buon divertimento e buoni assaggi!

Terracina – Caffé del Duomo

alt_text
alt_text

Di sicuro si può venire qui per il mare limpido e per la lunga spiaggia che si estende a sud del promontorio del Circeo. Ma addentrandosi nel centro storico di Terracina si scoprirà un vero museo a cielo aperto, che offre un viaggio in varie epoche della storia dell’arte locale. I resti della via Appia antica, che lambiva il foro emiliano, le case rinascimentali e i palazzi settecenteschi di corso Anita Garibaldi e in cima al borgo la piazza del Municipio (da cui si intravede il mare e le isole pontine), con il Duomo e, proseguendo, l’antico foro romano. Nella piazza c’è il Caffè del Duomo, un classico bar di provincia che riserva una dolce sorpresa: il gelato. Mentre Davide Frainetti ha aperto la gelateria Gonetti a Torino, il resto della famiglia è impegnato a preparare deliziose mantecature, del moderato apporto di zucchero e dai sapori netti, che esaltano al massimo le materie prime. Dalla frutta delle vicine campagne, che restituisce sorbetti freschi e intensi, ai gusti a base latte, senza dimenticare la frutta secca, come la mandorla o il pistacchio, avvolgenti ma sempre puliti in bocca. 

I gusti da provare: fragola favetta di Terracina, mandorla siciliana, Sorrento (cioccolato bianco aromatizzato con scorza di limone locale e variegato con pistacchio di Sicilia e granella di pistacchi)
Caffè del Duomo - Terracina (Latina) - piazza Municipio, 17 - 0773.709528

Paestum - Gelateria Museo

alt_text
alt_text

Era un’antica città della Magna Grecia (poi occupata dai lucani e infine colonia romana), con i cui tempi ancora orgogliosamente maestosi; ma Paestum è anche la capitale del Cilento, lembo meridionale della Campania, che tra coste e spiagge e l’entroterra, è un’area naturalistica di grande bellezza. Ai più golosi la città non potrà far a meno di evocare lattose mozzarelle di bufala, da gustare nei caseifici della zona, ma anche gli appassionati di gelato troveranno una tappa di tutto rispetto: la Gelateria Museo. La bufala ritorna nella ricotta, presente in varie mantecature e nel latte con cui si preparano gelati, yogurt e budini. I profumi della regione sono ben rappresentati nei fichi bianchi del Cilento, o nel limone di Sorrento, ma c’è spazio anche per varie proposte a base di cioccolato e per la frutta secca.

I gusti da provare: noci di Sorrento, mandarini tardivi di Ciaculli
Gelateria Museo - Paestum (Salerno) - via Magna Grecia, 913 - 0828.811078

Capri – Buonocore

alt_text
alt_text

Capri è un saliscendi di coste frastagliate a picco sul mare, grotte naturali in cui il mare azzurro si specchia - la grotta azzurra e quella di Matermania - e meravigliose spiaggette. Il monte Solaro, raggiungibile in seggiovia, offre un panorama a mozzafiato dell’isola; un sentiero a piedi conduce ai resti della villa dell’imperatore romano Tiberio. Salendo verso Anacapri - borgo defilato dal fascino mediterraneo - si può visitare Villa San Michele (altra vista panoramica fino alla costiera amalfitana), mentre scendendo verso Capri ci si immerge in un’atmosfera più vivace e movimentata. Il locale della famiglia Buonocore è un avamposto di dolcezze e gelati che meritano una sosta. Si possono gustare coni e coppette con frutta fresca locale presente secondo stagione, ma anche squisite creme in abbinamenti e rivisitazioni originali; imperdibili le cialde arrotolate sul momento.

I gusti da provare: Saracino (cioccolato fondente, mandorle caramellate, scorzette di arancia e rum), Fantasia di Capri (fiordilatte variegato con crema di gianduia e mandorle caramellate)
Pasticceria Gelateria Buonocore - Capri (NA) - via Vittorio Emanuele, 35 - 081.8377826

Vico Equense - Cremeria Gabriele

alt_text
alt_text

E’ il primo comune della penisola sorrentina, meno noto al turismo internazionale, ma assai più caro a chi è in cerca di ristoranti gourmet, ottime pizze al metro e botteghe di qualità, presenti in alta concentrazione. Complice un territorio ricco di tradizioni gastronomiche importanti, dai monti Lattari, proprio qui alle spalle (con produzioni casearie quali il fiodilatte e il provolone del Monaco, dal latte delle vacche agerolesi), o la vicina Gragnano e i suoi pastifici. Una di queste botteghe è la Cremeria Gabriele, dove oltre all’ampia selezione di formaggi, si troverà un imperdibile banco di gelati. L’attenzione dei fratelli Cuomo alla selezione dei prodotti e al bilanciamento delle ricette è maniacale, le mantecature un concentrato delizioso e genuino degli ingredienti di partenza. Imperdibili le granite (limoni, gelsi, fragole di bosco).

I gusti da provare: limone, ricotta e fichi del Cilento, stracciatella
Cremeria Gabriele - Vico Equense (Napoli) - Corso Umberto I, 8 - 081.8798744

Lecce - Baldo Gelato

alt_text
alt_text

Lecce è a buon titolo una città d’arte e per scoprirlo basterà una passeggiata in centro. Se piazza S.Oronzo è un pot-pourri di varie epoche architettoniche, molti palazzi e chiese portano i segni del barocco, declinato qui in uno stile peculiare definito “leccese” (grazie anche al calore della pietra leccese). La piazza del duomo, con il duomo stesso e il palazzo del seminario sono un meraviglioso concentrato di bellezza che lascia senza parole, ma stesso vale per la Basilica di Santa Croce e la sua facciata a dir poco monumentale. Non lontano dal duomo, Baldo Gelato offre la scusa ideale per ritemprarsi a suon di gelati golosi e naturali. Qui si lavora molto su ricette leggere, preparate quotidianamente e con pochi ingredienti selezionati, come latte e panna di qualità, ma anche molte alternative a base acqua, con sorbetti che non invidiano nulla alle creme.

I gusti da provare: cioccolato fondente base acqua, ricotta e fichi caramellati, mandorla della Val di Noto
Baldo Gelato - Lecce - via Idomeneo, 78 - 328.0710290

Matera - Crèmes Bureau Officine del Gelato

alt_text
alt_text

Vero tuffo nella storia, Matera è una città rupestre ricca di stratificazioni compiute dall’uomo a partire dalla preistoria, prima in grotte naturali, poi in vere abitazioni. Visitando i due anfiteatri del Sasso Caveoso e del Sasso Barisano, si possono scorgere gli affascinanti segni che il corso del tempo ha loro impresso, dall’arrivo del Cristianesimo e delle sue chiese, al Medioevo, Rinascimento e Barocco, in un susseguirsi di palazzi, strade, orti e giardini, ma anche di cisterne e grotte nel sottosuolo. Dall’altra parte del canyon scavato dal fiume Gravina, nel Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, si intravede il contesto originario, sviluppatosi da questa parte nel contesto urbano dei Sassi. Restando in zona Sassi si possono gustare i coni e le coppette della gelateria Crèmes Bureau - Officine del Gelato, che propone un prodotto leggero ma goloso e appagante. Ampio il ricorso alla frutta fresca di prossimità e di stagione per sorbetti intensi e dissetanti, specie durante la calura estiva; ma si apprezzano anche le creme per equilibrio e profondità dei sapori.

I gusti da provare: caffè, pistacchio, sorbetto al cioccolato
Crèmes Bureau - Officine del Gelato - Matera - via delle Baccherie, 61 - 339-6214209

Cagliari - I Fenu Gelateria e Pasticceria

alt_text
alt_text

C’è un po’ di tutto a Cagliari: un ricco itinerario per chi voglia conoscere la storia dell’arte della città e i suoi quattro quartieri storici, la sua vocazione naturalistica che si può apprezzare percorrendo in bici la laguna e il parco di Molentargius-Saline, e poi naturalmente c’è il mare, che si ammira tuffandosi al Poetto, spiaggia cittadina lunga otto chilometri, fiancheggiata da un bel percorso pedonale e dalla ciclabile, o con un’escursione alle vicine Calamosca e Sella del Diavolo. Anche Fabrizio Fenu qualche hanno fa ha scelto Cagliari per proseguire il suo lavoro di artigiano del gelato (con sua moglie Maurizia a presiedere alla pasticceria). Nella selezione degli ingredienti la Sardegna più autentica regna sovrana; nella realizzazione delle ricette i classici si alternano ad abbinamenti insoliti ma sempre equilibrati, che dimostrano tutta la padronanza del gelatiere.

I gusti da provare: fichi e menta, pecorino e vernaccia, nocciole di Belvì
I Fenu Gelateria e Pasticceria -Cagliari - p.zza G. Galilei, 35 - 070.4655045

Pantelleria – Il Gelato di Ulisse

alt_text
alt_text

Un patrimonio unico di biodiversità caratterizza la rocciosa Pantelleria, tra la Sicilia e la Tunisia e per questo influenzata dal vicino mondo arabo nell’architettura e nella cultura (come i caratteristici dammusi). Le sue origini vulcaniche sono visibili facendo un’escursione sul monte Gibele, vulcano spento e facendo un bagno nelle acque termali dell’isola. E poi è il mare, una tavolozza di colori unici. In questa isola rocciosa la costante lotta tra uomo, vento e siccità è testimoniata dalle coltivazioni eroiche dello zibibbo, scavate in conche nel terreno. Al porto di Scauri il Gelato di Ulisse è una meta molto gettonata per i suoi gelati deliziosi, frutto di ricette semplici, genuine e molto rodate. A grandi classici si alternano piacevoli guizzi creativi, come l’impiego del basilico o del cappero, altro tenace “frutto” dell’isola. Da provare le granite, da accompagnare a soffici brioche.

I gusti da provare: crema al limone, pistacchio, cappero al cioccolato
Il Gelato di Ulisse - Pantelleria - via Scauri Porto, 4 - 338.2456933

Salina – Da Alfredo

alt_text
alt_text

Con una riserva Naturale che occupa metà del territorio, Salina è un’isola rigogliosa e ricca di itinerari naturalistici (con tanto di boschi e due cime vulcaniche), che regalano panorami unici sulle vicine isole. E poi ci sono le spiagge (da non perdere punta Scario e la spiaggia Pollara, resa immortale dal film “Il Postino”), la vita frizzante di Santa Marina, con i suoi locali, la produzione di Malvasia, con i suoi vigneti da visitare. Al sale che ha avuto un ruolo importante e ha dato il nome all’isola, è dedicato il Museo del Sale e del Mare, nel faro di Punta Lingua. Proprio nei pressi del faro, ci si imbatte nelle intense e dissetanti granite di Alfredo, ideali per tuffarci dentro soffici brioche col tuppo, onorando appieno il rito della colazione siciliana.

I gusti da provare: granita di gelsi, granita di pistacchio, granita al caffè
Da Alfredo - Santa Marina (Loc. Lingua) - Salina - Piazza Marina Garibaldi - 090.9843980