Non è una idea ben chiara in mente, tutt’altro. E’ un interrogativo: perché non esiste una “ristorante” di gelati? Le virgolette sono d’obbligo, capisco che gelato e gelaterie hanno tratti, peculiarità tutte loro ma mi sto chiedendo sempre più spesso perché non si possono creare dei menù degustazione ragionati, tutt’altro che improvvisati. Non cerco effetti speciali tanto per stupire, desidero accomodarmi a tavola e degustare seguendo un percorso ragionato, con calma, quella calma che in genere, soprattutto adesso, nelle gelaterie non esiste. Ne riparleremo.

Paolo Marchi

‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ ‌ 

Apri nel browser

alt_text
alt_text
Motor Power style= 
alt_text

Newsletter 14 del 02 agosto 2021

Gentile {{NOME}},

Non è una idea ben chiara in mente, tutt’altro. E’ un interrogativo: perché non esiste una “ristorante” di gelati? Le virgolette sono d’obbligo, capisco che gelato e gelaterie hanno tratti, peculiarità tutte loro ma mi sto chiedendo sempre più spesso perché non si possono creare dei menù degustazione ragionati, tutt’altro che improvvisati. Non cerco effetti speciali tanto per stupire, desidero accomodarmi a tavola e degustare seguendo un percorso ragionato, con calma, quella calma che in genere, soprattutto adesso, nelle gelaterie non esiste. Ne riparleremo.

Paolo Marchi

Brunelli e i non gelati della sua vita: Il maestro gelatiere di Senigallia ha firmato per Maretti un libro che è la negazione dei ricettari

alt_text
alt_text

Paolo Brunelli nel ritratto di Lido Vannucchi

I am not a gelato è stato presentato al tramonto ad Agugliano (Ancona) lo scorso 20 giugno presso l’Albergo al Belvedere della famiglia Brunelli. E’ lì che Paolo Brunelli ha iniziato a conoscere il mondo del gelato, pur avendo tutt’altro in mente: diventare una rockstar. Tanto che il libro, edito da Maretti di Imola, con la supervisione di Maria Gloria Frattagli, è dedicato al musicista Brian Eno. Immagini di Lido Vannucchi, prefazione di Emanuela Audisio, testi di Paolo Marchi e un cammeo sul vino di Sandro Sangiorgi. Pagine 192, prezzo di copertina 40 euro. Marchi ha raccontato questo volume sul sito di Identità Golose. 

Quando ti viene chiesto chi sei, si può rispondere in due modi, tre con la risposta più stupida e vuota che vi sia: cittadino del mondo. Tutti gli altri o sono espliciti, sono un... bla bla bla, oppure vanno per dinieghi, negando di essere questo o quello. Paolo Brunelli, maestro gelatiere in Senigallia, ha scelto quest’ultima via al momento di tuffarsi in un progetto legato all’editore Maretti di Imola. Chi conosce un minimo la cifra di questa casa editrice, non può certo attendersi un ricettario, un abbecedario di gelati e sorbetti. Però cosa troviamo sotto una elegantissima, ma impegnativa copertina nera? L’universo mondo di questo marchigiano nato e cresciuto ad Agugliano, sulle colline alle spalle di Ancona e Falconara, arrivato in riva all’Adriatico alla soglia della maturità professionale.

Leggi l'intero articolo

aVISTA - Gusti Nomadi: sveliamo in anteprima il progetto itinerante delle gelatiere Giovanna Musumeci e Ida Di Biaggio

alt_text
alt_text

Giovanna Musumeci, Ida Di Biaggio e Paolo Cossu

Come è capitato a molti, non solo nel campo della gastronomia, per le gelatiere Giovanna Musumeci (Pasticceria Santo Musumeci, Randazzo – Catania) e Ida Di Biaggio (Gelateria 900, Pescara) il periodo delle chiusure forzate causa Covid è stato anche un'occasione per riflettere e far gemmare nuove idee. Quella che hanno avuto loro, e che hanno poi sviluppato con l'amico architetto italiano/londinese Paolo Cossu, si chiama aVISTA - Gusti Nomadi, e la raccontiamo oggi in anteprima, in attesa che venga poi presentata ufficialmente durante il congresso di Identità Milano, in programma dal 25 al 27 settembre, allo stand di Motor Power Company.

«Passiamo buona parte delle nostre vite nei laboratori – ci hanno raccontato Giovanna Musumeci, Ida Di Biaggio e Paolo Cossu – e in quei mesi in cui ci siamo state di meno, ci siamo rese conto che volevamo inventarci un progetto che portasse il nostro lavoro e il nostro gelato fuori da quel contesto. Uscire dalla dinamica classica della gelateria-pasticceria, coinvolgere le persone in un modo nuovo». Quel modo si chiama aVISTA e si propone di portare in molti contesti diversi – dagli hotel di charme agli eventi speciali, le feste, i matrimoni e ancora mille altre possibilità – una proposta basata sull'idea del gelato e delle granite mantecate al momento, declinata con un approccio gastronomico, incrociata con la mixology e anche con il concetto, molto britannico, dell'High Tea, trasformandolo in aVISTA High Tea - A Mediterranean Experience.

«Reinventiamo questo rito – spiega ancora i tre ideatori – con i profumi e i sapori mediterranei, creando un appuntamento che ruota attorno al gelato. Un’esperienza completamente nuova, che fonde abitudini inglesi, prodotti italiani, profumi e sapori mediterranei. Nasce così un’esperienza unica, quella del aVISTA High Tea - A Mediterranean Experience: affascinante, capace di far incontrare mondi lontani, ripensarli, evolverli. Tutto rigorosamente a vista, perché è una esperienza che si vive con tutti i sensi: diventa intrattenimento, coinvolgimento, spettacolo».

Il “motore” tecnologico di questa idea si chiama Principessa Combo, la macchina firmata MotorPower che combina la stazione di mantecazione Principessa con i pozzetti di conservazione Neviera. Un mix di tecnologia, sostenibilità e versatilità, tutto nella stessa struttura. Prima della presentazione ufficiale a Identità Milano, Musumeci e Di Biaggio proporranno nel mese di agosto delle piccole anteprime di aVISTA in Sicilia: ve le racconteremo presto. 

I gelati d'agosto: prima parte

alt_text
alt_text

Scommettiamo che molti di voi, anche quest'anno, andranno in vacanza in Italia, complici l'assurdo periodo storico che stiamo vivendo e la raggiunta consapevolezza di tanti che il nostro Paese offre una miriade di opportunità. Muovendosi, infatti, da Nord a Sud sono tantissime le mete vacanziere di tutto rispetto. E una volta in vacanza, come resistere al desiderio di viziarsi con un gelato di qualità? Cominciamo da Nord con una selezione di otto gelaterie, per andare a colpo sicuro: tra pochi giorni torneremo nella vostra casella email con altri otto consigli. 

Val di Zoldo – Al Solèr

alt_text
alt_text

La Val di Zoldo fa parte del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Qui ci si viene sia per una vacanza all'insegna delle escursioni, sia per ritagliarsi attimi di relax tra una passeggiata a prova di bimbo e un rigenerante gelato: la Val di Zoldo è conosciuta come la valle dei gelatieri, da dove si è diffusa l’arte del sotto zero. Pare infatti che centinaia di gelatieri siano partiti dalle Valli del Cadore e dello Zoldano per diffondere il verbo di un gelato naturale, sdoganandolo dalle cucine nobiliari. Tra le tante gelaterie, segnaliamo Al Solèr, che si trova proprio al centro del paese, dove i fratelli Enrico ed Emanuele Piva preparano un gelato equilibrato e con materie prime eccellenti. 

I gusti da provare: nocciola; pistacchio; frutta di stagione, tra cui le fragoline di bosco.
Al Solèr – Val di Zoldo (Belluno) – via Pecol, 119 – 0437.789114
 

Trieste – Jazzin

alt_text
alt_text

Città elegante, dal fascino particolare con i suoi caffè letterari, le banchine del Porto Vecchio, le stradine del centro antico, il castello di Miramare raggiungibile con una bella passeggiata che costeggia il mare. Imperdibile, a Trieste, la spettacolare Piazza Unità d'Italia situata ai piedi del colle di San Giusto, patrono della città. A due passi dalla piazza c'è Jazzin, dove ogni anno i titolari sperimentano nuovi gusti. Oltre il gelato meritano anche le granite e le cheesecake. 

I gusti da provare: ricotta con croccante di agrumi e salsa di mandorla; confetto di mandorla e zest di arancia; pesca e basilico.
Jazzin - Trieste – via Mercato Vecchio, 1d – 040.2419261

Aprica - Gelateria Fiocco di Neve

alt_text
alt_text

L'Aprica è la destinazione ideale per una vacanza in montagna all’insegna di natura e sport. I paesaggi sono sorprendenti e il clima ideale sia per godersi percorsi di trekking che escursioni in mountain bike. Da vedere, l’Osservatorio Eco-faunistico Alpino, un luogo unico dove incontrare la fauna di queste montagne. In pieno centro trovate questa piccola gelateria artigianale che periodicamente organizza anche un servizio itinerante a bordo di un furgoncino.

Il gusto da provare: yogurt.
Gelateria Fiocco di Neve - Aprica (SO) - via Bernina, 2

Sestri Levante - 100% Naturale

alt_text
alt_text

Detta anche la “città dei due mari”, stretta tra la Baia del Silenzio e la Baia delle Favole, Sestri Levante ha ispirato Andersen per le sue fiabe e, facendo un balzo temporale non indifferente, l'ultimo film della Pixar, "Luca" (ambientato nell’immaginaria Portorosso, palesemente ispirata alle cittadine della riviera ligure). Ed è proprio Luca il gusto da provare da 100% Naturale – il nome è tutto un programma – fatto con latte di vacche di razza Cabannina, zucchero integrale italiano da barbabietola, nocciole Misto Chiavari, basilico e pinoli sabbiati. Il patron, Luca (Panozzo) pure lui, sarà ben lieto di raccontarvi tutti i gusti, frutto di una ricerca certosina di materie prime locali.  

I gusti da provare: Luca; Liguria fatto con miele di Castiglione; vaniglia.  
100% Naturale Gelateria Artigiana - Sestri Levante (GE) – via XXV Aprile, 126 – 0185.1770799 

Lido di Jesolo – Gelateria Marina

alt_text
alt_text

Una lingua di spiaggia lunga 15 chilometri a nord di Venezia ospita Jesolo Lido, che con i suoi amplissimi arenili sabbiosi è il posto di mare adatto a tutte le età. Ma la città offre tantissime alternative al mare. E’ letteralmente circondata dall’acqua, con canali naturali e lagune che rendono il paesaggio unico e sono percorribili con canoe, barche a remi e piccole imbarcazioni a motore. 500 chilometri di pista ciclabile offrono itinerari infiniti, da Venezia città alle isole di Burano, Murano e Torcello. Ad un passo dal mare, la Gelateria Caffetteria Marina propone una selezione di mantecature artigianali che sono frutto di una attenta ricerca di materie prime - dal cacao dal Venezuela e dal Madagascar alla frutta fresca italiana stagionale oppure tropicale -, declinate in proposte più o meno estrose, ma sempre centrate.

I gusti da provare: avocado e lime base acqua, fondente al caramello salato, mandorla di Toritto con rosmarino, limone e semi canditi, ricotta al profumo di limone.
Gelateria Caffetteria Marina - Lido di Jesolo (VE) - Piazza Marina, 7 - 0421.372344

Fidenza - Magritte Gelati al cubo

alt_text
alt_text

Spesso meta di passaggio tra Parma e chi punta verso Piacenza o la Lombardia, Fidenza riserva interessanti sorprese. Il centro storico custodisce i resti del suo lungo passato, come il duomo, gioiello dell’architettura romanico-padana e la piazza Garibaldi, di epoca romana. Ad un passo dalla città si può camminare sull’antica via Francigena, visitare i luoghi verdiani, o fare un salto alle terme di Salsomaggiore e Tabiano per una pausa rigenerante. Imperdibile, nel cuore della città, il gelato di Gianluca Cavi. Nel laboratorio del suo Magritte - Gelati al cubo è maniacale la scelta dei prodotti a filiera cortissima e con grande occhio alle piccoli produzioni di prossimità, come il latte di Rossa Reggiana e Jersey di una latteria locale, o la frutta delle colline piacentine. Ferratissima la lavorazione sul cacao, da Perù, Ecuador e India.

I gusti da provare: sorbetto con massa di cacao, crema allo yogurt, burro cacao (stracciatella rivisitata con burro di campagna variegato alla massa di cacao)
Magritte Gelati Al Cubo - Fidenza (Parma) - via Cavour, 7 - 338 591 1752

Riccione - Ciò Gelato

alt_text
alt_text

E' la meta prediletta per chi è in cerca di locali di tendenza e movida notturna, sulle sue spiagge o nelle discoteche sulla collina. Ma Riccione è anche anche la città dei parchi a tema, come l’Aquafan e l’Oltremare, dove si può ammirare l’affascinante spettacolo dei delfini. Durante il giorno si può andare al mare, passeggiare lungo la centralissima viale Ceccarini curiosando tra eleganti boutique, o sorseggiare un aperitivo in uno dei tanti raffinati bar. Per una pausa rinfrescante ci sono i gelati e le granite siciliane di Ciò Gelato, novità di Maurizio Bernardini e Pierfrancesco Romano, già artefici della gelateria bolognese Gallera 49. La proposta è articolata in un cartellone dinamico e improntato sulla stagionalità della frutta fresca, con tante referenze locali, o sulle squisite proposte a base di frutta secca, a cui è dedicata grande cura nella lavorazione, così come per il cacao.

I gusti da provare: stracciatella con scaglie di cioccolato fondente Uganda a coltello, pesca bianca romagnola con zenzero grattugiato, ricotta e visciole di Cantiano
Ciò Gelato - Riccione (Rimini) - viale Antonio Gramsci, 66 

Isola d'Elba – Ghibli

alt_text
alt_text

L’isola è un mondo a sé, che offre l’incanto di calette e spiagge bagnate da un mare cristallino, la macchia mediterranea a pochi passi dal mare con percorsi e passeggiate e gli oltre 1.000 metri del monte Capanne, raggiungibile attraverso splendidi sentieri o in cabinovia. Si può scendere nel paesaggio sotterraneo delle vecchie miniere di magnetite di Capoliveri, oppure andare a scoprire le tombe protostoriche di Piane della Sughera. Paesini di mare e di collina offrono poi botteghe e mercatini artigianali. A Marina di Campo, prima di avviarsi verso il centro è bene fare una sosta alla Gelateria Ghibli. Nel gelato di Gianpaolo e Mariagrazia Doti ci sono pochi ingredienti, materie prime scelte con cura e poco altro, nell’ottica di produrre un alimento goloso e anche genuino, declinato in una ventina di proposte giornaliere che variano di continuo.

I gusti da provare: cremino, mascarpone goloso, pesto di pistacchio
Gelateria Ghibli - Campo nell’Elba (Livorno) - piazza Torino, 3