Birra Moretti leggi le news
S.Pellegrino leggi le news
Monograno Felicetti leggi le news
Petra leggi le news
Lavazza leggi le news
Grana Padano leggi le news
Guida 2014 - Acquista ora
Ernesto Iaccarino Beniamino  Nespor ed Eugenio Roncoroni Prin Polsuk Gino Sorbillo Salvatore Tassa Joan Roca Marco Mancini
David Kinch Identità  Golose - i protagonisti della cucina Antonio Santini
Gabriele Bonci Gianluca Fusto
Andrea Berton Giuseppe Giordano
Mathias Dahlgren Daniele Usai Antonio Guida Arcangelo Dandini Emanuele Scarello Julia Scavo Yasuhiro Sasajima
16-04-2014

Premio Francesco Arrigoni 2014

Domenica 4 maggio prossimo, presso il Monastero San Pietro in Lamosa di Provaglio d'Iseo (Brescia), sarà assegnato il Premio Francesco Arrigoni 2014, riconoscimento che intende onorare la memoria del giornalista bergamasco. La giuria, presieduta da Antonella Colleoni, moglie di Francesco, assegnerà il premio da 5mila euro e tre simboli che ricordano lo scrittore prematuramente scomparso

15-04-2014

Birra Expo a Piacenza

Una finestra sull'universo della birra artigianale italiana: microbirrifici, aziende di macchinari, attrezzature di produzione e forniture per le birrerie. Si aprirà a Piacenza Expo dall'8 all'11 maggio, in occasione di Birra Expo, Salone nazionale della birra artigianale. Nutrito il calendario di conferenze, incontri, degustazioni e corsi con i grandi esperti italiani. Apertura da giovedì a sabato, dalle 16 alle 2. Domenica dalle 10 a mezzanotte

14-04-2014

Il 1° piano del Mercato Centrale Firenze

C’è grande attesa per la riapertura imminente del primo piano del Mercato Centrale Firenze. Il taglio del nastro è fissato per mercoledì 23 aprile, mentre il giorno successivo, giovedì 24, aprirà al pubblico. Gli spazi verranno restituiti alla città completamente rinnovati con 12 botteghe artiginali e di qualità, inclusi ristorante, enoteca, pizzeria, birreria, scuola di cucina, enoscuola, banca, libreria... per un totale di 500 posti a sedere

11-04-2014

I Costardi e Le Toque Blanches

L’associazione francese Le Toques Blanches du Monde, oltre 6mila cuochi affiliati da tutto il mondo, ha scelto Christian e Manuel Costardi del ristorante omonimo di Vercelli come testimonial per iniziare a vendere online prodotti rappresentativi di un certo paese. Si inizia con l’Italia: i fratelli Costardi hanno selezionato una serie di eccellenze dall’Aceto Balsamico di Modena di Leonardi al Grissino di Cigliano fino al riso Carnaroli a loro marchio

10-04-2014

Henderson, premio alla carriera

E' stato assegnato al britannico Fergus Henderson il riconoscimento alla carriera della World's 50Best 2014, classifica sui migliori ristoranti del mondo che verrà ufficializzata alla Guildhall di Londra il 28 aprile prossimo. Maestro dei tagli di carne e fondatore del marchio St. John, con più punti vendita a Londra, Henderson è stato premiato per aver promosso e diffuso la cucina nose-to-tail, dal naso alla coda: di ogni animle si può cucinare tutto

09-04-2014

Fish & Chef, 1-6 maggio sul Garda

Torna, dall'1 al 6 maggio, in diverse località della sponda veronese del lago di Garda, Fish & Chef, rassegna giunta alla quinta edizione che coinvolge grandi nomi della cucina italiana, alle prese con il pesce di lago. Nel cartellone di quest'anno, cuochi del calibro di Luigi Taglienti, Mauro Uliassi, Felice Lo Basso, Alberto Tonizzo, Anthony Genovese, Leandro Luppi, Giuseppe D’Aquino, Stefano BaioccoGionata Bignotti...

07-04-2014

La Torre: Renato Bosco a Verona

Si chiama La Torre il nuovo locale del pizzaiolo Renato Bosco a Verona, apertura mercoledì prossimo in stradone Scipione Maffei 1, telefono +39.045.2525464 e pizzacaffelatorre@gmail.com. La proposta prevede i "classici" crunch e doppio crunch di pizza, mozzarella di pane, club sandwich, lievitati dolci, biscotti con caffetteria di qualità e una selezione di birre artigianali, alla spina e in bottiglia 

06-04-2014

Lunelli e Bisol, gli sposi delle bollicine

Il Gruppo Lunelli, una realtà per tutte: le Cantine Ferrari a Ravina di Trento, è entrato al 50% nella Bisol Desiderio & Figli, storica cantine di Valdobbiadene Prosecco Superiore; protagonisti dell’operazione, molto importante in chiave mercati mondiali, Matteo Lunelli, amministratore delegato del Gruppo Lunelli, e Gianluca Bisol, presidente della Bisol. Una curiosità: derby stellato a tavola tra i due produttori, tra la Locanda Margon a Trento e il Venissa a Venezia

05-04-2014

Cuoco maldiviano vince il Festival Loiseau

E’ Dammika Sarath, cuoco al Constance Halaveli Maldives, il vincitore della nona edizione del Festival culinarie Bernard Loiseau al resort Belle Mare Plage sull’isola di Mauritius. Preparatosi assieme con il giapponese Masashi Ijichi, chef a La Cachette di Valence, Francia, lacachette.restaurant@ gmail.com, Dammika ha proposto una Zuppa di cocco e fagioli bianchi (antipasto vegetariano) e un Petto d’anatra marinato (piatto principale a tema fisso), davvero perfetto

05-04-2014

Mangia come parli, a Milano

"Mangia come parli – Com’è cambiato il vocabolario del cibo". E' il titolo di un libro e di un convegno organizzato da Slow Food che avrà luogo giovedì 10 aprile, ore 18.30, nella sede di Frigoriferi Milanesi di via Piranesi 10 a Milano. Oltre all'autrice Cinzia Scaffidi, intervengono il filosofo Francesco M. Cataluccio, il giornalista Stefano BartezzaghiMarco Bolasco, direttore Slow Food Editore. Ingresso libero fino a esaurimento posti

04-04-2014

The Cook trasloca ad Arenzano

Da metà maggio, il ristorante The Cook di Ivano Ricchebono ed Elisa Arduini trasloca da Genova Nervi al Comune di Arenzano, sempre in provincia di Genova. Sarà inserito all'interno dell'hotel Poggio e raddoppierà la sua offerta: oltre al ristorante gourmet da 25-30 coperti ci sarà un'insegna di cucina più easy. Con il trasloco del Cook, Genova città perde l'unica stella presente nella Guida Michelin 2014 

03-04-2014

Stoccolma si prepara per il Bocuse d'Or

A Stoccolma (Svezia) è iniziato il conto alla rovescia per la finale europea del Bocuse d’Or il 7 e 8 maggio, presidente di giuria lo chef Mathias Dahlgren, vincitore assoluto nel 1997. Con lui anche i suoi colleghi Eléna Arzak e Bjorn Frantzen. Venti le nazioni in gara, le prime 12 si qualificheranno per la finale assoluta, il 27/28 gennaio al Sirha 2015 di Lione (Francia). Per l’Italia in lizza Diego Rigotti

03-04-2014

Larte e il Capri Palace

È stata presentata al Larte di Milano la nuova stagione del Capri Palace Hotel, albergo lusso di Anacapri che include due ristoranti con stella Michelin, L’Olivo e Il Riccio. Tra le novità 2014, 5 nuove suite in linea con Capritouch, marchio legato all’artigianato locale, oltre a nuovi trattamenti benessere. Sul fronte ristorazione, due i progetti per il 2015: un nuovo Olivo e un nuovo Riccio in Turchia

02-04-2014

AltoGusto venerdì alle Codole

Venerdì 4 aprile, il ristorante Alle Codole di Canale d'Agordo (Belluno) ospita AltoGusto, la rassegna enogastronomica dedicata alla cucina d'autore delle Dolomiti bellunesi. Verrà servito un menu sultema “Ciak si gusta. Il cinema in cucina”, in omaggio a grandi registi italiani. Informazioni e prenotazioni, +39.0437.590396 oppure info@allecodole.eu. Prossima tappa, venerdì 9 e sabato 10 maggio al Laite di Sappada (Belluno)

31-03-2014

Noma e Fat Duck traslocano nel 2015

Curiosa coincidenza: due dei più grandi ristoranti al mondo, il Noma di Copenhagen e il Fat Duck di Bray in UK, hanno annunciato ieri due traslochi temporanei. Il ristorante di Renè Redzepi si trasferirà a Tokyo in Giappone per 2 mesi nell'inverno del 2015. Quella di Heston Blumenthal aprirà al Crown Resorts di Melbourne in Australia per 6 mesi a partire da febbraio 2015. Chiusa l'esperienza, torneranno in madrepatria

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15

I 10 anni di Identità Golose (Video Brambilla - Serrani - Cicogna, durata 5'31")

Eventi e protagonisti
Grana Padano leggi le news
S.Pellegrino leggi le news
Monograno Felicetti leggi le news
Lavazza leggi le news
Birra Moretti leggi le news
Petra leggi le news
Food&Wine Festival - I prossimi appuntamenti
Home page
Congresso
Guida
Cena con noi
Altri eventi
Dicono di noi
EnglishItaliano
Rubriche - Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose

26-04-2012

L'Italia vista dai cinesi

Quale idea ha il paese del Dragone della nostra enogastronomia? Un'interessante tavola rotonda

Per definire bene ai cinesi i contorni delle nostre eccellenze agro-alimentari, occorre ragionare sul tema della promozione e del confronto. È il tema più rilevante emerso da KuChina, tavola rotonda organizzata da Taste Umbria all'interno del Festival del Giornalismo di Perugia, importante kermesse in corso da ieri fino a domenica 29 aprile
Foto

Per definire bene ai cinesi i contorni delle nostre eccellenze agro-alimentari, occorre ragionare sul tema della promozione e del confronto. È il tema più rilevante emerso da KuChina, tavola rotonda organizzata da Taste Umbria all'interno del Festival del Giornalismo di Perugia, importante kermesse in corso da ieri fino a domenica 29 aprile


Il punto di vista è quasi sempre monodirezionale: il nostro puntato su di loro. Per una volta ci si è chiesti però cosa avviene nella carreggiata opposta: cosa pensano i Cinesi dell’enogastronomia italiana? È capitato ieri a Perugia, base del Festival del Giornalismo, kermesse che concentra in corso Vannucci e dintorni, fino a domenica prossima, un via vai di grandi cronisti e pensatori da tutto il mondo, dall’immaginifico graphic journalist Guy Delisle a Ezio Mauro, da Ettore Mo a Stefano Rodotà.

La tavola rotonda KuChina, moderata da Federico Fioravanti, annoverava tra i commensali Yang Xiaolei, cronista di China Central Television (la Cctv dei nostri satelliti); Lawrence Lo, critico di cucina di base a Shanghai - e celebre in patria per aver celebrato con dovizia la cronaca del matrimonio di William e Kate-; Hu Lanbo, editrice di adozione romana della rivista Cina in Italia; Sonia Montrella di Agi China 24 e Claudio Grillenzoni, giornalista corrispondente da 5 anni della Guida di Identità Golose con residenze variabili tra Hong Kong e Shanghai.

A Perugia, giornalisti esperti di eno-gastronomia cinesi e italiani
Foto

A Perugia, giornalisti esperti di eno-gastronomia cinesi e italiani

Salta fuori innanzitutto che noi italiani, come succede con gli arbitri di calcio o le automobili, siamo buoni a cantarcela e suonarcela soprattutto inter nos: «siamo i più bravi nel mondo». A interpellare però gli stranieri sulla bontà dei nostri vini, i primati svaniscono come il Dragone nella nebbia: in Cina nessuno conosce nebbiolo o sangiovese. Anzi, pochissimi sanno che in Italia si produce il vino, è emerso dai convenuti. Quale immagine balza allora alla mente di shangainesi e pechinesi se interrogati sull’Italia? Rispondono di getto "il calcio", poi "la moda" e infine i gossip legati al nostro penultimo primo ministro, perché i figli di Mao Tse Dung trovano bizzarro che siano trapelati pubblicamente così tanti dettagli sulla vita di un premier.

E comunque. Cibo e vino non sono purtroppo nella top 3 del loro immaginario. «E quando si affronta l’argomento, un cinese medio», avverte il giovane critico Lo nel suo inglese perfetto, «pensa per luoghi comuni proprio come accade a ruoli invertiti: se voi ci immaginate attaccati alle ciotole di riso e a sorseggiare tutto il tempo del tè, noi vi associamo soprattutto ad addentare pizza e a versare dell’olio d’oliva». Sì, l’extravergine, che dallo Yunnan al Guangzhou non sanno bene come e su quali alimenti andrebbe applicato, affascina e potrebbe essere il prossimo big deal. A patto però di fare comunicazione, è emerso, perché non è che i nostri prodotti migliori siano solari e auto-esplicativi nella loro bontà, specie in un paese così distante culturalmente. O in cui le grandi aziende di distribuzione food & beverage battono storicamente bandiera francese, i più lesti a scatenare la propaganda golosa decenni fa.

Il terreno, però, è di sicuro fertile: «C’è grande curiosità verso i vini italiani frizzanti come il Prosecco», svela ancora Lo, «E i casi di successo italiani non mancano. Francesca, una ragazza milanese, è venuta a Shanghai, ha aperto una gelateria tra mille difficoltà, ma adesso i punti vendita sono già 3. E in estate sono gremiti. Come quel negozio di mozzarella, gestito da un’appassionata ragazza coreana che si fa arrivare il latte dalla Germania…». Forse il made in italy lo dovremmo promuovere noi; il punto è che, per raccontare, occorre prima di tutto prestare cura all’audience cui ci si rivolge, un’impresa ardua se si pensa che le testate italiane contano sì e no su 5 inviati in tutto, impegnati a raccontare un Paese di un miliardo e 300 milioni di abitanti.

Yang Xiaolei, cronista di Cctv esperta di tematiche legate al cibo e al vino, intervistata da una collega italiana
Foto

Yang Xiaolei, cronista di Cctv esperta di tematiche legate al cibo e al vino, intervistata da una collega italiana

Insomma, la Cina è vicina ma solo se si ha la volontà di avvicinarla sul serio «e non solo quando ci fa comodo», aggiunge giustamente Montrella. «Illustrare le nostre cose buone alla genia cinese», aggiunge Grillenzoni, «potrebbe poi rivelarsi un compito più semplice di quel che si crede perché l’umiltà e la disponibilità all’apprendimento sono insegnamenti che i cinesi conoscono fin dalle origini del Confucianesimo». Un confronto fondamentale potrebbe per esempio avvenire tra codici di cucina distanti ma non poi così tanto: i dumpling ricordano i ravioli, i dim sum non differiscono poi da tapas o cichetti veneziani e l'huo guo ha un che della raclette. Raffronti fondamentali prima di ogni stima di mercato golosa quanto quella, per esempio, illustrata bene dal dossier di Bruno Petronilli, ora in edicola nel bimestrale Spirito Di Vino, per cui i consumatori di vino in Cina, oggi 10 milioni, nel 2030 saranno ben 240 milioni.

Per vendere occorre prima dare. E questo lo possiamo fare già a partire dall’accoglienza dei turisti cinesi nelle nostre lande, i teatri più efficaci per illustrare germogli e lavorazioni delle nostre bontà: «Le richieste di visto per l’Italia», ha concluso Montrella, «stanno aumentando esponenzialmente. Peccato però che i turisti cinesi non possono usare la loro carta credito perché non è accettata quasi da nessuno. O che i nostri hotel siano quasi sempre privi d'acqua calda per fare il tè». Occorre cominciare da qui.

Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti del presente sito web, della Guida ai Ristoranti di Identità Golose e collabora con diverse testate
twitter @gabrielezanatt

Loading
Identità Golose - i protagonisti della cucina
copyright Identità Web S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati
Home | Chi Siamo | Contatti | International cooking convention
Presentazione congresso
Con noi a Milano
Cartella stampa
Chi siamo
Sede
Rassegna stampa
Edizioni passate
Albo d'oro premiati
Edizione 2014
Presentazione 2014
Programma 2014
Il racconto finale
Ristoranti fuori congresso
Presentazione della Guida
Albo d'oro premiati
EDIZIONE 2014
Prefazione di Oscar Farinetti
Prefazione dolce di Carlo Cracco
Introduzione di Paolo Marchi
Premi alle Giovani Stelle
Acquista guida cartacea
Milano FOOD&WINE Festival
Roma FOOD&WINE Festival
Identità London
Identità New York
Grandi cuochi all'Opera
Identità Golose a Host
Tutti a Tavola!! #spesaalmercato
Identità di libertà
Qoco
Un risotto per Milano
Shanghai
Rassegna stampa
Rassegna video