Benvenuto a Milano, Iginio Massari

Mercoledý parte il suo locale in cittÓ: monoporzioni, macaron, torte e praline. SarÓ aperto 7 giorni su 7, da mattina a sera

12-03-2018

Dolci preziosi come opere d'arte, creazioni perfette destinate ad allietare prima gli occhi e poi le papille gustative. Per questo la location inusuale della nuova pasticceria di Iginio Massari all'interno della filiale Intesa San Paolo di via Marconi, all'angolo della centralissima piazza Diaz a Milano, non deve stupire più di tanto.

Quelli del Maestro Massari, infatti, sono piccoli monumenti di gusto, artigianato da boutique che dal 1971 il pasticcere bresciano serve alla Pasticceria Veneto a Brescia e che, da mercoledì 14, saranno appannaggio anche per gli estimatori milanesi, dopo che già in queste ore la stampa di settore ha affollato l'anteprima.

Monoporzioni, macaron, torte e praline sviluppate con la figlia Debora, nutrizionista ed esperta di pasticceria, e Nicola, suo assistente, saranno preparate nel laboratorio a vista su strada così da rendere ancora più interessante l'atto dell'assaggio per il quale ci sono a disposizione anche i 30 metri quadri di dehors esterno che si aggiungono ai 120 della pasticceria il cui ingresso è autonomo rispetto a quello dell'istituto di credito.

La pasticceria non conoscerà pause: sarà infatti aperta sette giorni su sette, dalle 7,30 alle 20 dal lunedì al venerdì per favorire i tanti lavoratori della zona, dalle 8,30 fino alle 20 il sabato e fino alle 19 la domenica.

«Sono felice di essere arrivato a Milano con i miei dolci, tutto il resto lo scoprirò soltanto dopo. Quello che so, in questo momento, è che in quest’apertura abbiamo messo tutto l’entusiasmo possibile. Adesso aspettiamo la reazione dei milanesi e non a questa novità. Noi ci impegneremo al massimo come sempre», ha osservato pacamente Massari, che nel nuovo locale di via Marconi propone lo stesso assortimento goloso della storica pasticceria Veneto di Brescia.

«Tutti i prodotti, al momento, sono identici – ha continuato il pasticcere - Andando avanti, se ci rendessimo conto che qualche dolce piacerà meno di altri ci comporteremo di conseguenza». Difficile, però, che chi entrerà non trovi qualcosa di suo gradimento tra le leccornie del Maestro che, preparate a Brescia, vengono finite con crema, panna e frutta fresca nel laboratorio a vista dai quattro pasticceri in servizio a Milano. Non chiedete, però, a Massari quale dolce rappresenti di più la sua arte, tutti sono piezz 'e core come figli. «In ognuno – rimarca - metto la massima cura, se i medici mettessero lo stesso impegno che metto nel preparare i miei dolci sbaglierebbero molto meno le loro diagnosi».