Gianfranco Vissani

Vissani

ss 448 Todi-Baschi km 6,600
località Civitella del Lago
Baschi (Terni)
T. +39.0744.950206
info@casavissani.it

LEGGI LA SCHEDA

Gianfranco Vissani è il cuoco che negli anni Novanta si è imposto più di qualsiasi altro come personaggio, indipendentemente da quanto sa fare ai fornelli. Esuberante, pronto alla battuta, istrione, ha legato il suo volto alla televisione dove sì cucina e suggerisce questo o quel trucco per la massaia a casa, ma dove si diverte anche a fare spettacolo puro, travestendosi, ballando, gigioneggiando. Tutto questo movimento gli ha di certo alienato le simpatie di diversi suoi colleghi, in genere solo gelosi della sua popolarità degna di un calciatore, ma ha anche imposto la figura del cuoco come una delle figure cult di questi anni.

Se tanti giovani oggi dicono di volere lavorare in un ristorante è perché hanno visto questo umbro grande, grosso e sorridente in tivù, circondato di splendide fanciulle. Supportato nella conduzione del ristorante a due stelle Michelin in riva al lago di Corsara da moglie, figli e sorella (su tutti, Luca, maestro di sala, miglior maître d'Italia per la Guida di Identità Golose 2009), pronto a salire in auto a qualsiasi ora del giorno e della notte per un banchetto, una comparsata televisiva o un premio, va preso tutto intero, così com'è. E siccome è ingombrante e bravo, non è come bere un bicchiere d'acqua.

Il vulcano Vissani erutta da una carta di notevole ricchezza, carne (cacciagione compresa), pesce e fantasia. Vi ritroviamo prevalentemente materie prime della terra di Umbria più il meglio del mare e del mondo quando torna utile per arricchire piatti che sono sempre l'equilibrio di cinque, sette, dieci ingredienti diversi. Altri ci si perderebbero come in un labirinto, lui non perde mai la bussola. E sforna idee a getto continuo: con Ora Vissani, ad esempio, si può pranzare con 30 euro. Ma solo se ci si accomoda per 60 minuti, dalle 13 alle 14.

Ha partecipato a

IdentitÓ Milano


a cura di

Paolo Marchi

nato a Milano nel marzo 1955, al Giornale per 31 anni dividendosi tra sport e gastronomia, è ideatore e curatore dal 2004 di Identità Golose.
twitter @oloapmarchi