Alfredo Russo

Dolce Stil Novo

Reggia di Venaria Reale
piazza della Repubblica, 4
Venaria Reale (Torino)
T. +39.011.4992343
info@dolcestilnovo.com

LEGGI LA SCHEDA

E' da oltre 20 anni che Stefania e Alfredo Russo cucina dietro l'insegna Dolce Stil Novo: prima a Ciriè, poi in località Devesi e oggi nella Reggia di Venaria Reale, frutto di uno splendido progetto, Residenze Sabaude, con cui la Regione Piemonte conta di riportare a piena e splendida vita le vecchie dimore dei Savoia, dotando ognuna di ristorante griffato.

Nel 1990 Alfredo Russo decide di chiamare il suo locale Dolce Stil Novo «perché volevo proporre uno stil novo di cucina rispetto agli altri ristoranti della zona e Dolce Stil Novo suonava bene». Nella sua cucina ritrovi un estremo rispetto per il passato e una costante ricerca del semplice, di linee e soluzioni che riescano a coniugare sapori e allegria. I suoi piatti non sono mai pesanti, piuttosto eleganti in maniera sbarazzina, gioiosi. Ricordo piatti sbalorditivi come “La Frittata”, il Fegato alla veneziana, il Coniglio tiepido in insalata, i Gamberi scottati con farinata, la “Pasta in bianco olio e parmigiano”, “Lo stracotto” di fassone e le Cosce di quaglia. E ancora classici come il “Vitello tonnato 2003” e la “Lingua di fassone”.

Le virgolette appaiono in carta, un mettere in guardia, un altro giocare. Se il suo primo grande piatto risale ormai a 20 anni fa, il Torcione di coniglio con formaggetta di capra, composta di ribes e mirtilli, è parimenti importante notare come non ve ne sia uno a cui è più affezionato e non per paura di sceglierne uno: «Mi sento legato a tutti, anche alle proposte che hanno diversi anni e che vengono continuamente aggiornate. Raramente mi affeziono a una, al contrario sento la necessità di andare oltre, tanto che a volte capita di riproporle dopo molto tempo con una nuova veste. E nemmeno rifiuto qualcosa per principio o partito preso. Sono sempre curioso, interessato a scoprire nuovi alimenti, se poi non mi convincono non li uso». Tra le ultime tappe, ricordiamo il titolo di Miglior giovane cuoco per la Guida dell’Espresso (2004),  gli interventi come relatore ai congressi Lo Mejor de la gastronomia 2007 e Madrid Fusion 2008 e un volume dedicato all’utilizzo del miele nelle ricette dolci e salate.

Ha partecipato a

IdentitÓ Milano


a cura di

Paolo Marchi

nato a Milano nel marzo 1955, al Giornale per 31 anni dividendosi tra sport e gastronomia, è ideatore e curatore dal 2004 di Identità Golose.
twitter @oloapmarchi