Will Goldfarb

Will Powder

New York
Stati Uniti
spice@willpowder.com

Will Goldfarb è uno dei più luccicanti golden boy della pasticceria americana. Leggenda vuole che, nel 1997, appena laureato in Storia alla Duke University, stava salendo su un aereo che lo avrebbe portato ad approfondire studi sulla proprietà intellettuale alla University of Southern California. Stava, appunto. Perché invece assecondò l’istinto e saltò su un volo per Parigi: lo attiravano i perché della scienza dolce. E così entra nella celebre scuola Cordon Bleu. E poi, l’esperienza «memorabile» nella bottega di Gerard Mulot.

Di qui, tappa a sud: varca il confine e finisce da Cibreo, leggendaria trattoria Toscana a Firenze. Mentre cerca di sfuggire alle autorità dell’immigrazione, si trova non sa bene come in Catalogna, al Bulli di Ferran Adrià. È il 1999, l’anno della terza stella di Roses: Goldfarb si trova gomito a gomito con Albert Adrià. È uno scossone tellurico che gli fa sbocciare creatività e ispirazione. Dopo una dozzina di esperienze a zonzo per il globo, torna a New York e si chiede se non sia il caso di metter su il suo ristorante. La risposta è sì. Nasce il dessert bar Room 4 Dessert, uno dei più originali progetti dell’ultimo decennio. Chi c’è stato ricorda con grande nostalgia papillare lo Choc'n'awe: in un solo piatto tortino di cioccolato bianco, crema al cioccolato, gelato al cioccolato e zucchero polverizzato. Che poi era solo un piccolo capitolo di un libro interamente dolce, dal prologo all’epilogo. Il New Yorker lo incorona "prince of pastry" però un problema di salute lo costringe alla chiusura.

Torna globetrotter, con un’esperienza a Bali. Nel 2007, è l’ora di Picnick a New York, dove vive: è un sandwich bar attento alle urgenze etico-sociali. Poi arriva Willpowder, linea di prodotti da pasticceria per la casa e la ristorazione. Ripensando agli anni d’oro, Goldfarb ha scritto: "Room 4 Dessert is not dead". Tornerà.

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007) e collabora con diverse testate
twitter @gabrielezanatt


Clicca qui per leggere la ricetta

Bocadillo helado amour
Ricetta presentata a
Identità Milano 2007

Clicca qui per leggere la ricetta

Wakame cocco
Ricetta presentata a
Identità Milano 2007