Gianluca Fusto

 crediti: Brambilla - Serrani

 crediti: Brambilla - Serrani

Gianluca Fusto Consulting

via Caprera, 3
Abbiategrasso (Milano)
T. +39.345.4611227

Nel suo logo c’è il segreto della sua pasticceria: quell’avvilupparsi di linee arrotondate e cadenze rette che sfumano le une nelle altre sotto il segno caldo del marrone, il colore del cioccolato. Gianluca Fusto è così: bonario, giocoso, gaudente, ma al tempo stesso scientifico, riflessivo, ipertecnico. E soprattutto innamorato del cacao, il suo ingrediente feticcio, fregoli della pasticceria cui tende da dietro le quinte i travestimenti per la girandola dello show.

I natali meneghini, una trentina di anni fa, lo hanno instradato all’alberghiero Carlo Porta e lo hanno fatto bussare alla porta di Aimo Moroni, padre spirituale e interlocutore di uno scambio mai interrotto, giunto oggi ai menu di fine pasto della maison di via Montecuccoli. Quindi un pasticciere col pedigree dello chef, la sua sensibilità per i grandi ingredienti e la sua fantasia gustativa spiazzante.

A completare il bagaglio tecnico-professionale ci hanno pensato Enrico Parassina, Yann Duytsche e Frédéric Bau della grande scuola Valrhona di Tain l’Hermitage, dove ha lavorato a lungo nelle vesti di unico professore straniero, approfondendo la conoscenza ergonomica del gusto e contraendo, gomito a gomito con chimici, fisici e ingegneri alimentari, un lessico esoterico che parla di reologia e cromatologia. Più gli stimoli di una biblioteca composta di oltre 400 volumi e le suggestioni raccolte viaggiando in tutto il mondo, lungo la strada delle spezie, dell’arte e del cacao. Cosicché i suoi dessert possono citare con nonchalance i quattro elementi di presocratica memoria come le ultime sperimentazioni dell’arte contemporanea.

Oggi la sua creatività ha trovato il megafono migliore nella società Gianluca Fusto Consulting, che offre corsi su misura e consulenze in giro per il mondo, da Parigi a Dubai. Il suo è un agit prop essenzialista, che parla di dessert sempre più semplici, spesso imbastiti su una triade di elementi, gusti tendenti al massimo nitore e forme epurate per scardinare l’inerzia dei cliché.

Ha partecipato a

Identità di Libertà, Identità Milano


a cura di

Alessandra Meldolesi

Umbra di Perugia con residenza a Bologna, è giornalista e scrittrice di cucina. Tra i numeri volumi tradotti e curati, spicca "6, autoritratto della Cucina Italiana d’Avanguardia" per Cucina & Vini


Clicca qui per leggere il profilo dello chef

4.0 Tutto cominciò

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Acqua

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Elementi: terra, olio, zafferano cioccolato

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Geometria... del gusto

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Identità

Clicca qui per leggere il profilo dello chef
Foto Brambilla-Serrani

DOLCE LEGaME Fagioli, Inspiration Mandorla e Olio Extra Vergine di Oliva

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Bignolata all’olio extravergine d’oliva, peperone e prezzemolo

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Spaghetto alla carbonara in dialogo dolce-salato

Clicca qui per leggere il profilo dello chef
crediti: Brambilla - Serrani

Libre

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Crema di zucca, nocciola e paccheri

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Insalata mista liquida, topinambur, limone, olive nere e cioccolato