Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni

 Foto Brambilla-Serrani 

 Foto Brambilla-Serrani 

Al Mercato

via Sant'Eufemia, 16
Milano
+39 02 8723 7167

Ci sarebbe da iscriverli d’ufficio al registro milanese delle coppie di fatto: peraltro, a scanso di equivoci, uno è sposato con Oda e l’altro fidanzato con Cecilia. Ma le dolci metà hanno vita difficile, se i loro compagni passano insieme anche 18 ore al giorno, in un connubio di lavoro dedicato al cibo - e che cibo!

Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni sono la strana coppia della ristorazione nostrana, i Lemmon-Matthau dei fornelli global con sede meneghina, i Fruttero e Lucentini dei sapori di mezzo mondo che sbarcano all’ombra della Madonnina sotto forma di haute cuisine. Han fatto le scuole medie insieme, poi son partiti per percorsi diversi ma paralleli che ne han plasmato le propensioni. Ritrovatisi tra le nebbie meneghine, ecco la scelta di trasporre la biografia in uno stile di cucina unico in città, anzi in Italia: pure internazionalità per fanatici gastronomadi, reinterpretazione “alta” dello street food con poco Belpaese, parecchi Usa e altrettanto Oriente. Al Mercato, questo il nome del ristorante che compie due anni di vita, di certo non ci si annoia.

D’altra parte la loro sembra fin dalle premesse una vita senza paraocchi provinciali. Roncoroni (per distinguerlo: è quello tatuato), nato nel 1983 da padre milanese e madre californiana, nel Golden State è volato per lavoro, tre anni e mezzo vissuti intensamente sfruttando l’onda lunga di Alice Waters. Nespor, il biondo, classe 1982, non ha invece sangue a stelle e strisce, ma negli States ha vissuto metà vita, senza contare l’esperienza da Berasategui.

Ora il duo funziona a meraviglia e impiatta crossover ad alto livello di golosità che rispondono a due precetti fondamentali: «Passione per l’Oriente e attenzione alle tendenze americane». Non è roba per Alberto Sordi, insomma. Le loro simbiosi è integrale, a partire dalla concezione dei piatti: metà per ciascuno, poi confronto a 360°. Una doppia anima che trova rappresentazione plastica nella stessa struttura de Al Mercato (14 coperti nel ristorante, altrettanti nel burger bar, in mezzo i fornelli a vista). La duplicità troverà presto un’ulteriore conferma con l'apertura, davanti alla Bocconi, di un american bar: cocktail fusion originali, noodle, hot dog gourmand e tanto altro. E per non perdere l’affiatamento, lavoreranno in collegamento video.

Ha partecipato a

Identità Milano


Per Roncoroni tanti Usa da Janine Falvo, Angelo Garro e Michael Tusk. Il ritorno targato Four Seasons, Sadler e Grand Hotel et de Milan ha rappresentato l’abbrivio necessario per lanciarsi nella nuova avventura con Nespor, che ha esperienze professionali soprattutto nel Vecchio Continente: a Milano Livet e Sadler, in Euskadi da Martin Berasategui, infine il rientro ambrosiano al Don Carlos

a cura di

Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it