Piergiorgio e Luca Parini

Pier Giorgio (a sinistra) e Luca Parini (a destra). Foto di Vincenzo Pagano e Roberto Magnani

Pier Giorgio (a sinistra) e Luca Parini (a destra). Foto di Vincenzo Pagano e Roberto Magnani

Povero Diavolo

via Roma, 30
Torriana (Rn)
t. +39.0541.675060

LEGGI LA SCHEDA

Osservato dalla terraferma di salette ovattate, dietro la diga di cristallo dei coperti, il rivolgimento che sconquassa la cucina italiana assomiglia un po’ all’onda di Okusai. Tale è la mobilità di marosi che dietro allo tsunami dei grandi quarantenni, tuttora dirompenti, si apprestano a schiacciarsi su accademie vecchie e nuove. Una nouvelle vague in piena regola, che si gonfia senza troppo scomodare i meteorologi del gusto.

Sono Paolo Lopriore e Piergiorgio Parini su tutti, interpreti di una cucina che mi è capitato di definire neogalenica per le insondabili profondità che la agitano. A tutto campo senza violare lo specifico culinario, prettamente italiana nel privilegiare la ricerca gustativa sulle contaminazioni e l’emozione sulla tecnica. Originaria e orgogliosa perché un’idea senza gustemi è sordomuta. Sarà stato il cul-de-sac hegeliano in cui si è imbucato Ferran Adrià, quella “morte della cucina” fatta di coazioni al nuovo e di metalinguaggio; ma dai fornelli la fenice italiana è risorta in gran forma e sgalletta ruspante sotto la scorticata di Torriana, nel buen retiro di Stefania e Fausto Fratti.

Da quando Piergiorgio vi è approdato, fresco di svezzamento alle Calandre, la grandinata dei successi non ha pregiudicato la messe della sua creatività. Intuizioni robuste che germogliano spesso e volentieri nel campo di papà Pasquale e del fratello Luca. Le orme che percorre e ripercorre con il suo carico di ortaggi e frutta di stagione calcano la terra di San Mauro Pascoli, 3 ettari consacrati a un’“agricoltura di coscienza” appassionata e rispettosa, a 15 km dal ristorante.

«Da piccolo rifuggivo dal lavoro di campagna, che mi sembrava gravoso, ma adesso sto tornando. A parte gli ingredienti selvatici, uso quasi solo verdure di casa. Quelle brutte ma buone, e quelle particolari che faccio piantare apposta per me, e che non vedono il mercato. È come in un self service, quando serve prendo le forbici e colgo ciò che mi pare». Tanti piatti sono nati così, perché il vegetale vivifica come un rampicante fantasie vecchie e nuove, riconquistando anche rovine di romantica memoria. «Quello che mi diverte di più è nobilitare gli ortaggi. Trattare i più umili come la carne e pesce, applicando tecniche che possono essere anche classiche come l’arrostitura e i fondi». Un modo per smontare la tradizione e rimontarla come un lego in forme nuove.

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Alessandra Meldolesi

Umbra di Perugia con residenza a Bologna, è giornalista e scrittrice di cucina. Tra i numeri volumi tradotti e curati, spicca "6, autoritratto della Cucina Italiana d’Avanguardia" per Cucina & Vini


Clicca qui per leggere la ricetta

Bietola, Ailanto e Alloro
Ricetta presentata a
Identità Milano 2013

Clicca qui per leggere la ricetta

Cardi e cipresso
Ricetta presentata a
Identità Milano 2013