Guillaume Desforges, Jacopo Signani, Leonardo Signani ed Ernesto Espinoza

crediti: Brambilla - Serrani

crediti: Brambilla - Serrani

Pacifico

via San Marco, angolo via Moscova
Milano
t: +39.02.87244737

Ci sono sbronze inutili. Altre fertili. Guillaume Desforges, Jacopo Signani e Leonardo Signani erano a dirla tutta un poco alticci, circa due anni fa, a un matrimonio di amici. Non avevano consumato, per intenderci, solo bicchieri di Holy – The Wellness Drink, la bibita che avevano inventato e commercializzano tuttora.

Li univa una vecchia amicizia, l’essersi ritrovati a Milano (il primo, classe 1985, è parigino. Gli altri due, rispettivamente classe 1981 e 1985, originari di Carrara) e un qual legame col Perù: dal Paese sudamericano veniva la tata che aveva allevato i fratelli, nutrendoli anche con ceviche e causa; mentre il primo da Lima aveva e ha la fidanzata.

Giochi del destino: a quella festa di nozze, un po’ di alcol in corpo, conobbero lo chef Jaime Pesaque, considerato uno degli ambasciatori della tavola peruviana nel mondo, con una decina di ristoranti sparsi per il globo, da Lima a Miami, da Oslo a Hong Kong. Fu colpo di fulmine: «Eravamo appassionati di quella cucina, la andavamo ad assaggiare un po’ ovunque. Pensammo: perché non creare anche a Milano un locale, ma di alta qualità? Jaime era la persona che faceva al caso nostro». Lui ci pensò (poco, per la verità), e accettò la sfida.

E’ nato così Pacifico, il 22 febbraio 2014, in via della Moscova. Pesaque firma il menu, studia i piatti (inserendo anche molti ingredienti mediterranei, «certo pisco, mais, aji e quant’altro non possono che arrivare dal Perù») e fa ruotare lo staff, capeggiato dal resident chef Ernesto Espinoza, classe 1988, scuola di cucina a Lima e poi tanta esperienza soprattutto sui pesci e i crostacei.

Prossimo passo, ci dicono i tre soci, è aprire un Pacifico anche a new York, «sembra incredibile, ma nella grande Mela non esistono ancora veri indirizzi di cucina peruviana come piace a noi».

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista dal 1999, ossia un millennio fa, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Coordinatore della redazione di identitagolose.it