Corso per Food Event Manager

Sua maestÓ il riso

'Non finisci mai di scoprirlo': seconda fase della campagna per la promozione dei chicchi italiani

21-07-2016

Non solo iI riso è una delle cinque specie alimentari fondamentali per il genere umano e la pianta più coltivata sulla terra: per l'Italia si tratta di una materia prima fondamentale, di cui siamo il promo produttore d'Europa. Per questo il Mipaaf, in collaborazione con ISMEA, ha organizzato una campagna informativa che ha lo scopo di sostenere la produzione italiana

"Il Riso. Non finisci mai di scoprirlo" è un'iniziativa di promozione del riso italiano che viene promossa dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e realizzata dall'Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare in collaborazione con l'Ente Nazionale Risi. Si tratta di una campagna di comunicazione e informazione sviluppata con l'intento di far conoscere sempre meglio al pubblico il grande patrimonio rappresentato dal riso italiano, valorizzandone l'importanza culturale, i suoi molti utilizzi, le proprietà nutrizionali. 

Dopo una prima fase che ha interessato il nord Italia, questa iniziativa è approdata nel sud con una serie di eventi. La risicoltura in Italia, come racconta una recente analisi di Ismea, si basa su una filiera agroindustriale integrata ed efficiente che coinvolge 4.200 aziende agricole e 100 industrie di trasformazione con una forte connotazione territoriale.

In Italia si coltivano oltre 140 varietà di riso e la nostra produzione ha una grande rilevanza anche a livello internazionale: siamo infatti il primo produttore europeo con il 50% del totale UE. I dati raccontano di ben 1.400.000 tonnellate di risone prodotto dalle aziende agricole italiane con un fatturato di 450 milioni di euro e di 1.000.000 tonnellate di riso lavorato, con un fatturato di 1.100 milioni di euro. Anche per le esportazioni i numeri sono molto importanti: nel 2014 i dati dell'export di riso italiano erano pari a 751mila tonnellate e il valore delle esportazioni era pari a 527 milioni di euro.

Andrea Ribaldone impegnato nella preparazione del suo piatto 

Andrea Ribaldone impegnato nella preparazione del suo piatto 

Nelle regioni del Sud Italia il consumo medio di riso rappresenta circa il 24% del totale nazionale. La seconda fase della campagna "Il Riso. Non finisci mai di scoprirlo" si è dedicata proprio a questo contesto, attraverso due eventi mirati alla promozione del riso partendo dal legame con il territorio e valorizzandone il legame con la nostra tradizione culinaria.

Così dei nomi certamente conosciuti nel panorama culinario italiano come Andrea Ribaldone de I due buoi di Alessandria, il volto televisovo Francesco Piparo del Siciliò Crudo Bar di Palermo e Antonella Ricci del ristorante Al Fornello da Ricci hanno animato questi appuntamenti ambientati in due delle più importanti città del sud Italia, Palermo e Bari.

Ris, patan e cozz nella versione di Andrea Ribaldone

Ris, patan e cozz nella versione di Andrea Ribaldone

Alla base un gioco, una specie di sfida tra nord e sud dedicata alla preparazione di risotti secondo le tradizioni locali e privilegiando l'uso delle materie prime. Così a Palermo è andato in scena il "Risotto ceresa e Bareu VS Risotto ca' Norma", mentre a Bari il "Risot puvrun e Sautisa 'd bra VS Ris, patan e cozz" . A giudicare la sfida una platea di ospiti e operatori del settore che hanno degustato i risotti, guidati in un percorso di scoperta.

La campagna prosegue anche sul sito www.risodascoprire.it, punto di riferimento per chi volesse conoscere storia del riso, caratteristiche geografiche e una grande raccolta di ricette tipiche a base di questa straordinaria materia prima.