Moreno Cedroni: vi presento il nuovo Anik˛

Apre per la sua quindicesima stagione il chiosco gourmet nel centro di Senigallia. La novitÓ 2018 saranno i cocktail

16-05-2018

"Un’istallazione. Una marittima pizzicheria, uno spaccio di bengodi. Una eaterie al passo con i tempi": si presenta così sul proprio sito ufficiale Anikò, aperto nel 2003 da Moreno Cedroni al centro di Senigallia (foto Francesco Scipioni)

«Quando abbiamo aperto Anikò lo street food non era ancora di moda, proprio non si usava questa espressione - ride Moreno Cedroni -. Noi lo facevamo lo stesso, ma senza saperlo». Ha ragione lo chef di Senigallia, che con la sua intelligenza e la sua fantasia è stato in molte occasioni precursore di mode e tendenze. 

«Anche con i panini: quando ho iniziato a farli nel 2002 non mi avevano mica detto che erano “gourmet”...», aggiunge sempre sorridendo. Lo spunto per questi allegri e ironici ricordi è l’apertura, per la sua quindicesima stagione, avvenuta lo scorso 12 maggio, di una delle sue creature: Anikò, come si legge sul sito dedicato, è un incrocio: “Né bancone né baretto, affacciato sulla piazzetta di Senigallia”. 

La piazza si chiama Saffi, e dal 2003 accoglie questo chiosco fatto d’acciaio, tek e cristallo, in un equilibrio che vede il legno dominare, esprimendo contemporaneamente citazioni marinaresche, design raffinato e calore semplice, umano. Un luogo dove poter mangiare in fretta, e bene, se lo si desidera. Ma anche dove cedere alla tentazione della lentezza, della calma, per approfittare di una delle declinazioni del buono firmate Cedroni.

Moreno Cedroni sarà protagonista, il prossimo 21 maggio, di una cena super sold out organizzata a Milano da Identità Golose, ospite di Cesare Battisti del Ratanà (foto Brambilla Serrani)

Moreno Cedroni sarà protagonista, il prossimo 21 maggio, di una cena super sold out organizzata a Milano da Identità Golose, ospite di Cesare Battisti del Ratanà (foto Brambilla Serrani)

«L’abbiamo chiamata “Salumeria di Pesce” quindici anni fa - ricorda lo chef - facendo un lavoro bello e appassionante su questa idea degli affettati di mare. A cui non rinunciamo del tutto, ma che oggi sono solo una piccola parte di una proposta gastronomica che, in un luogo come Senigallia in cui la qualità dell'offerta è sempre più interessante e competitiva, non può non evolversi, deve crescere sempre». E così nella sua “ragione sociale” il chiosco passa da Salumeria Ittica a Street Food & Drink.

Da Anikò infatti si amplia sempre di più la proposta gastronomica, che nel menu viene raccolta sotto il titolo "La versione solida dei desideri". Piatti e piccole porzioni che propongono molti scenari di convivialità: così che agli affrettati di pesce si affiancano toast e panini farciti con abbinamenti decisamente creativi e appetitosi - «per fare interagire la mente con il palato», spiega Cedroni -, ai prodotti in scatola firmati dallo chef della Madonnina del Pescatore (altra idea che lo vide pioniere) si accompagnano ricette che giocano con la tradizione, come la Lasagna di mare rosa, salsa cocco lime.

«Che si abbina perfettamente con un cocktail a base di miso e cocco, il Mi-So Happy Cocco», commenta Moreno. Sì, perché i miscelati saranno i protagonisti di questo quindicesimo compleanno di Anikò: «D’altronde - continua - i cocktail solidi furono una mia invenzione di qualche anno fa, proprio a Identità Golose sono venuto a presentare i cocktail-gelato, ora proseguo con questa novità per Anikò. Negli ultimi anni i cocktail bar hanno scoperto l’importanza di accompagnare le proprie proposte alcoliche con del cibo di qualità, da parte nostra abbiamo capito quanto un buon cocktail possa sposarsi perfettamente con un grande piatto».

Nasce così "La versione liquida dei desideri", con una carta che si basa sulla varietà e sulla qualità dei distillati e che potrà fornire molti spunti per abbinamenti piacevolmente esplosivi. Con qualche consiglio da chef Cedroni: «L'Apple Green, con acetosella e Calvados, abbiamo scoperto essere perfetto per la nostra Frittatina ai frutti di mare, uova di pesce volante. Il Frozen Hot Margarita, con il lime e il suo tono un po’ piccantino, lo vedo benissimo con il Fish & chips. Il Negroni Chi? (con aggiunta di chinotto, ndr) si adatta a meraviglia alle Polpettine di gambero, salsa speziata e curcuma».

E per chi preferisce invece un abbinamento più classico, tanti calici da scegliere da una lista dei vini che chiaramente non può essere profonda come quella di un ristorante stellato, ma che offre divertimento e soddisfazione anche ai bevitori più raffinati ed esperti. Che potranno brindare in un contesto ancor più piacevole degli anni scorsi, dato che il Comune di Senigallia ha dato l’autorizzazione a Cedroni per un restyling del retro del locale, che ha reso la piazza più bella: sia per i clienti di Anikò, sia per tutti i cittadini di Senigallia. 

Anikò
Piazza Saffi 10
Senigallia (Ancona)
+39.071.7931228
Chiuso a pranzo dal lunedì al venerdì
Prezzi medi: piatti 12, tapas 4, cocktail 7 euro


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose