Solaika Marrocco ha vinto il Premio Birra Moretti Grand Cru 2017

Questo l'esito della finalissima appena svoltasi a Milano. Il premio della giuria popolare va ad Andrea Congiusta

06-11-2017

La vincitrice, Solaika Marrocco, premiata da Claudio Sadler e Giancarlo Morelli

Solaika Marrocco, chef del Primo Restaurant di Lecce, con i suoi Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo (in abbinamento Birra Moretti La Bianca)
ha vinto la settima edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru, promosso dalla Fondazione Birra Moretti in collaborazione con Identità Golose. La finalissima si è svolta pochi minuti fa, per la prima volta al ristorante Lume di Milano, ospiti del neo-giurato Luigi Taglienti (1 stella Michelin e resident chef del Lume). Il concorso ha coinvolto più di 160 giovani chef e sous-chef under 35, chiedendo loro di creare una ricetta sul tema Birra e creatività a tavola. Dieci i finalisti impegnati oggi, con l'esito che vi abbiamo appena detto.

Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo

Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo

Andrea Congiusta, vincitore della people’s choice

Andrea Congiusta, vincitore della people’s choice

Ad aggiudicarsi invece il primo premio della people’s choice, la giuria popolare, è stato Andrea Congiusta, chef del My. Ale Club di Roma, col piatto: Pasto Rurale in abbinamento Birra Moretti Grani Antichi. Menzioni speciali per Giorgio Puleo, sous-chef Il Portico, di Appiano Gentile (Co), con Birra Moretti Grand Cru e Birra Moretti Grani Antichi, cavedano arrosto, cagliata di mandorle, alga combu, shitache, midollo, daikon e centrifugato di ruta in abbinamento Birra Moretti alla Siciliana (miglior abbinamento) e per Marco Volpin, chef de Le Tentazioni di Villatora di Saonara (Pd), Lingua, scampo e radici in abbinamento Birra Moretti Grand Cru (miglior utilizzo della birra come ingrediente).

Il concorso ha offerto un’occasione importante di scouting tra i talenti della ristorazione italiana che, un giorno, speriamo diventino quei grandi chef che guidano e dettano i trend della nostra cucina. Affinché questo percorso sia una vera e propria formazione, la finale del 6 novembre ha visto coinvolta una giuria di grande e stimata professionalità.

La giuria

La giuria

Tra i tredici membri di cui era composta non vi erano solo chef ma anche sommelier, direttori di sala, Paolo Marchi – ideatore di Identità Golose - e Alfredo Pratolongo – presidente della Fondazione Birra Moretti. Poi molti volti nuovi per il premio: hanno fatto la loro prima apparizione la direttrice di sala e sommelier Michela Scarello (Agli Amici di Udine, 2 stelle Michelin), la giovane Gaia Giordano (Spazio Milano), lo chef e pasticcere Corrado Assenza (Caffe Sicilia di Noto, in provincia di Siracusa), il vincitore della terza edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru e neo-stellato Luigi Salomone (Piazzetta Milù di Castellammare di Stabia) e Giancarlo Morelli (Pomiroeu di Seregno, 1 stella Michelin) già giurato della prima fase di selezione.

Sono ritornati invece, con il loro bagaglio di esperienza i milanesi Carlo Cracco(Cracco, 2 stelle Michelin), Andrea Berton (Berton, 1 stella Michelin) e Claudio Sadler (Sadler, 2 stelle Michelin) anche nel ruolo consolidato di Presidente di giuria e il romano Marco Reitano, maitre e sommelier (La Pergola, 3 stelle Michelin). 

I dieci finalisti

I dieci finalisti

Gli altri concorrenti erano:
Nicholas Bonati –  chef Ristorante Olina (Orta San Giulio, No) – Anatra, liquirizia e birra in abbinamento Birra Moretti La Rossa
Marco De Bastiani - Sous chef del Ristorante 1908 del Park Hotel Holzner di Soprabolzano (BZ) - Spaghettino freddo con birra, fieno, nasturzio, cuore e rapa rossa in abbinamento a Birra Moretti Lunga Maturazione
Alessio Gallelli – pastry chef de I Fontanili (Gallarate, VA) - Meringata alla birra, frutti di bosco e squacquerone in abbinamento a Birra Moretti Radler Gazzosa
Francesco Giuliano – chef di Bar Gelateria del Molo (Porto Rotondo, OT) – La Quaglia e la Birra in abbinamento Birra Moretti alla Siciliana
Luca Pellizzon – sous chef Il Vescovo (Noale, VE), Raviolini di gallina, Biancoperla al fieno e brodo al saor di mela in abbinamento Birra Moretti La Friulana
Simone Tascone – sous-chef Koinè (Legnano, MI) – Insalata di mare in abbinamento Birra Moretti alla Siciliana


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose