Prugne della California, un toccasana per l'estate

I consigli di una nutrizionista e due ricette golose per utilizzare al meglio un frutto ideale contro la calura

12-07-2017

Prugne della California, un alimento ideale per l'estate

«Ho mangiato io
le prugne
che erano
in frigorifero
e che tu
probabilmente
avevi tenuto da parte
per colazione
Scusami
ma erano deliziose
così dolci
e così fredde»

Dolci e fredde, così il poeta americano William Carlos Williams, descriveva le prugne nella sua Solo per dirti del 1934. Fresche, leggere e salutari, le prugne della California sono un alleato immancabile in estate per rinfrescarsi e mantenersi in salute. Basta pensare che una decina di prugne contiene in media 800 mg di potassio, che aiuta a reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione e a combattere la spossatezza estiva.

La dietologa nutrizionista Annamaria Acquaviva

La dietologa nutrizionista Annamaria Acquaviva

Mangiare prugne in estate aiuta quindi ad essere più attivi e dinamici e anche a digerire meglio, il tutto in maniera naturale. Sceglierle come spuntino permette di avvicinarsi all’obiettivo delle 5 porzioni minime di frutta e verdura raccomandate dagli esperti (3 prugne secche corrispondono infatti a una porzione di frutta) e ad assumere più di un quarto della quantità giornaliera raccomandata di fibre. In particolare, secondo la Commissione Europea “le prugne secche contribuiscono al mantenimento delle normali funzioni intestinali”, purchè se ne assumano 100 grammi al giorno. Inoltre, le prugne della California non contengono grassi, sale e zuccheri aggiunti, costituendo quindi un sostituto naturale dello zucchero e aiutandoci in modo salutare e gustoso a controllare un eventuale eccesso di zuccheri nella nostra alimentazione.

Veri e propri concentrati di benessere per godere a pieno dei benefici di questo frutto sono gli smoothie, sfiziosi frullati freschi dal gusto estivo. Si possono assumere al mattino come colazione magari aggiungendo dello yogurt o del latte vegetale oppure come snack. Ecco la ricetta del centrifugato drenante messo a punto da Annamaria Acquaviva, dietista nutrizionista che collabora in Italia con il consorzio California Prune Board.

SMOOTHIE DELL'ESTATE

Ingredienti
2 prugne della California
2 fette d’ananas
1 cetriolo
2 gambi di sedano
Succo di un lime
3 foglioline di menta
3 cubetti di ghiaccio

Procedimento
Lavare, sbucciare e tagliare a fette la frutta e la verdura; togliere i filamenti esterni al sedano. Mettere il tutto in un frullatore, aggiungere le foglioline di menta, il succo del lime e il ghiaccio e frullare fino a ottenere un composto liscio e cremoso. Il ghiaccio può essere aggiunto alla fine per mantenerlo in pezzi.

«I vegetali contenuti in questo smoothie sono molto ricchi d’acqua (ne contengono fino al 97%). Sedano e centriolo sono poveri di calorie e hanno un effetto altamente drenante grazie al contenuto di potassio e al basso contenuto di sodio – spiega Annamaria Acquaviva – L’ananas, invece, contiene bromelina, un enzima con azione diuretica che favorisce anche la digestione. Ricche di fibre e dal basso indice glicemico, le prugne della California contribuiscono a disintossicare l’organismo e aggiungono dolcezza naturale alla composizione. Questo smoothie è la bevanda ideale per idratarsi e combattere la ritenzione idrica con gusto».

Non mancano però nemmeno altri modi per introdurre le prugne nell'alimentazione quotidiana. Si tratta infatti di un alimento che si è guadagnato il titolo di superfood perché risponde alle necessità di tutti i professionisti culinari, da utilizzare in qualsiasi preparazione, da quelle dolci a quelle salate (leggi qui). Per preparare una salsa da abbinare al pane o per condire pasta o riso integrale ecco la ricetta di un pesto tradizionale arricchito di fibre e nutrienti forniti dalle prugne: è sufficiente tritare con un piccolo robot da cucina 50 grammi di basilico, 15 grammi di pinoli, 1 pizzico di sale grosso, 6 cucchiai di parmigiano grattugiato e 2 cucchiai di pecorino grattugiato, 8 prugne della California tagliate molto finemente e 100 ml di olio extravergine d'oliva.

Gli ingredienti vanno aggiunti uno alla volta e il pesto ottenuto deve essere lasciato riposare in frigorifero almeno un quarto d'ora, trascorso il quale è pronto per un pasto estivo…così dolce, così fresco.


Rubriche

Dall'Italia

Recensioni, segnalazioni e tendenze dal Buonpaese, firmate da tutti gli autori legati a Identità Golose