La Grande Milano e la Grande Italia per aprire Identità Milano

Il 18 e il 19 settembre inaugurazione dell'Hub internazionale della gastronomia. I primi nomi in anteprima degli ospiti

15-07-2018

Identità Golose, dopo 15 anni di storia, apre a Milano il primo Hub internazionale della gastronomia: in anteprima, i primi dettagli sulle due serate di inaugurazione 

In queste settimane abbiamo iniziato a raccontarvi di come si stia materializzando, giorno dopo giorno, il progetto più ambizioso della storia di Identità Golose, la creazione di un Hub internazionale della gastronomia, che sarà inaugurato il 18 e il 19 settembre a Milano, nella centralissima sede di via Romagnosi al 3, a pochi passi dal Teatro alla Scala, dove ha avuto casa per oltre 60 anni, a partire dal 1949, la Fondazione Feltrinelli.

Oggi iniziamo ad anticipare la prima parte di un programma ricchissimo con cui apriremo Identità Golose Milano, riempiendo i primi giorni di straordinari ospiti. 

Come detto il 18 e il 19 settembre saranno i giorni dell’inaugurazione, che prevederanno una grande conferenza stampa e due giornate aperte a tutti gli ospiti e gli amici che vorranno essere con noi, celebrando l’inizio di quella che vogliamo essere una lunga storia.

Giornate che culmineranno con due grandi cene di gala, perfette per raccontare lo spirito che animerà il lavoro del nostro Hub. 

L'ingresso di via Romagnosi al 3

L'ingresso di via Romagnosi al 3

Così come nei sei mesi di Identità Expo, dal 1° maggio al 31 ottobre 2015, abbiamo avuto il piacere di ospitare cuochi prestigiosi provenienti sia da luoghi vicinissimi che lontanissimi, anche in via Romagnosi abbiamo l’obiettivo di raccontare la grande gastronomia rappresentando tanto Milano, quanto l'Italia e il mondo intero. 

Milano - Italia - Mondo, quindi. Ed ecco che proprio con la prima serata di gala, martedì 18 settembre, abbiamo invitato sette grandi protagonisti della cucina d’autore milanese, chef che hanno contribuito con il proprio lavoro a fare della città lombarda un centro d’attrazione sempre più importante per gli appassionati gourmet. 

«Nessuno può scegliere dove nascere. Io sono stato fortunato: sono nato a Milano. Visto dove affondano le radici dei miei genitori, poteva essere tranquillamente Como come Trento. Sono stato fortunato perché Milano è l'unica città italiana che si apre spontaneamente e sinceramente al mondo. Abbiamo una storia millenaria, un cuore d'oro e una nostra cucina, ma siamo curiosi e pronti a provare ed eventualmente fare nostra ogni altra cucina, basta ci convinca. Nel 2004 Identità Golose non poteva nascere altrove e adesso rieccoci con una sede permanente che il 18 settembre verrà battezzata da sette chef che hanno profumato la città. Sono bravissimi, un orgoglio averli tra due mesi accanto a noi». E' così che l’ideatore di Identità Paolo Marchi spiega e introduce il senso di questo primo, straordinario, appuntamento.

La Grande Milano

La Grande Milano

Ecco la formazione del primo “dream team” chiamato a rappresentare la Grande Milano il 18 settembre: partendo da Claudio Sadler, protagonista sulla scena milanese dal 1986, chef e patron del ristorante Sadler, a cui verrà affidato il primo Antipasto freddo. Andrea Berton ha conquistato Milano prima con i suoi anni al Trussardi alla Scala, per poi confermare il proprio talento con il Ristorante che porta il suo nome: preparerà l’Antipasto caldo. Carlo Cracco, vicentino ormai adottato dalla Madonnina, percorrerà i pochi metri che separano Identità Golose Milano dalla nuova casa del Ristorante Cracco per preparare un primo a base di Pasta.

Il Riso invece sarà affidato a Davide Oldani, milanese doc, anch’egli simbolo dell’alta gastronomia meneghina con il suo D’O di Cornaredo, a pochi chilometri dal centro della città. Antonio Guida invece è pugliese, per molti anni ha lavorato e si è fatto apprezzare lontano da Milano, ed è, in questa selezione, lo chef arrivato più recentemente. Ma con il suo Seta dell’Hotel Mandarin Oriental ha dimostrato da subito il desiderio di diventare un protagonista su questo palcoscenico. E inoltre...è un graditissimo vicino di casa del nostro Hub: a lui il compito di stupire i nostri ospiti con il Secondo. A chiudere con il Dessert la prima cena di gala, una coppia di amici e di grandi professionisti, Alessandro Negrini e Fabio Pisani, che hanno raccolto il testimone di una delle storie gastronomiche più milanesi che ci siano, prendendo la guida della cucina dell'iconico Luogo di Aimo e Nadia.  

Paolo Marchi, a sinistra, e Claudio Ceroni nel cantiere di Identità Golose Milano

Paolo Marchi, a sinistra, e Claudio Ceroni nel cantiere di Identità Golose Milano

«Tempo 24 ore e il 19 settembre secondo evento di gala: dopo Milano, l'Italia. E il mondo subito a seguire. Abbiamo pensato di ricalcare la spina dorsale della guida che da sempre, fin dall'esordio nel 2007/08, ha seguito il meglio tra Italia, Europa e Mondo. A noi preme mettere in prima fila la qualità, quale che sia la sua provenienza. A leggere i nomi ci tengo a sottolinearne uno: Annie Féolde. Mi spiace non averla conosciuta subito bene come in questi anni più vicini a noi. Mai vista tanta energia racchiusa in una sola persona. Spesso riesce a far sembrare dei ferrivecchi numerosi cuochini tutta presunzione, poche idee e ancora minor sostanza». Con queste parole Paolo Marchi ci accompagna a svelare i protagonisti della seconda cena di gala, mercoledì 19 settembre, scelti per rappresentare al meglio la Grande Italia della cucina, come dalla sua prima edizione ha voluto fare il Congresso di Identità Golose, creato da Marchi con il suo socio di sempre Claudio Ceroni, fondatore di Magenta Bureau.

Il primo ospite arriverà da Senigallia, cittadina ad alto tasso di concentrazione di stelle Michelin, ed è uno dei più ispirati interpreti dell’alta cucina di mare: Mauro Uliassi avrà il piacere di aprire la nostra serata di inaugurazione con il suo Antipasto freddo. Il nostro viaggio nella gastronomia italiana ci porterà poi a Vico Equense, con il creatore di quella Festa a Vico che è ormai da anni un appuntamento irrinunciabile per i gourmet: Gennaro Esposito, chef e patron della Torre del Saracino, a cui sarà affidato l’Antipasto caldo.

Cristina Bowerman, presidentessa dell’associazione Ambasciatori del Gusto e alla guida dal 2005 della Glass Hostaria di Roma, è una perfetta rappresentante dell’evoluzione contemporanea dell’alta cucina italiana, con la sua inarrestabile curiosità e applicazione nella ricerca di tecniche e ingredienti che arrivano da tutto il mondo. E donerà il suo talento alla creazione del primo dei “primi”, a base di Pasta. Un’altra grande dama della gastronomia italiana, Annie Féolde, anima dello storico tre stelle Enoteca Pinchiorri di Firenze, accompagnata da Alessandro Della Tommasina, si prenderà cura invece del Risotto.

Le tre stelle Michelin Niko Romito le ha conquistate in un periodo concentratissimo di tempo, dimostrando un talento naturale davvero unico, che si accompagna a una straordinaria lungimiranza imprenditoriale che gli ha permesso di accostare al Reale Casadonna una serie di altri progetti di successo: chi meglio di lui per preparare il Secondo in questa cena irripetibile? E tre stelle brilleranno anche sul Dessert, con dei carissimi amici di Identità Golose, i fratelli Enrico e Roberto Cerea che proseguono con coerenza assoluta ed evoluzione continua la storia familiare di Da Vittorio, a Brusaporto. 

La Grande Italia

La Grande Italia

Queste due straordinarie cene, dedicate agli ospiti che saranno invitati a celebrare con noi l’inaugurazione del primo Hub internazionale della gastronomia, saranno però solamente l’inizio di un lavoro che ci permetterà di proporre al pubblico milanese (e non solo) una specie di Congresso di cucina d’autore permanente, con un’alternanza continua di chef ospiti da tutto il mondo. 

Il programma di Identità Golose Milano proseguirà infatti con il terzo elemento del nostro progetto: dopo Milano e Italia, il Mondo. Le prime cene aperte al pubblico vedranno così dei grandi protagonisti della cucina internazionale arrivare a Milano per proporre i propri piatti simbolo: a brevissimo vi comunicheremo i loro nomi e a brevissimo, soprattutto, apriremo sul sito di Identità Golose Milano le prenotazioni per queste cene imperdibili.

Per ora possiamo solo anticipare anche che, per riservare i tavoli dell’area dedicata alla ristorazione di Identità Milano, apriremo una collaborazione speciale con la piattaforma leader delle prenotazioni online, TheFork, con cui abbiamo già realizzato dei progetti di grande successo, come il recente TheFork Restaurant Awards.

Restate dunque “sintonizzati” su queste pagine e sui canali social (Facebook e Instagram) di Identità Golose Milano per non perdervi nessuno dei prossimi aggiornamenti.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola