Un tiramisù con sorpresa per Obama

I Cerea, dopo la regina Elisabetta e Clinton, hanno cucinato a Milano anche per un secondo ex inquilino della Casa Bianca

09-05-2017

L'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama tra Bobo (a sinistra) e Francesco Cerea, due dei tre fratelli pluristellati del Vittorio a Brusaporto in provincia di Bergamo

Avrei voluto essere invisibile presenza alla cena in onore di Barack Obama la sera di lunedì 8 maggio a Milano, vigilia del suo discorso alla terza edizione di Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit in fiera a Rho. Avrei voluto vedere la sua faccia al momento di accomodarsi a tavola a Palazzo Clerici, struttura seicentesca alle spalle della Scala, scelta anche perché distante poche centinaia di metri dal Park Hyatt, il 5 stelle lusso dove soggiorna l’ex presidente degli Stati Uniti, tre i piani riservati per lui e il suo entourage.

Non può non essere rimasto impressionato dagli affreschi del Tiepolo. Risalgono a quasi tre secoli fa, al 1740. «Facciamo di certo una gran bella figura come italiani», ha detto Francesco Cerea. Già le sole foto lasciano senza respiro, figuriamoci dal vivo. Il cognome Cerea è una garanzia di successo quando si tratta di deliziare giocando in trasferta. Facile giocare in attacco in casa dove tutto ti è amico, meno lontano dai fornelli amici. E’ toccato infatti al Vittorio di Brusaporto vicino a Bergamo, organizzare una tavola per venti commensali in

tutto. Il numero in sé è alla portata di tutti, la vera difficoltà è tutta nelle persone sedute attorno a quel tavolo: Obama su tutti, poi due ex presidenti del consiglio italiani, Matteo Renzi e Mario Monti, industriali come Sergio Marchionne, Marco Tronchetti Provera e Diego Della Valle, la stilista Donatella Versace. Parola d’ordine: nessuna foto.

Due su venti hanno chiesto un menù speciale, Monti e la Versace, tutti gli altri si sono in un certo senso accodati all’invitato. Un solo desiderio: bere italiano, dall’inizio alla fine. Traduzione: italiane anche le bollicine. Così, quando alle 18.30 i camerieri hanno iniziato a servire i finger food a passaggio, nei calici è stato versato del Trento Ferrari Maximum Brut e Francesco Cerea al telefono quasi ride: «E’ una selezione da Vittorio che la famiglia Lunelli etichetta per noi». A conferma che la pubblicità è l’anima del commercio, perché non approfittare dell’occasione?

Il Tiramisù moderno di Chicco e Bobo Cerea

Il Tiramisù moderno di Chicco e Bobo Cerea

Sei bocconi speciali: Lollipop al parmigiano, Cannolo siciliano con burrata e pomodoro di Sicilia, Pan brioche con prosciutto crudo di Parma e patè di vitello, Crostino di Altamura con burro alle erbe e carpaccio di branzino, Bruschetta con salsa tonnata e acciuga del Mediterraneo, infine Lasagna croccante.

Alle sette e mezzo tutti a sedere. Con un imperativo: fine evento alle ore 21. Primo, secondo e arrivava già il dolce: Gnocchetto di ricotta, cuore di branzi, barba dei frati e tartufo nero di Norcia; Spallina di vitello al Porto bianco («Mi raccomando Paolo, non Porto e basta: Porto bianco, è importante»); quindi l’asso di cuori: Tiramisù moderno. «Abbiamo scelto questo dessert perché è il dolce italiano famoso ovunque nel mondo. Solo che vi abbiamo aggiunto un nostro pensiero e l’abbiamo reso una mattonella». I vini? Sauvignon 2015 di Attems, Merlot-Corvina Corte Giara 2015 di Allegrini e Moscato d’Asti Ca’ Du Sindic 2916 di Sergio Grimaldi.

La Sala Tiepolo di Palazzo Clerici a Milano prima della cena in onore di Barack Obama

La Sala Tiepolo di Palazzo Clerici a Milano prima della cena in onore di Barack Obama

A parte un risotto perfetto di cottura per 800 persone la sera di una prima della Scala a Sant’Ambrogio, cucine da campo a Palazzo Marino su invito dell’allora sindaco Letizia Moratti, i Cerea, Francesco re di sala e cantina, Chicco e Bobo re in cucina, nel 2000 cucinarono per la regina Elisabetta: «Era il 19 ottobre, sua maestà impazzi per il risotto allo zafferano». Il gran patron di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, aveva già portato a Milano un altro ex presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton. Per lui tradizione lombarda.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola