Ma quanti amici ha IdentitÓ!

Stand per stand, vi raccontiamo le tante realtÓ presenti al congresso e che gravitano attorno al mondo dell'alta cucina

11-04-2017

Prima carrellata delle tante realtà presenti negli stand d'Identità Milano 2017

Galleria fotografica

Acetaia Giusti - Il Gran Deposito Aceto Balsamico di Giuseppe Giusti, la più antica azienda produttrice di Aceto Balsamico di Modena fondata nel 1605, ha portato al congresso l’intera Collezione Storica Giusti, una selezione di pregiati aceti balsamici invecchiati fino a 100 anni, assieme a un panettone all’aceto balsamico creato per Acetaia Giusti dall’Antica Pasticceria Muzzi. «Il nostro aceto è sempre in viaggio – ci ha raccontato Claudio Giusti – E' molto interessante vedere come viene utilizzato nelle cucine fusion di tutto il mondo, in Giappone, in Korea e nelle cucine americane e sudamericane». A Identità Golose il Banda Rossa, un aceto balsamico che invecchia in antiche botticelle risalenti al 1600, è stato in assoluto il preferito dagli chef
Agrimontana - Con Agrimontana abbiamo fatto un viaggio tra estetica, ragione e sentimento grazie a diversi appuntamenti con il pastry consultant Emmanuele Forcone che ci ha fatto scoprire forme e strutture in pasticceria; Andrea Tortora, pastry chef, che ha fatto la colomba, preparato la colazione e reinterpretato il pandoro; Diego Crosara, pastry consultant, che ha preparato un Gelato e cioccolato tra dolce e salato; e lo chef Marco Perez che ci ha mostrato un “cibo da favola” in un gioco di molteplici sapori dal gusto unico. Protagonisti i frutti della natura: zenzero candito, amarena chiara, albicocche, pere e olive siciliane candite
Alaska Seafood Marketing Institute (ASMI) - Presenti allo stand di Alaska Seafood i pesci che rappresentano l'eccellenza del gusto, il trionfo della naturalità e, soprattutto, della qualità. Abbiamo scoperto la raffinatezza dei prodotti ittici dell'Alaska: salmone selvaggio, black cod, granchio reale e ikura. Alessio Taffarello, chef di Lile in cucina, ha preparato deliziosi finger food con alcune di queste prelibatezze. Un viaggio meraviglioso dove l'alta qualità della materia prima e la libertà creativa dello chef hanno creato un'esperienza gustativa indimenticabile
Ambasciatori del Gusto - Presenti al congresso anche gli Ambasciatori del Gusto: cuochi, ristoratori, pizzaioli, sommelier, persone di sala, pasticcieri e gelatieri che attraverso il proprio mestiere si sono distinti nella valorizzazione del patrimonio agroalimentare ed enogastronomico italiano. L’associazione Ambasciatori del Gusto è una realtà senza scopo di lucro, espressione dell’eccellenza della ristorazione e della pasticceria italiana

Identità Milano 2017 non ha significato solo ascoltare le lezioni di grandi chef italiani e stranieri: è stata anche l'occasione per conoscere direttamente tante realtà che gravitano attorno all'alta cucina, quelle presenti negli stand, mai così numerosi in passato.

Abbiamo già parlato di sponsor e partner d'Identità (leggi: Grandi chef, grandi partner). Ora passiamo in rassegna le aziende presenti, partendo con una prima carrellata di 37: clicca la fotogallery per il nostro racconto.

Prima parte


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola


Galleria fotografica

Acetaia Giusti - Il Gran Deposito Aceto Balsamico di Giuseppe Giusti, la più antica azienda produttrice di Aceto Balsamico di Modena fondata nel 1605, ha portato al congresso l’intera Collezione Storica Giusti, una selezione di pregiati aceti balsamici invecchiati fino a 100 anni, assieme a un panettone all’aceto balsamico creato per Acetaia Giusti dall’Antica Pasticceria Muzzi. «Il nostro aceto è sempre in viaggio – ci ha raccontato Claudio Giusti – E' molto interessante vedere come viene utilizzato nelle cucine fusion di tutto il mondo, in Giappone, in Korea e nelle cucine americane e sudamericane». A Identità Golose il Banda Rossa, un aceto balsamico che invecchia in antiche botticelle risalenti al 1600, è stato in assoluto il preferito dagli chef
Agrimontana - Con Agrimontana abbiamo fatto un viaggio tra estetica, ragione e sentimento grazie a diversi appuntamenti con il pastry consultant Emmanuele Forcone che ci ha fatto scoprire forme e strutture in pasticceria; Andrea Tortora, pastry chef, che ha fatto la colomba, preparato la colazione e reinterpretato il pandoro; Diego Crosara, pastry consultant, che ha preparato un Gelato e cioccolato tra dolce e salato; e lo chef Marco Perez che ci ha mostrato un “cibo da favola” in un gioco di molteplici sapori dal gusto unico. Protagonisti i frutti della natura: zenzero candito, amarena chiara, albicocche, pere e olive siciliane candite
Alaska Seafood Marketing Institute (ASMI) - Presenti allo stand di Alaska Seafood i pesci che rappresentano l'eccellenza del gusto, il trionfo della naturalità e, soprattutto, della qualità. Abbiamo scoperto la raffinatezza dei prodotti ittici dell'Alaska: salmone selvaggio, black cod, granchio reale e ikura. Alessio Taffarello, chef di Lile in cucina, ha preparato deliziosi finger food con alcune di queste prelibatezze. Un viaggio meraviglioso dove l'alta qualità della materia prima e la libertà creativa dello chef hanno creato un'esperienza gustativa indimenticabile
Ambasciatori del Gusto - Presenti al congresso anche gli Ambasciatori del Gusto: cuochi, ristoratori, pizzaioli, sommelier, persone di sala, pasticcieri e gelatieri che attraverso il proprio mestiere si sono distinti nella valorizzazione del patrimonio agroalimentare ed enogastronomico italiano. L’associazione Ambasciatori del Gusto è una realtà senza scopo di lucro, espressione dell’eccellenza della ristorazione e della pasticceria italiana
Angelo dello chef - Angelo e Roberta Castellani hanno presentato tutto ciò che può essere utile per uno chef e ristoratore: arredo tavola, forniture complete per cucine professionali, pregiate porcellane, tutto per il finger food, macchinari, specialità alimentari e articoli per la pasticceria
Antica Corte Pallavicina - Come ogni anno i fratelli Spigaroli ci hanno proposto un viaggio di gusto tra i migliori salumi della Bassa Parmense. In primis il mitico culatello di Zibello che ora come 500 anni fa viene prodotto naturalmente, senza conservanti e affinato nelle cantine dell’Antica Corte Pallavicina. La proposta di salumi ha visto inoltre protagonisti il salame gentile, la mariola, il lardo di maiale nero e il “fioccaccio”, assieme a un culatello di Suino Nero di Parma 36 mesi abbinato a un metodo classico della cantina Berlucchi
Artmenu Factory - Con Artmenu Factory abbiamo intrapreso un viaggio all’insegna della qualità e del made in Italy: portamenu e carte dei vini nei materiali più svariati, dall’ecopelle stile canvas all’ecopelle imitazione legno. Lontana da qualsiasi criterio di standardizzazione, l’azienda lavora rigorosamente a mano le proprie realizzazioni coniugando sempre eleganza e funzionalità
Associazione Le Soste - L’associazione Le Soste riunisce ottantacinque tra i migliori ristoranti di cucina italiana nel nostro Paese e nel Mondo. L’idea originaria prese forma nel 1982 durante una cena tra ristoratori amici: alcuni tra i maggiori chef italiani stabilirono di incontrarsi periodicamente per condividere spunti e progetti sull’enogastronomia italiana d’eccellenza e rendere noti ai propri clienti i ristoranti che perseguivano quotidianamente gli ideali di cultura gastronomica, convivialità, accoglienza, cortesia e raffinatezza. Il modello di riferimento furono dal principio le grandi associazioni francesi come Traditions et Qualité e Relais Gourmands. Da allora tanti anni sono passati, ma lo spirito di amicizia tra i diversi soci, nonché il percorso comune teso all’alta qualità, animano ancora oggi i membri Le Soste
Azienda agricola San Pietro a Pettine - L’azienda agricola San Pietro a Pettine è stata presente a Identità Milano 2017 per rappresentare l’Umbria e per raccontare l’eccellenza di un territorio che sta vivendo un momento difficile. Allo stand si sono alternate degustazioni di specialità gastronomiche al tartufo, tra cui il succo di tartufo nero pregiato, ultimo nato in azienda, che ha fatto il suo debutto al congresso
Azienda agricola Valier - Daniele Valier è stato il primo a credere nella valorizzazione della noce verde e ora la sua azienda agricola Valier è la prima e unica a livello nazionale a lavorarla e valorizzarla in ogni sua stagionalità. Allo stand dell’azienda abbiamo conosciuto l’intera linea di prodotti Noce Verde e Noce Secca: farina e pasta di noci, noci sgusciate e olio di noce estratto a freddo dalla spremitura della noce Lara prima qualità
Berlucchi - Berlucchi ha accolto gli ospiti nella sua lounge all black dove, oltre all’assaggio di ’61 Brut, Satèn e Rosè, si sono tenute degustazioni di audaci abbinamenti di salmone Upstream, culatello da maiale nero affinato 36 mesi dell’Antica Corte Pallavicina, con ’61 Nature 2009, Franciacorta non dosato, affinato 5 anni sui lieviti. Cristina Bowerman di Glass Hostaria ha deliziato il pubblico con tre finger in un originale “elogio della purezza”
Bonaventura Maschio - Prime Uve, il prodotto simbolo di Bonaventura Maschio, ha ispirato i cocktail dei bartender in abbinamento alle creazioni di grandi chef. Marco Russo e Wicky Priyan, Flavio Angiolillo e Moreno Cedroni, Mattia Pastori e Marcello Trentini sono stati i protagonisti di “Alambicchi, sorsi e assaggi”, le degustazioni ispirate all’uso versatile di Prime Uve che Bonaventura Maschio ha proposto ogni giorno presso lo stand. Per Prime Uve sono stati anche studiati dei cocktails da Noi di Sala, in particolare da Marco Civitelli e Abdel El Attaoui di Ceresio 7. «Abbiamo raccontato il tema del viaggio con i nostri prodotti e la loro diversità d’origine: alcuni, come la grappa, sono tradizionalmente italiani, altri sono dei gin che parlano un’altra lingua ma noi li abbiamo reinterpretati in chiave tricolore – ci hanno spiegato Anna e Andrea Maschio - I nostri prodotti per la mixology hanno fatto un viaggio che parte dal Messico, dai Caraibi, dall’Inghilterra, dall’Irlanda, per arrivare fino a noi»