Il piatto di settembre di East Lombardy è firmato da Alessia Mazzola

La chef bergamasca propone gli Anoli di zucchina, agrì di Valtorta e menta con emulsione alla sarda del lago d’Iseo

05-09-2017

Anoli di zucchina, agrì di Valtorta e menta con emulsione alla sarda del lago d’Iseo: per tutto il mese di settembre sarà il piatto del mese al WineGate 11 dell’aeroporto di Orio al Serio

Cambia il piatto del mese al WineGate 11 della food court Italy loves food all’aeroporto di Orio al Serio. A essere servita - insieme a una degustazione di formaggi, una bottiglia di S.Pellegrino e un calice di Franciacorta - nel mese di settembre sarà una preparazione di Alessia Mazzola dell’Osteria Al Gigianca di Bergamo: Anoli di zucchina, agrì di Valtorta e menta con emulsione alla sarda del lago d’Iseo.

«Con East Lombardy abbiamo scelto di presentare come piatto del mese una pasta ripiena», spiega la chef che, messa la laurea in Scienza dell’educazione nel cassetto insieme al suo lavoro come insegnante, ha puntato sulla sua passione per la cucina e insieme al marito ha scommesso sull’apertura dell’osteria.

Alessia Mazzola, chef dell’Osteria Al Gigianca di Bergamo

Alessia Mazzola, chef dell’Osteria Al Gigianca di Bergamo

«La nostra cucina è sempre rispettosa della stagionalità e del territorio – continua Alessia Mazzola -. In questo periodo la zucchina è in stagione, a questa abbiamo abbinato l’agrì di Valtorta, un formaggio vaccino a pasta cruda preparato con latte intero di vacca appena munto, è anche un presìdio Slow Food. Utilizziamo, poi, la sarda del lago d’Iseo, anch’essa presìdio Slow Food ed espressione del nostro territorio».

Il piatto, che sarà preparato nella cucina del WineGate 11 con la supervisione dello chef Vittorio Fusari, non è inserito nella carta del Gigianca. «Si tratta di un piatto che non rispetta una tradizione strettamente orobica e ho ideato specificatamente per East Lombardy», sottolinea la 38enne. 

Quella degli anoli è una ricetta molto semplice. «Preparo prima la pasta all’uovo con la mia ricetta che prevede un litro di tuorli per 1,6 chili di semola. Quando l’impasto è liscio e omogeneo lo stendo. Taglio poi le zucchine a julienne, ne tengo un po’ da parte e frullo quella rimanente ottenendo una purea alla quale unisco l’agrì schiacciato, le zucchine a julienne e qualche fogliolina di menta. Con questo composto riempio gli anoli che poi metto a cuocere. Nel frattempo preparo un’emulsione di olio extravergine di oliva con filetti di sarda di lago nella quale faccio saltare gli anoli. L’impiattamento lo completo con qualche filo di zucchina julienne».

La sala dell'Osteria Al Gigianca

La sala dell'Osteria Al Gigianca

«L’iniziativa East Lombardy è una grande occasione per far conoscere i prodotti del nostro territorio che, spesso, sono ancora poco conosciuti - spiega ancora Mazzola - Molta gente non sa che nel Bergamasco vengono prodotti formaggi di qualità, sono nove le Dop, e c’è anche una tradizione di consumo di pesce di lago. Al Gigianca, per esempio – aggiunge -, noi serviamo soltanto pesce di lago tra cui sarda e missoltini, eccezion fatta per il baccalà che fa parte della cultura gastronomica».

Se nella carta del Gigianca il casoncello alla bergamasca rappresenta la tradizione, la scommessa di Alessia Mazzola e del marito Gigi è rappresentata dai piatti a base di pecora di razza gigante bergamasca. «Con la pecora prepariamo antipasti, primi e secondi: utilizziamo la carne per le farciture, per preparare ragù, polpette; abbiamo un piatto a base di carne di pecora cotta a bassa temperatura. Ecco se c’è un cavallo di battaglia dell’Osteria – conclude – è l’utilizzo della nostra pecora».


Rubriche

East Lombardy

Il racconto delle eccellenze di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova