La magia de A Cena con il Maestro

Una serata affascinante, a Cremona, e ha unito gastronomia e musica per celebrare il 450° anno dalla nascita di Monteverdi

17-05-2017

Alcuni degli chef protagonisti de A Cena con il Maestro, la magica serata che si è tenuta lunedì a Cremona. Gli scatti sono di Paolo Marchi, l'elaborazione grafica di Manuel Crippa

Un magico ensemble gastronomico e musicale nell’esclusiva location del teatro Ponchielli a Cremona ha coniugato la cultura del saper fare liutario e il patrimonio enogastronomico della Lombardia Orientale. Nel 450° dalla sua nascita, la città di Cremona ha voluto omaggiare Claudio Monteverdi con le note della talentuosa violinista Lena Yokoyama e i piatti dei migliori chef del territorio.

Il palcoscenico del teatro ha ospitato le eccellenze della Lombardia Orientale con sette isole del gusto a cura dei migliori chef del territorio cremonese selezionati dallo chef ambasciatore Sergio Carboni: c’erano Paco Magri, Marina Morelli, Roberto Magnani, Gianpaolo Fenocchio, Stefano Fagioli e Niccolò Pozzoli, che hanno preparato piatti ispirati ai tradizionali sapori delle quattro province dell’East Lombardy abbinati a vino Franciacorta Docg e acqua minerale S.Pellegrino.

Una speciale isola del gusto è stata dedicata al torrone, il più celebre dei prodotti gastronomici cremonesi, assieme ai dolci elaborati dalla Pasticceria Dossena di Crema: torta spongarda, cannoncini alla crema pasticcera, tartellette ripiene al torroncino e mignon monteverdi.

Gli chef con il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, Roberta Garibaldi e Barbara Manfredini

Gli chef con il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, Roberta Garibaldi e Barbara Manfredini

A scandire la serata le note del violino Lam-ex Scotland University della Wing Lam Collection realizzato da Antonio Stradivari nel 1734, suonato dalla grande solista giapponese Lena Yokoyama che ha eseguito brani di Vivaldi, Massenet, J.S. Bach e Brahms. Gli allievi dell’Istituto di Studi Superiori Claudio Monteverdi (Eleonora Filipponi, mezzosoprano, e Simone Butti, clavicembalo) si sono esibiti a loro volta in brevi ma intensi momenti musicali nei luoghi più singolari del teatro e non è mancata la musica moderna con selezione musicale a cura del dj Davide Monteverdi.

Una splendida iniziativa con oltre 200 ospiti e la presenza del sindaco Gianluca Galimberti, l’assessore Barbara Manfredini, il direttore scientifico di East Lombardy Roberta Garibaldi e Paolo Marchi, preseidente del Comitato Food del progetto. Sponsor territoriali della serata Sperlari, Steel Color e Grana Padano, che sosterranno anche i prossimi appuntamenti targati East Lombardy: gli Aperitivi col Maestro (21 maggio, 27 maggio e 1 giugno), per continuare a coniugare buon cibo, alta musica e tanto divertimento.