Pasquale Caliri, lo Chef Anomalo che vuol risvegliare Messina

Ex giornalista, fresco Ambasciatore del Gusto, al Marina del Nettuno propone una cucina di mare piena di eleganza

29-06-2018

Lo chef Pasquale Caliri, neo Ambasciatore del Gusto al Marina del Nettuno di Messina. Qui è ritratto proprio di fronte al locale, le onde come sfondo (foto Gianrico Battaglia)

Lo Chef Anomalo fa di nome Pasquale Caliri, classe 1965 da Messina. A vederlo sulle prime - capelli bianchi, alto e impettito, quasi un po' rigido - parrebbe persona seriosa, dal portamento elegante vagamente retrò; poi una delle sue risate contagiose ne rivela invece l'indole esuberante e quell'autoironia guascona che è caratteristica propria delle persone intelligenti.

Tale è davvero, Caliri. Ieri, e a lungo, giornalista professionista specializzato in cronaca nera e giudiziaria, mestiere che ha abbandonato per fattori contingenti; oggi chef, Ambasciatore del Gusto di fresca nomina, ma soprattutto punta di lancia di una Messina golosa che vuole iniziare a dire la sua anche nell'alta cucina, regno che non le è mai appartenuto. Da buon comunicatore, racconta così: «Ho sempre saputo che cucinare fosse la mia grande passione; ma è stata una frase sentita per caso in tv che ha scatenato in me una "rivoluzione" interiore». Ossia: "La cucina può offrire una seconda opportunità".  Fulminato sulla via del Buono insomma; d'altra parte lui di rimanere alla scrivania proprio non aveva più voglia; comunque un segno dei tempi, penne in crisi e forchette sugli allori. Sintesi sua, che sottolinea una continuità di fondo tutta da verificare: «Ieri mescolavo parole, oggi ingredienti».

Integra comunque la vocazione attuale con quella trascorsa; sa insomma come conquistarsi un po' di riflettori, con trovate a volte assai brillanti, in altri casi vagamente estemporanee, ma che ottengono sempre il loro scopo: far parlare non tanto e solo di sé, quanto della crociata in cui s'è arruolato, quella appunto di far ascendere la città siciliana sullo Stretto nella classifica della tavola illustre d'Italia, dove oggi risulta relegata alle ultime posizioni. E quindi, citando alla rinfusa: l'arancino anti-invecchiamento, il pesce stocco sotto forma di pop corn, la carta delle uova (peraltro straordinarie, sono quelle di Silvio Ontario. Ne riparleremo), il menu qr code, fino al recente tiramisu portatile...

Il Marina del Nettuno

Il Marina del Nettuno

Iniziative simpatiche delle quale Caliri stesso sorride; ma torna invece compassato quando si tratta di mettersi ai fornelli del suo ristorante, faccenda che sta a cuore a lui quanto a Ivo Blandina, patron della Comet-Compagnia Mediazione Trasporti, presidente della Camera di Commercio messinese come già lo è stato della locale Confindustria: lui ha creato esattamente 20 anni fa il Marina del Nettuno (candeline spente lo scorso 21 giugno), all'interno del porto turistico, elegante yachting club da 160 imbarcazioni, un luogo magico; lui pure ha pensato di dotarlo di uno spazio ristorativo adeguato, chiamandone alla guida, 3 anni fa, appunto lo Chef Anomalo. Il tutto sotto uno slogan efficace: “Nella vita ci sono tre cose che fanno sognare ad occhi aperti: il cibo, la musica e il mare”.

Caliri, come deve fare ogni buon Ambasciatore del Gusto, vi funge da catalizzatore del meglio che la città e dintorni sappiano offrire, dal punto di vista enogastronomico. La sua è una cucina di mare; conosce a menadito il mercato del pesce, dà del tu ai pescatori, chiede e ottiene il meglio, che poi utilizza per elaborare i suoi piatti di ottima mano. Dice: «È dalla leggerezza che deve arrivare all'essenza del sapore», in questo cogliendo la natura profonda dell'alta cucina, cui si è accostato, dopo averla studiata all'Alma, con maestri quali Pietro Leemann e Paco Torreblanca, e poi esercitando il proprio talento negli Stati Uniti, ad Atlanta.

Al Marina del Nettuno è bello iniziare la cena con un buon cocktail da gustare di fronte al mare (per noi il bartender Christian Costantino lo ha preparato con sciroppo di carruba, amaro Amara, vino bianco di Inzolia e Cataratto, spuma di limone) per poi affidarsi a Caliri. Lo Chef Anomalo conosce bene le regole per far contente le papille gustative.

Stecco d'acciuga in crosta di pistacchi e mandorle, crema di ceci

Stecco d'acciuga in crosta di pistacchi e mandorle, crema di ceci

Tartare di tonno, carpaccio di baccalà, gamberi rossi di Mazara, uova di salmone e di lompo, frutta senapata, confettura di capperi

Tartare di tonno, carpaccio di baccalà, gamberi rossi di Mazara, uova di salmone e di lompo, frutta senapata, confettura di capperi

Omaggio a Gualtiero Marchesi: cozze, vongole, nero di seppia, creme di basilico e pomodoro, aglio dolce, daikon, cumino, crema di ceci

Omaggio a Gualtiero Marchesi: cozze, vongole, nero di seppia, creme di basilico e pomodoro, aglio dolce, daikon, cumino, crema di ceci

Ravioli alla spuma di ricciola, bottarga di tonno, vongole, cannolicchi, foglie di pisello

Ravioli alla spuma di ricciola, bottarga di tonno, vongole, cannolicchi, foglie di pisello

Delizioso l'Uovo e uova: uovo di Silvio pochée, crostone di cuturro, ricotta all'acqua di mare, bottarga di tonno, foglie di nasturzio, uova di salmone

Delizioso l'Uovo e uova: uovo di Silvio pochée, crostone di cuturro, ricotta all'acqua di mare, bottarga di tonno, foglie di nasturzio, uova di salmone

Un altro gran piatto: Seppie grigliate, spuma di patate, nero di seppia, lattuga di mare. Viene servito al tavolo con l'affumicatura a freddo con segatura di faggio

Un altro gran piatto: Seppie grigliate, spuma di patate, nero di seppia, lattuga di mare. Viene servito al tavolo con l'affumicatura a freddo con segatura di faggio

Cannolino vestito di nuovo: cialda di torroncino di nocciole, cotto al forno, ripieno di ricotta con agrumi e frutta candita. Goloso finale

Cannolino vestito di nuovo: cialda di torroncino di nocciole, cotto al forno, ripieno di ricotta con agrumi e frutta candita. Goloso finale


Marina del Nettuno Yacthing club
Viale della Libertà, Batteria Masotto, Messina
Tel. 347 289 0478
marinadelnettuno.it
Aperto tutti i giorni, solo a cena
menu degustazione a 65 euro


Rubriche

Carlo Mangio

Gita fuoriporta o viaggio dall'altra parte del mondo?
La meta è comunque golosa, per Carlo Passera