Pietramare: gran pasta e altre delizie

Il campano Alfonso Crescenzo esalta il buono di Calabria nel resort a Isola di Capo Rizzuto, complice Giancarlo Marena...

09-09-2017

I Tagliolini di pasta fresca all’uovo, tartufo nero uncinato del Pollino, gamberi rossi di Capo Rizzuto, salsa di burro normanno e Parmigiano Reggiano vacche rosse. Una delizia firmata Alfonso Crescenzo al Pietramare, a Isola di Capo Rizzuto (Crotone)

Galleria fotografica

La nostra cena al Pietramare negli scatti di Tanio Liotta. Qui gli appetizer: il finto pomodoro (che nasconde una succulenta tartare di alalunga), il crostino con sardella, 'nduja e cipolla rossa di Tropea, il pane fritto con cupola di ragù di polpo, l'altro crostino con crema di patate ai capperi e astice. S'inizia benissimo...
La Parmigiana di melanzane
Foie gras, succo di mela e pan brioche: piatto non bellissimo, ma buonissimo. La finta mela di foie gras è rivestita di clorofilla, poi gamberi rossi di Capo Rizzuto, polvere di crostacei, sidro di mele ridotto
Sgombro marinato agli agrumi, laccato con miele e aceto, spuma di pinoli e verdure fresche di campo. Alta classe

And the winner is… Se esistesse un Oscar per la miglior pasta, noi lo assegneremmo – diciamo per la categoria “Miglior piatto di pasta dell’estate 2017” – ad Alfonso Crescenzo, chef del Pietramare Natural Food del Praia Art Resort, a Isola di Capo Rizzuto, Crotone. I suoi Tagliolini di pasta fresca all’uovo (farina di grano Senatore Cappelli), tartufo nero uncinato del Pollino, gamberi rossi di Capo Rizzuto, salsa di burro normanno e Parmigiano Reggiano vacche rosse ci hanno fatto letteralmente perdere la testa. Sono stati, peraltro, uno dei picchi – non l’unico - di una cena eccellente in un luogo bellissimo. Lo chef è campano, di Sarno, e ha la pasta nel suo dna: così raggiunge alti livelli anche con gli Spaghettoni di Gragnano cacio e pepe, battuto di triglia, cipolla rossa di Tropea, finocchietto e profumo di sedano (il cacio è un pecorino di Cutro): lussuriosi. La tavola è insomma ottimo motivo per elogiare il Pietramare. Ce ne sono altri.

Alfonso Crescenzo e Giancarlo Marena

Alfonso Crescenzo e Giancarlo Marena

Uno è la sala. Dove comanda un fior di professionista, Giancarlo Marena, classe 1979, gran sommelier a sua volta campano, ma con vasta esperienza internazionale. Oggi si divide tra Italia e New York (dove importa prodotti italiani con la sua Gmd import); questa vocazione cosmopolita traspare dalla carta dei vini… e non solo, perché in lista vi è anche una novantina di sake, passione personale di Marena, che li usa anche per fantastici cocktail sia per l’abbinamento a tutto pasto, sia per l’aperitivo iniziale: a noi uno a base di sake tagliato con Roger (un bitter prodotto nella vicina Montalto), poi liquore a base di sake, ciliegia, mela e whisky giapponese; e un secondo tagliato con bollicine Franciacorta, tè bianco giapponese e fumo dolce.

Poi c’è il luogo. Praia Art Resort si trova a Praialonga di Isola di Capo Rizzuto, tra incantevoli panorami costieri, di fronte l’orizzonte aperto sul vasto Ionio, attorno la macchia che profuma di mirto e lentischi. La spiaggia è a soli 20 metri, in questi giorni è ancora possibile godersi l’ultimo sole estivo magari sdraiati sulle amache che spuntano dall’acqua, come fossero palafitte. Una perfetta rappresentazione del relax, che va a crescere: l’anno prossimo sarà inaugurata una bella spa, con 10 nuove camere.

Ma torniamo alla cucina. Crescenzo, classe 1978, è uno chef umile e appassionato, «parto sempre dalla tradizione, da nonna e mamma massaie che mi preparavano pasta e patate». La sua prima preoccupazione è quella di «proporre sapori veri da prodotti autentici». E’ al Pietramare dal 2015, dopo un lungo cursus honorum che l’ha portato sue giù per lo Stivale, e non solo: citando alla rinfusa, il Santa Caterina ad Amalfi, il San Pietro a Positano con Alois Vanlangenaeker, Georges Blanc in Francia, Pino Lavarra a Palazzo Sasso di Ravello come sous chef, Tonino Mellino ai Quattro Passi, il Trussardi alla Scala («Gli ultimi 12 giorni di Alfio Ghezzi, e poi Andrea Berton»), Il Rigoletto di Gianni D’Amato, la Terrazza dell'Eden con Enrico Derflingher, il St.Regis a Pechino, «dove ho conosciuto Marena», persino 3 anni a solcare i mari su uno yacht esclusivo della russa Lukoil.

Alfonso Crescenzo

Alfonso Crescenzo

Racconta: «Vengo da una famiglia di agricoltori. Quando si cresce in strada, a Sarno, è facile perdersi. La cucina in qualche modo mi ha salvato. Tornavo da scuola e i miei genitori erano preoccupati, perché loro sudavano nei campi e io avrei potuto fare cattive amicizie, così mi imposero di trovarmi un lavoretto. Lo ricordo bene, era l’anno in cui ho fatto la prima comunione, mi mandarono in una pasticcieria, iniziai a lavare gli utensili ma ero piccolo, avevo difficoltà ad arrivare al lavabo. Prendevo 2mila lire a settimana, ma poco a poco ho imparato la fatica e il mestiere. Non ho mai smesso di lavorare, il pomeriggio e nei giorni di festa, finché sono diventato un professionista».

Ogni tanto torna nella sua Campania, «mi piace confrontarmi con le casalinghe. Il mio sogno è aprire un mio locale proprio a Sarno, un agriturismo, sfidando le difficoltà di una zona così particolare, considerata luogo di contadini ignoranti, quando va bene». Ma in Calabria si trova benissimo, «qui mi confronto con prodotti eccezionali». L’agnello, ed esempio. I vermituri. Il pesce dello Ionio, fantastico. Il pepe rosso. I carciofini selvatici. La cipolla di Tropea, «io ho un piatto in cui l’abbino, stufata, con uovo e sale alla vaniglia. E ci faccio anche la genovese, che risulta diversa, perché la cipolla ramata è più dolce, questa più aromatica». Le patate della Sila, «preparo Pipi e patate, un classico della tradizione».

E ancora: il tartufo fiorone del Pollino, «lo assaggio e dico: come fa una regione che ha queste bontà a non dire ancora la sua?». I gamberi rossi di Capo Rizzuto, «ma anche il violetto eh…». La ‘nduja. Il bergamotto, il cedro e il peperoncino, ci aromatizza anche un delizioso panettone, che abbiamo gustato ad agosto, perché il buono è tale 365 giorni l’anno e d’altra parte: i migliori produttori del dolce meneghino non sono ormai campani, da qualche anno a questa parte? Da salernitano, Crescenzo pensa che cambiano i prodotti, ma con gli stessi concetti, con le medesime tecniche, comunque racconti il Mediterraneo. «In Calabria non manca nulla». E al Pietramare si sta benissimo.


Rubriche

Carlo Mangio

Gita fuoriporta o viaggio dall'altra parte del mondo?
La meta è comunque golosa, per Carlo Passera


Galleria fotografica

La nostra cena al Pietramare negli scatti di Tanio Liotta. Qui gli appetizer: il finto pomodoro (che nasconde una succulenta tartare di alalunga), il crostino con sardella, 'nduja e cipolla rossa di Tropea, il pane fritto con cupola di ragù di polpo, l'altro crostino con crema di patate ai capperi e astice. S'inizia benissimo...
La Parmigiana di melanzane
Foie gras, succo di mela e pan brioche: piatto non bellissimo, ma buonissimo. La finta mela di foie gras è rivestita di clorofilla, poi gamberi rossi di Capo Rizzuto, polvere di crostacei, sidro di mele ridotto
Sgombro marinato agli agrumi, laccato con miele e aceto, spuma di pinoli e verdure fresche di campo. Alta classe
Dei tagliolini abbiamo già detto...
...e anche degli spaghettoni. «Un giorno vado al porto e un pescatore mi porta una triglia del golfo di Squillace. Fantastica, tutti la cucinano intera, io ne faccio un ragù crudo»
Capesante scottate, spugnole, fiore di zucchina, salsa di piselli, ragnatela di nero di seppia, aria di carote
Agnello del Marchesato, albicocche, asparagi, caviale di melanzane affumicate, salsa alle ciliegie. Ottima la costoletta, rivedibile il rollé di coscia stracotta e sfilacciata
Cremoso al cioccolato, liquirizia, foglia d'argento, meringa al lampone
Crema di latte, crustoli al vinocotto e spuma di agrumi. I crisolti sono la versione calabrese degli struffoli campani