Crema bruciata all’olio con garusoli

Carlo Cracco

INGREDIENTI

1,3 kg di seppie
450 g d’olio extravergine d’oliva (provenienza ideale: Sicilia o Calabria)
18 g di zucchero
6 g di sale
2 vaniglie del Madagascar
50 germogli di piselli verdi
10 g di sale maldon

200 di garusoli
1 carota
1 sedano
1 scalogno
1 spicchio d’aglio
5 bacche di pepe bianco
1 mazzetto di prezzemolo
4 l d’acqua
8 g di sale grosso
½ foglia d’alloro
50 g d’olio extravergine d’oliva

Per il burro all’olio
50 g di olio extravergine
25 g di burrocacao
16 germogli di piselli

PROCEDIMENTO

Pulire le seppie e asciugarle su carta assorbente per 1 ora circa. Mettere le seppie in una casseruola capace, coprendole con olio, sale, zucchero e vaniglia partendo da freddo. Cuocere per 2 ore, appoggiando sulle seppie un peso e senza mai superare una temperatura superiore ai 62°C. Terminate le 2 ore, filtrare al colino e far raffreddare fino a raggiungere la temperatura di 45°C. Raggiunta la temperatura, frullare al turbomix fino a ottenere una pomata d’olio. Tenere in frigorifero per 2 ore circa.

Cuocere in acqua e sale fino a ebollizione i garusoli con la carota, il sedano, il pepe bianco e lo scalogno. Scolare e conservare solo il frutto dei garusoli.
In un forno a pressione, cuocere a una temperatura di 120°C i frutti dei garusoli per 30 minuti circa, assieme a uno spicchio d’aglio e alla mezza foglia d’alloro. Terminata la cottura, grigliare i garusoli con poco olio.
Mettere 45 g circa di pomata d’olio alla vaniglia in un piatto di portata e gratinare a calore moderato per 7-8 minuti in una salamandra elettrica o in un forno statico non ventilato per 5 minuti circa a 240°C fino a colorazione della superficie. Otterremo così una crema bruciata salata. Adagiare sopra la superficie della crema i garusoli e un pizzico di sale maldon.

Sciogliere il burro di cacao, unirvi l’olio e fare solidificare in uno stampo quadrato in frigorifero per 1 ora. Sformare dallo stampo il burro all’olio. Grattugiarlo su un piatto piano, unirvi i germogli di piselli e qualche grano di sale grosso.

Note
Il burro all’olio viene servito per accompagnare la crema bruciata, per ricordare l’aroma di un olio ancora verde (nuovo).
LEGGI LA SCHEDA
Clicca qui per leggere il profilo dello chef
 crediti: Brambilla - Serrani

scheda-ristorante Cracco
Cracco

Clicca qui per leggere la ricetta

Cozze alla marinara
Ricetta presentata a
Identità Milano 2007

Clicca qui per leggere la ricetta

Datteri, puntarelle, alici marinate e burro di olio
Ricetta presentata a
Identità Milano 2009

Clicca qui per leggere la ricetta

Rigatoni, lattuga alla liquirizia e burro all’olio grattugiato
Ricetta presentata a
Identità Milano 2009

Clicca qui per leggere la ricetta

Riso al pepe di Sichuan, zenzero e acciughe
Ricetta presentata a
Identità Milano 2007

Clicca qui per leggere la ricetta

“Scaloppina” al limone e capperi
Ricetta presentata a
Identità Milano 2013

Clicca qui per leggere la ricetta

Rigatoni alla resina di mastica, funghi porcini crudi
Ricetta presentata a
Identità Milano 2011

Clicca qui per leggere la ricetta

Gamberi rossi al carbone, yogurt e coriandolo fresco
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012

Clicca qui per leggere la ricetta

La Milano sbagliata
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012

Clicca qui per leggere la ricetta

Pane al seitan, lingua di vitello, nocciole e capperi
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012

Clicca qui per leggere la ricetta

Salmone marinato e foie gras
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012