Spaghettoni di taralli con pomodorino di Torre Guaceto su pesto di cristauri e caciocavallo podolico

Felice Sgarra

INGREDIENTI

Per 2 persone
100 g farina di taralli
50 g farina di grano duro
2 uova intere
100 g pomodorino di Torre Guaceto
200 g cristauri puliti
Olio extravergine d’oliva
Brodo vegetale
20 g caciocavallo podolico (30 mesi)
Aglio

PROCEDIMENTO

Mondare i pomodorini e dividerli a metà, spolverarli di zucchero di canna, sale e olio extravergine e cuocerli in forno ventilato a 65°C per 180 minuti.

Tirare la pasta di taralli in una sfoglia sottile, infarinarla e arrotolarla. Con un coltello infarinato tagliare delle strisce larghe 1 cm e srotolarle una per una. Passare ogni striscia tra il palmo della mano destra e le dita della mano sinistra facendo scorrere via via la pasta verso il basso, ottenendo così degli spaghettoni irregolari.

Mondare i cristauri, lessarli in acqua bollente e passarli al passaverdura fino a ottenere un pesto grossolano. Aggiustare di sale. Lessare la pasta per 3-4 minuti in acqua bollente salata e saltarla poi con i pomodorini spellati.

Presentazione
Nel piatto formare un letto di pesto e adagiarvi sopra la pasta di taralli con delle scagliette di caciocavallo. Ultimare con l’olio extravergine.
 

LEGGI LA SCHEDA
Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Felice Sgarra

Clicca qui per leggere la ricetta

Millefoglie all’olio extravergine d’oliva con mousse di patata e ricotta su gelatina di mela cotogne e mandorle pralinate
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012