IG2015 - iscrizioni

Eat Out Awards 2014

Consegnati domenica con una grande cerimonia i premi ai migliori ristoranti e chef del Sudafrica

18-11-2014

Tutta la scena gastronomica sudafricana si è ritrovata lo scorso 16 novembre al Thunder City di Città del Capo, per la nuova edizione del premio organizzato dal magazine Eat Out 

Cominciamo con una notizia decisamente positiva: dopo la débacle dell’anno scorso in cui il premio per il migliore ristorante italiano era andato a una pizzeria sudafricana, quest’anno l’award è andato alla Sosta di Swellendam. Grande soddisfazione per Cristiana Ariotto (chef) e Gianni Minori (in sala), che dopo anni di grandi progressi hanno giustamente e meritatamente conquistato il titolo.

Detto questo, come ogni anno ci sono stati premi azzeccati e altri no. Quest’anno Eat Out Awards ha trovato un nuovo prestigioso sponsor, Mercedes Benz, che, insieme all’agenzia Paarlmedia, ha organizzato un evento di proporzioni notevoli a Thunder City, un grande hangar vicino all’aeroporto, allestito per l’occasione: 800 invitati, grandi schermi, enorme cucina a vista, regia quasi perfetta.

La cena di gala è stata preparata da sei dei venti chef nominati per i migliori ristoranti: Neil Jewell (Bread and Wine), David Higgs (Five Hundred), George Jardine (Jordan Restaurant), PJ Vadas(The Hog House), Bertus Basson (Overture) e Vanessa Marx (The White Room). Considerando il numero di persone, gli chef sono riusciti a servire una cena più che dignitosa, ben presentata e creativa.

Abigail Donnelly, editor di Eat Out Magazine, e altri cinque giudici hanno selezionato i ristoranti seguendo il solito criterio: 70% al cibo e vino, intesi come presentazione, sostenibilità degli ingredienti e rapporto qualità-prezzo, 20% al servizio e 10% all’ambiente. Quest’anno un maggior numero di giudici ha smorzato qualche polemica sulla serietà dei giudizi.

Chef Luke Dale-Roberts: il suo The Test Kitchen è stato votato come miglior ristorante dell'anno

Chef Luke Dale-Roberts: il suo The Test Kitchen è stato votato come miglior ristorante dell'anno

Ed ecco l’elenco dei vincitori 2014:

The Eat Out Boschendal Style Award: Equus at Cavalli, un nuovo ristorante in un bellissimo wine estate.
The Best Steakout Restaurant: The Local Grill a Johannesburg.
Best Italian Restaurant: La Sosta, Swellendam.
Best Country-style Restaurant: Café Bloom, in KwaZulu Natal
Best Asian Restaurant: Kyoto Garden Sushi a Cape Town

E poi i dieci migliori ristoranti:
1. The Test Kitchen, chef Luke Dale-Roberts
2. Five Hundred, chef David Higgs
3. The Tasting Room at Le Quartier Français, chef Margot Janse
4. Mosaic at the Orient, chef Chantel Dartnall (anche chef dell’anno)
5. Jordan Restaurant, chef George Jardine
6. Overture, chef Bertus Basson
7. Rust En Vrede, chef John Shuttleworth
8. DW Eleven -13, chef Martinus Ferreira
9. The Restaurant at Newton-Johnson, chef Eric Bulpitt
10. Terroir, chef Michael Broughton

Lannice Snyman Lifetime Achievment Award: Eduan Naudé e lo scomparso Brian Shalkoff, proprietari per 50 anni di Gramadoelas, a Johannesburg.
Nederburg Rising Star Award: Kobus Van Der Merwe di Oep ve Koep, un microscopico ristorante di Paternoster dove è praticamente impossibile mangiare, perché o sono pieni (6 posti) o sono chiusi. Mah.
Tsogo Sun Wine Service Award: Mandla Patson Mathonsi.

Al lavoro per la grande cena che ha accompagnato la cerimonia

Al lavoro per la grande cena che ha accompagnato la cerimonia

Negli ultimi mesi parecchi chef hanno lasciato i ristoranti in cui lavoravano per spostarsi in altri o per aprire insegne proprie e questo ha fatto sì che alcuni validi personaggi non fossero presenti. Il criterio di Eat Out è che uno chef deve avere trascorso almeno sei mesi in un locale per essere nominato.

Ancora una volta Luke-Dale Roberts l’ha fatta da padrone, vincitore di nuovo con Test Kitchen e pure nominato per il Pot Luck Club, David Higgs di Five Hundred eterno secondo (peccato), escluso dai top ten Peter Templehoff (The Greenhouse). Quest’anno c’è stata una maggior presenza di ristoranti di Johannesburg anche se la palma della ristorazione sudafricana la detiene ancora saldamente il Western Cape, con sette ristoranti nei primi dieci.


Rubriche - Giovanna a Capo-tavola

Il mondo della gola a Cape Town e dintorni raccontati da Giovanna Sartor

a cura di

Giovanna Sartor

Veneziana di nascita e milanese d'adozione, da gennaio 2010 si è trasferita a Città del Capo. Innamorata del Sudafrica, il suo sogno è produrvi prima o poi prosciutto San Daniele