Identità Expo

Le novità del Frantoio Gaudenzi

L'estate 2015 porta belle notizie per il produttore umbro, con l'auspicio di un'ottima annata

28-07-2015

Francesco Gaudenzi, dell'importante frantoio di Pigge, vicino a Trevi, racconta di una stagione per il momento perfetta, con temperature e piogge ideali

A partire dalla primavera scorsa, timeline e feed dei diversi social media – per lo meno per coloro che si interessano di olivicoltura ed extravergine – si sono riempiti di belle immagini di olivi prima in fioritura e poi in allegagione, la delicata fase in cui iniziano a svilupparsi i frutti sui rami: piccoli e timidi pallini che diventeranno olive.

Oggi, nel pieno dell'estate, le olive ci sono eccome: verdi e sanissime a testimoniare un'annata per il momento felice, facendo gli opportuni scongiuri che prosegua così fino al momento della raccolta. Dal Nord al Sud, è un'esplosione nei toni del verde – quello delle olive e delle foglie argentee degli alberi, e quello della speranza - che racconta la gioia di chi nel 2014 ha visto seriamente compromesso il lavoro di un anno intero, e che adesso ha voglia di riscatto. Anche i social servono allora a mostrare a tutti che questa sarà l'annata della rivincita, anche per chi se l'è cavata in qualche modo anche lo scorso anno.

Gli olivi di Gaudenzi ai primi di luglio

Gli olivi di Gaudenzi ai primi di luglio

I Gaudenzi ad esempio, famiglia di olivicoltori umbri ormai tutta impegnata nel frantoio di famiglia a Pigge, vicino Trevi, nel 2014 avevano dovuto rinunciare a realizzare diverse delle etichette della propria gamma ma erano riusciti comunque a produrre un eccellente QuintaLuna, l'extravergine di punta, grazie a un'accorta attività di presidio sui campi e poi a un attento lavoro in frantoio.

Importante anche la collaborazione con l'Università di Perugia e con il prof. Maurizio Servili, che va avanti da anni per rendere l'extravergine non solo ottimo, ma anche sempre più valido dal punto di vista del contenuto di polifenoli e altre sostanze benefiche per la salute.

Quinta Luna, extravergine di punta di Gaudenzi

Quinta Luna, extravergine di punta di Gaudenzi

Quest'estate porta belle novità per il frantoio umbro, quasi a rimarcare il netto cambio di passo rispetto allo sfortunato 2014, a cominciare dall'ampliamento della superficie coltivata: 10 nuovi ettari di oliveto specializzato in affitto nella zona del frantoio, dove crescono alberi delle stesse cultivar già presenti negli oliveti di proprietà. I nuovi olivi saranno interamente gestiti dal punto di vista agronomico dalla famiglia Gaudenzi, permettendo di aumentare la propria produzione già con il prossimo raccolto mantenendo gli standard abituali di qualità e andando incontro alle esigenze di clientela sempre più ampia ed estremamente fidelizzata, frutto di strategie commerciali che hanno puntato a creare rapporti diretti e trasparenti con i consumatori, molti dei quali acquistano direttamente. Chi assaggia l'olio di Gaudenzi una volta, difficilmente poi ci rinuncia.

Buone notizie anche per chi non può arrivare fino a Pigge per assicurarsi un extravergine top: gli oli di Gaudenzi, già distribuiti da Eataly a Roma, arrivano adesso anche da Eataly Istanbul ed entro l'anno voleranno anche a Monaco, dove Oscar Farinetti sta per mettere un'altra bandierina.

Adesso non resta che vedere cosa succederà nei prossimi mesi: «Per ora l'annata è perfetta - commenta Francesco Gaudenzi osservando le sue piante – Ci sono state sia le temperatura che le piogge ideali. La fioritura è stata ottima e abbondante e anche l'allegagione si è svolta alla perfezione. Adesso che siamo a inizi luglio le olive appaiono sane e sono abbondanti. A questo punto dobbiamo solo sperare che l'estate sia una estate vera e non come quella dell'anno passato».


Rubriche - Frantoio Squadrilli

Tematiche e identità legate all'olio extravergine d'oliva, raccontate da Luciana Squadrilli

a cura di

Luciana Squadrilli

giornalista, napoletana di nascita e romana d'adozione, cerca di unire le sue tre passioni: mangiare, viaggiare e scrivere