IG2017 - date

Antonia Klugmann

 crediti: Brambilla - Serrani

 crediti: Brambilla - Serrani

L'Argine

località Vencò
Dolegna del Collio (Go)
+39.0432.727730

LEGGI LA SCHEDA

È triestina di nascita, ma nel capoluogo giuliano non ha mai lavorato. Antonia Klugmann si sente a tutti gli effetti una friulana d'adozione. La cucina che propone è infatti legata al territorio in cui i ristoranti erano e saranno situati, ma anche ai ricordi personali legati alle materie prime e agli ingredienti. Si tratta di una ricerca costante di nuovi accostamenti e sensazioni e non di una rivisitazione della tradizione.

Antonia ha dimostrato con la sua grinta testarda di essere a tutti gli effetti una friulana doc, avendo ben assimilato le peculiarità della gente del Friuli Venezia Giulia. La cucina è sempre stata la sua passione, ed è entrata nel mondo della gastronomia mentre era iscritta all’Università di Milano, dove frequentava la facoltà di Giurisprudenza. Tuttavia, dopo aver superato un discreto numero di esami, scocca la scintilla che segnerà definitivamente la sua vita. Frequenta corsi di cucina generale e pasticceria della scuola Altopalato e poi decide di lasciare gli studi e di diventare chef. Intraprende così un periodo di apprendistato, che per 4 lunghi anni la vede ai fornelli dell'Harry's Grill di Trieste, sotto la guida dello chef Raffaello Mazzolini, successivamente sarà impegnata in vari stage in diversi ristoranti italiani.

L’esperienza si interrompe a causa di un incidente automobilistico che la costringe a rimanere ferma per lungo tempo, praticamente un anno. Sempre più entusiasta più dell'universo della gastronoma, nel 2006 decide di aprire, insieme al compagno Romano De Feo, l'Antico Foledor Conte Lovaria a Pavia di Udine. Sono fondamentali la stagionalità e l’elemento vegetale, due elementi costanti nelle sue creazioni. Antonia comincia anche a partecipare a varie manifestazioni: nel 2009 arriva in finale come Miglior chef emergente del Nord Italia, vince il torneo esordienti 2009-2010 della Prova del Cuoco e interviene al laboratorio del gusto di Paolo Marchi per l’evento Ein Prosit di Tarvisio.

Oltre ad essere innamorata del suo lavoro è anche appassionata di Vela: è istruttrice Adv nel Centro velico Caprera. Il 30 settembre 2011 è calato il sipario sul ristorante alle porte di Udine: Antonia si trasferisce per alcuni mesi al Ridotto di Venezia. Dalla tarda primavera 2013 l'approdo a Venissa sull'isola di Mazzorbo. E a dicembre 2014, il "suo" ristorante: L'Argine di Vencò, a Dolegna del Collio (Gorizia).

Ha partecipato a

Identità Milano


IdentitĂ  Golose
a cura di

Giuseppe Cordioli

Per lungo tempo redattore del Messaggero Veneto, divide la sua passione tra gastronomia e aviazione, soprattutto le Frecce tricolori

 


Clicca qui per leggere la ricetta

Garusolo, fagiolo gialet e spinacino
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012

Clicca qui per leggere la ricetta
crediti: Brambilla - Serrani

Carpaccio, midollo, cavolo nero e betulla
Ricetta presentata a
Identità Milano 2016

Clicca qui per leggere la ricetta
Foto: F. Brambilla - S. Serrani

I nervetti, la nespola e il caffè
Ricetta presentata a
Identità Milano 2015

Clicca qui per leggere la ricetta
Foto: F. Brambilla - S. Serrani

La valeriana, la nocciola e il sedano rapa
Ricetta presentata a
Identità Milano 2015

Clicca qui per leggere la ricetta
crediti: Brambilla - Serrani

Raviolini arrostiti alla cicoria selvatica
Ricetta presentata a
Identità Milano 2016

Clicca qui per leggere la ricetta
crediti: Brambilla - Serrani

Spinacio, ginepro e grappa
Ricetta presentata a
Identità Milano 2016

Clicca qui per leggere la ricetta

L’uovo e il cavolfiore
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012

Clicca qui per leggere la ricetta

Polpette di bollito, purea di pomodoro secco e cicoria
Ricetta presentata a
Identità Milano 2012